04mag 2017
VERTICALE DI MADRECHIESA, IL MORELLINO TOP DI GAMMA TERENZI PRESSO IYO
Articolo di: Fabiano Guatteri

L’azienda Terenzi, di cui abbiamo scritto del Morellino di Scansano Riserva Purosangue qui ha proposto mercoledì 3 maggio una verticale a Milano delle prime sei annate del Morellino di Scansano Riserva Madrechiesa al ristorante giapponese Iyo, cui è seguito un pranzo abbinato ad altri vini della maison. La Terenzi, fondata nel 2001 con l’acquisizione di un casale in Maremma, ha da subito applicato le migliori tecniche in vigna e in cantina, per esprimere il meglio del territorio. Azienda famigliare, ha sempre creduto nell’importanza determinante dell’intervento dell’uomo nella caratterizzazione di un vino e pertanto come filosofia non ha voluto imporre un proprio “stile”, ma lavorare per la valorizzazione dei vitigni. Nella produzione del Morellino di Scansano, per quanto il disciplinare di produzione preveda l’impiego di altri vitigni, l’azienda ha puntato sul sangiovese in purezza così da ottenere un rosso che rispetta il territorio e che risulta pulito, elegante al contrario di quei rossi locali soprattutto del passato, scuri, concentrati, “marmellatosi” che facevano supporre che fosse quella l’espressione dell’enologia maremmana. Il Morellino di Scansano Riserva Madrechiesa nasce nel 2009 con l’acquisto di una vigna in precedenza gestita in affitto. Si tratta di un progetto in evoluzione, che sta coinvolgendo i migliori appezzamenti della tenuta; ha suscitato subito interesse sul mercato e oggi conta su una produzione di 15 mila bottiglie più che raddoppiando quella iniziale. Madrechiesa è un brand nel brand , in quanto vive di luce propria. E’ un sangiovese diverso giocato in sottrazione per l’ottenimento un prodotto più bevibile di quelli tradizionali, diverso anche da un punto di vista cromatico considerato che è più scarico. Affina solo in botte, non in barrique, ma senza denigrarla, al contrario. Negli anni la barrique 90 era diffusissima, mentre oggi, che il clima più caldo impone altre esigenze, è la botte spesso a essere privilegiata e l’azienda l’ha adottata, per ottenere un rosso elegante modificando pure il modello viticolo: negli anni 90, per esempio, si diradava, e i diradamenti erano spesso esasperati, al fine di concentrare gli zuccheri; ma oggi il clima è più caldo e l’azienda anziché diradare preferisce alleggerire e dimezzare il peso dei grappoli, rallentare la maturazione per ottenere un’uva più equilibrata.
La verticale Madrechiesa:
il 2009 riproduce sentori di piccoli frutti rossi, nota di goudron, corpo pieno e tannini ben intessuti dotato di 14 gradi alcolici;
il 2010 possiede una gradazione meno sostenuta, ha maggiore acidità e tannini un po’ più presenti del 2009; è in vino rinfrescante con nota quasi balsamica;
la 2011 fu un’annata calda, e il vino esprime note di frutta matura, senza essere “marmellattoso”;
la 2012 fu un’annata calda, ma l’effetto brezza marina che mitiga e un settembre fresco hanno permesso di produrre un vino di complessità e di struttura, che rispetto all’annata precedente possiede acidità finale più marcata;
la 2013, annata fresca, da giugno in avanti il tempo fu bellissimo e il vino prodotto è molto equilibrato, con struttura e tannini presenti, finale avvolgente e teso;
il 2014 è un’anteprima non ancora in commercio, frutto di un annata con temperature piuttosto basse ma con settembre molto asciutto che ha permesso di raggiungere una maturità, anche fenolica, perfetta. Per quanto sia in divenire si rivela molto equilibrato, succoso, con frutto, carnoso e un grande potenziale
La verticale è stata preceduta dalla degustazione di due vini bianchi. Ad aprirla il Vermentino di Maremma Toscana Balbino. L’Azienda ha cominciato a produrlo prendendo come modello quello corso perché l’isola francese è alla stessa latitudine, ha una parentela climatica, oltre a essere più vicina della Sardegna e della Liguria, regioni italiane che producono “storicamnte” il Vermentino. Terenzi ha lavorato per esaltare le caratteristiche del territorio con la coscienza che il vitigno è il tramite per esprimerle. Nel caso specifico di questa zona dal clima caldo, ma posta a una certa altitudine, mitigato dalla brezza marittima, dal libeccio che arriva dal Tirreno, il Vermentino ha mantenuto eleganza e freschezza, la giusta acidità note floreali che ricordano i fiori d’arancio, la macchia mediterranea, note di frutta a polpa bianca, di pesca, sapidità finale che lo qualifica. Per esaltarne le caratteristiche semi-aromatiche in cantina l’uva è sottoposta dopo la pigiatura, a una breve macerazione pellicolare. Al Vermentino ha fatto seguito il Viognier Montedonico. Il Viognier è un vino bianco francese tradizionalmente affinato nel legno, con modesta acidità. La Terenzi ha voluto sottolinearne la freschezza e dopo alcune prove in legno ha preferito affinarlo in acciaio ottenendo un vino floreale di viola con nota citrina; il bocca entra largo, strutturato dotato di una certa grassezza, ma chiude con una bella acidità e con una nota di anice dolce.
Nel corso del pranzo, tra gli altri vini è stato servito il Petit Manseng 2013, dalle omonime uve appassite su graticci. Affina in barrique e in bottiglia. Di colore giallo dorato, ha profumo di frutta tropicale, di miele ed è pieno e avvolgente

1

2

3

4

Articoli Simili
I più letti del mese
MOSTRA FOTOGRAFICA DIAGONALI DI ANNA ANTONELLI A MILANO
Il 26 ottobre, si inaugura la mostra fotografica Diagonali (foto 1-3-4-5) di Anna Antonelli (foto 2) in occasione del lancio del nuovo numero della rivista FreeMagazine, presso lo Showroom LaMari Woman Store  in via Alfr... Leggi di più
MAESTRI ALL’OLMO, DA UN’IDEA DI DAVIDE OLDANI
"Maestri all'Olmo", è un'iniziativa ideata da Davide Oldani e realizzata in collaborazione con Istituto Professionale di Stato OLMO per l'Enogastronomia e l'Ospitalità Alberghiera di Cornaredo.
 Questa iniziativa prevede... Leggi di più
CINZIA TOMASSI. QUANDO UNA DONNA CHEF È COSTRETTA A ESPATRIARE
Cinzia Tomassi, romana, è cresciuta nell’ambiente ristorativo grazie alle due nonne che lavoravano entrambe come cuoche in trattorie di Roma e si è diplomata al liceo classico. Decisa a entrare nel mondo della cucina non... Leggi di più
Anna Bogoni, direttora di Elle a Tavola
RAMEN MISOYA MILANO: PER LA PRIMA VOLTA IN EUROPA
Ramen Misoya, brand nato in Giappone ed esportato con grande successo in tutto il mondo - da New York a Chicago, da Macau a Las Vegas, da Bangkok a Sao Paulo - sceglie Milano per il suo primo ristorante europeo. Il Rist... Leggi di più
VIGILA ANCHE TU SULLA MORTADELLA BOLOGNA IGP
Il Consorzio Mortadella Bologna  promuove il progetto: “Vigila anche tu sulla Mortadella Bologna Igp”. Da 18 anni il Consorzio Mortadella Bologna si impegna per la tutela e la valorizzazione della Mortadella ... Leggi di più
A STEFANIA VITI “PREMIO UMBERTO AGNELLI PER IL GIORNALISMO”
Fondazione Italia Giappone: a Stefania Viti la XVI Edizione del “Premio Umberto Agnelli per il giornalismo”. Cerimonia svoltasi a Palazzo Reale a Milano, il 25 novembre 2016   Nel corso dei lavori della XXVIII Assemble... Leggi di più
NORDIC GRILL MILANO: CUCINA E DESIGN DEL NORD
Aggiornamento 25 maggio 2016 Nordic Grill Milano inaugura il suo brunch domenicale, che accanto alla tradizionale grigliata di carne, propone un  buffet dolce e salato, con insalate, frittate, zuppe, uova strapazzate, b... Leggi di più
DI GAVI IN GAVI 2017 – UN’EDIZIONE RECORD!
 “E’ il bianco più importante del Piemonte, notoriamente Terra di Rossi e può essere la guida che ci fa scoprire una parte diversa dal resto della regione, una zona di grande bellezza con i suoi panorami e le... Leggi di più
VESYOUVIO E FRIE 'N' FUIE LA PREVIEW DEL SECONDO RISTORANTE A MILANO
Una grande festa per l'inaugurazione del nuovo ristorante VesYouVio e Frie 'N' Fuie lo scorso 22 aprile: 200 mq su due piani, angolo tra via Larga e Piazza Velasca con specialità di fritti napoletani, pizza a portafoglio... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new