02apr 2015
al d. gelateria all'azoto
Articolo di: Fabiano Guatteri

La prima gelateria in Italia all’ azoto

Mercoledì 1 aprile  alla gelateria “ al d.” di Bergamo, Marios Gerakis, suo ideatore e patron , ha tenuto uno showcooking riservato alla stampa; per l’occasione ha preparato un gelato estemporaneo, ossia  in pochi secondi, utilizzando spremuta d’arancia, zucchero e azoto liquido

La dimostrazione precede l’apertura della gelateria, la prima in Italia all’azoto, prevista nella settimana successiva a Pasqua. Alla dimostrazione ha presenziato Davide Cassi, docente di Fisica della Materia presso l’Università di Parma, dove ha fondato e dirige il Laboratorio di Fisica Gastronomica ed è stato il primo presidente del primo Corso di Laurea in Scienze Gastronomiche dell’Università italiana. Cassi ha illustrato in termini scientifici  come nasce il gelato all’azoto: “l’idea tradizionale” ha spiegato “di gelato e sorbetto viene rivoluzionata: possiamo spremere un’arancia e mantecarne il succo all’istante, semplicemente versando azoto liquido mentre mescoliamo. Con notevoli vantaggi, non solo per il gusto: evitando del tutto l’utilizzo di sostanze estranee, abbiamo il controllo totale sugli ingredienti naturali e sulla loro qualità. L’azoto è assolutamente inerte: nessuna reazione chimica con gli ingredienti del gelato: anzi, li protegge dall’ossidazione”. 

Il gelato all’azoto supera quello tradizionale per almeno tre motivi:

il raffreddamento degli ingredienti avviene in pochi secondi; ciò impedisce la formazione di cristalli di ghiaccio e  conseguentemente il gelato è naturalmente più cremoso, setoso;

i cristalli di ghiaccio del gelato tradizionale anestetizzano il gusto impedendo la completa percezione dei sapori mentre questo non avviene con il gelato all’azoto che è apprezzato nella sua completezza gustativa; 

l’azoto estrae i sapori, li valorizza e pertanto permette di gustare il gusto originario della materia prima utilizzata: il gelato di lampone, per esempio, riproduce interamente il sapore del frutto, compresa la gradevole nota acidula, mentre nel gelato tradizionale al lampone il gusto risulta più appiattito, levigato.

Ma c’è di più. Marios Gerakis spiega che se si prepara un gelato utilizzando frutta, con il metodo tradizionale si ottiene “alla” frutta in quanto sono numerosi gli additivi utilizzati (è sufficiente leggere gli ingredienti del gelato che sono per legge dichiarati per rendersene conto), mentre nel caso si impieghi l’azoto si otterrà un gelato  “di” frutta. Infatti al centrifugato di frutta viene aggiunto solo zucchero quanto basta per addolcirlo e azoto e pertanto non ci sono additivi come grassi vegetali non meglio specificati, mono e digliceridi degli acidi grassi, grassi, emulsionanti, latte in polvere, latte, panna, zuccheri… utilizzati per rendere cremoso il composto. Si aggiunga che la gelateria non utilizza nessun semilavorato; anche per il gelato di pistacchi si parte dai frutti interi… e si sente. Questo gelato pertanto è adatto anche a chi  ha problemi di allergie e soddisfa anche i vegani. La gelateria al d. è in via Zambonate 51 a Bergamo.

1

2

3

Indirizzo : via Zambonate 51 Bergamo
Telefono : 035.0606273
I più letti del mese
18 MAGGIO, I GIOVEDÌ ALLA PINACOTECA DI BRERA: ARTE PITTORICA E MUSICA
I giovedì alla Pinacoteca di Brera, di cui abbiamo detto qui, proseguono, giovedì 18 con due iniziative: conversazione sulla Morte di Cleopatra di Guido Cagnacci (ingresso libero e gratuito sino a esaurimento posti) e su... Leggi di più
FIAMMETTA FADDA, GIORNALISTA ENOGASTRONOMA
90″ RAPIDA UN ASSAGGIO DEGLI SPAGHETTI RUSTICHELLA PIÙ VELOCI AL MONDO
Rustichella d’Abruzzo ha arricchito la sua offerta di pregiate linee di pasta creando degli spaghetti che richiedono solo novanta secondi di cottura senza sacrificare nulla al sapore o alla qualità della materie prime ut... Leggi di più
I PERCHÉ DI YUZU, RISTORANTE GIAPPONESE CON UNA NOTA NIKKEI
  Aggiornamento febbraio 2017 Il ristorante si conferma di grande affidabilità. Siamo tornati per provare altri piatti, in particolare il somen e l'ebi fry. Il somen (foto 3), zuppa fredda di spaghettini sottili è piac... Leggi di più
CHICCHE DAL VINITALY. FERMENTO E NOVITÀ NELL’EDIZIONE 2017
Qualche ricordo da Vinitaly 2017, per dove siamo riusciti ad arrivare. Tra i tanti vini meritevoli segnaliamo, in ordine alfabetico.   Basilisco tre nuovi cru Storico, Fontanelle, Cruà L’azienda del Vulture ha present... Leggi di più
IL FESTIVAL DEL SONNO - E ALTRE COSE DA FARE A LETTO
Un posto a Milano e Pedano presentano: IL FESTIVAL DEL SONNO - e altre cose da fare a letto domenica 28 maggio in collaborazione con Cascina Cuccagna Una giornata dedicata al riposo in tutte le sue forme, per imparare a... Leggi di più
TAGLIATELLE ALLA BARBABIETOLA CON SPECK E FUNGHI
APRE IL SAVINI TRUFFLE RESTAURANT COCKTAIL BAR AL NH PALAZZO MOSCOVA
A Porta Nuova, nel palazzo neoclassico già sede della prima stazione ferrovia (1840), oggi boutique hotel NH Milano Palazzo Moscova, è stato inaugurato il Savini Tartufi Truffle Restaurant e Cocktail Bar. E proprio qui, ... Leggi di più
AL MERCATO DEL SUFFRAGIO, QUANDO LA SPESA “ESPERIENZALE” DIVENTA UN DELIZIOSO MENU VELOCE
Se parliamo di cibo, fare la spesa al mercato è un'esperienza da riscoprire perché consente di riappropriarsi di un atto fondamentale di consapevolezza circa gli alimenti che assumiamo (e sulla loro produzione) e di appr... Leggi di più
Terrazza 12 il nuovo Lounge Bar nel cuore di Milano
Aggiornamento martedì 17 maggio 2016 Martedì 24 maggio aperitivo con musica dal vivo con Luca e Moy. Il programma della serata qui. -------------------------------------- Lunedì 9 marzo , in occasione del primo comple... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

BANNER COSMOFOOD 400x400-IT.JPG

 

 

berlucchi-new