20nov 2016
VINI SCLAVIA IN DEGUSTAZIONE DA LIEVITO MADRE, CON LUCIANO PIGNATARO
Articolo di: Fabiano Guatteri

Si è tenuta presso Lievito Madre al Duomo, la pizzeria milanese di Gino Sorbillo, di cui abbiamo detto qui,  una degustazione di vini Sclavia condotta dal giornalista Luciano Pignataro. Cinque i vini proposti, tre rossi, un bianco e un vino passito.

Ha aperto la degustazione il rosso Montecardillo Pallagrello nero Terre del Volturno 2014 prodotto con le omonime uve in purezza, fermentazione in acciaio,  affinamento in barrique per 12 mesi. Possiede colore rosso rubino, con sentori di frutta rossa; al gusto mostra un’accentuata spalla acida che stimola la salivazione, e una percettibile carica tannica nonostante l’affinamento di un anno in barrique. E’ un vino ancora scontroso che ha bisogno di ammorbidirsi.

Calù Pallagrello bianco Terre del Volturno Igp 2015, è prodotto con uve pallagrello bianche completate da fiano (15 per cento). Di colore giallo paglierino possiede tutta la freschezza, bevibilità, acidità tipiche del pallagrello e in più la corposità dettata dal fiano e assieme a questa un tipico sentore di mela. Del fiano va aggiunto che è un vitigno semiaromatico che evolve nel corso degli anni e questo fa fare sperare  in un’evoluzione di Calù.

Granito Casavecchia Terre del Volturno Igp 2012: il vitigno deve il nome al ritrovamento di una pianta nelle vicinanze di in una vecchia abitazione di contadini verso la metà dell’Ottocento. Vino che si distingue in maniera molto netta dal Montecardillo che è più rustico, più aggressivo con tannini più scalpitanti, mentre Granito ha sicuramente ambizioni per puntare più sull’eleganza, riproduce ricordi di frutta fresca, croccante, ben sostenuta da un corredo di note speziate. Vinificato in acciaio per 10-12 giorni, affina 12 mesi in barrique di secondo passaggio. Elegante, ha un bell’equilibrio tra alcol e tannini ed è ben sostenuto dall’acidità. Promette di poter invecchiare molti anni. Il Liberi Casavecchia di Pontelatone Dop 2012 prodotto unicamente con uve casavecchia macerate in acciaio; il vino è poi elevato per 24 mesi in barrique di primo passaggio è più morbido del precedente, con sentore legno più accentuate e note di cannella, spezie dolci, liquirizia ma anche buona frutta che dà sostanza al palato con acidità non scissa ma ben intessuta. E’ decisamente un vino da invecchiamento e sarebbe interessante stapparlo fra qualche anno.  Conclude la degustazione Pallarè 2015, vino passito, un esperimento do 500 bottiglie da 375 ml, ottenuto con uve pallagrello bianco. In bocca ricorda vini del nord, grazie alla freschezza; non ha eccesso di zucchero per cui non stanca il gusto ed è piacevolmente profumato di frutta fresca e di confettura, con note di miele.

1

2

3

4

Articoli Simili
I più letti del mese
AMARONE DELLA VALPOLICELLA 2005 TENUTA LE LUCI
Abbiamo già accennato alla Tenuta le Luci  (cliccare qui), nella Val d’Illasi, stretta e lunga vallata di origine alluvionale a est di Verona. Nove i vini prodotti. L’Amarone della Valpolicella Tenuta Le Luci 2005 è pote... Leggi di più
PIETRE SANTAFIORA AL FUORISALONE: WARKA WATER E CULTURE À PORTER  
Pietre Santafiora al Fuorisalone con le torri Warka Water (foto 2) e le sculture indossabili “Culture à porter” (foto 1-3-4-5)   Giovedì 6 aprile l’azienda lapidea d’eccellenza del Made in Italy, conquista la Terrazza ... Leggi di più
PASTA-B, DA SINGAPORE UN’OPPORTUNITÀ FUSION A MILANO
La storia di Pasta-B cominciò nel 1989 quando la famiglia Han aprì nella Chinatown di Singapore un locale specializzato nella produzione di pasta fresca, noodle e ravioli diversamente declinati. Arrivò presto il successo... Leggi di più
SERATA GOURMET CON LA CANTINA ZÝMĒ AL RISTORANTE ACANTO DI HOTEL PRINCIPE DI SAVOIA
  Nuovo appuntamento con le Serate Gourmet del ristorante Acanto: mercoledì 18 novembre è di scena l’azienda agricola Zýmē, saranno presenti in sala alcune rappresentanti della casa vinicola. Situata nel cuore della Va... Leggi di più
OMEGA 3, IL RISTORANTE MILANESE DEL PLATEAU ROYAL PER TUTTI
OMEGA 3, IL RISTORANTE MILANESE DEL PLATEAU ROYAL PER TUTTI Ristorante o trattoria? Cosa differenza l’uno dall’altra. Gualtiero Marchesi spiega che se ai fornelli c’è una brigata di cucina, si tratta di un ristorante, s... Leggi di più
Lucia Castellano, avvocata, consigliera in regione Lombardia
VINI BIOLOGICI PER APERITIVI ECCELLENTI DA GUSTOROTONDO
La serata sarà dedicata alla degustazione di vini di aziende che coniugano l’eccellenza della produzione con l’attenzione e la cura per il territorio in cui operano. Esempi di creatività, artigianalità e passione, con ... Leggi di più
ANDREA BERTON CHEF E PATRON DEL RISTORANTE BERTON
ALVEARE, UN NUOVO MODO DI CONSUMARE CIBI SANI A PREZZI EQUI
“L’Alveare che dice di sì” è presente in molti quartieri di Milano, ma anche in altre città di varie regioni e ha per mission proporre cibo di alta qualità a un prezzo equo per tutti. “L’Alveare che dice di sì” è un prog... Leggi di più
RYUKISHIN, CUCINA CASALINGA GIAPPONESE… E TANTI RAMEN
Dopo il successo dei food corner Zen Express in Expo, lo chef giapponese Tatsuji Matsubara, già patron dei ristoranti Ryukishin di Osaka, Kyoto e Londra, con il progetto Ryukishin by Zen Express ha aperto il suo nuovo lo... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

BANNER COSMOFOOD 400x400-IT.JPG

 

 

berlucchi-new