07dic 2016
SHAKESPEARE CINQUE TESTI INTERPRETATI DALL’ACCADEMIA DEGLI ARTEFATTI
Articolo di: Lapo Ranieri

Teatro i : SHAKESPEARE, cinque testi di Tim Crouch Accademia degli Artefatti dal 12 al 20 dicembre.

 

 

A partire dal 12 dicembre a Teatro i, rivive Shakespeare attraverso il progetto di cinque testi del drammaturgo inglese Tim Crouch, portati in scena dall’Accademia degli Artefatti.

 

Finalmente a Milano sarà possibile assistere a tutti e cinque gli spettacoli, dei veri e propri “spin-off” che approfondiscono diversi personaggi scespiriani, indagandone la storia, le velleità e le pulsioni al di là delle parole del Bardo. Il folletto Fiordipisello di Sogno di una notte di mezza estate, prende la parola e racconta il “suo” sogno, Banquo ucciso da Macbeth torna sotto forma di fantasma, Calibano, il mostro della Tempesta riprende possesso della sua isola, Cinna riconsegna la storia del Giulio Cesare con i suoi occhi da poeta sgangherato, Malvolio si vendica dello scherzo crudele subito nella Dodicesima notte.

 

Cinque spettacoli per altrettanti giochi teatrali di immediata e coinvolgente ricezione: cinque affondi nella storia del teatro, cinque occasioni di guardare al contemporaneo attraversando le sue pieghe politiche, relazionali, civili, artistiche. I, Shakespeare è un’occasione per interrogare la convenzione teatrale, mettendola in crisi e rendendola ancora capace di parlare del, e al, presente a partire da testi che della stessa convenzione teatrale ne hanno segnato le fondamenta.

 

Ogni monologo è un gioco di società in cui lo spettatore ha un ruolo decisivo, quanto lo è quello dell’attore, un ruolo sempre diverso a seconda delle regole che ogni monologo mette in campo. Il coinvolgimento del pubblico è in ogni caso totale, sia quando lo spettatore resta un voyeur, sia quando è chiamato a recitare parti di testo. Nessun ruolo è mai imposto, ma è sempre possibile.

Giulio Cesare, Macbeth, La tempesta, Sogno di una notte di mezza estate, La dodicesima notte, sono fondamenta del teatro che diventano, grazie a Tim Crouch, le occasioni per ripensare la storia culturale occidentale e per presentarne le sue attuali possibili riattualizzazioni. Non si tratta di riscritture, ma di storie antiche che possono così riattraversare il nostro tempo.

La politica, la violenza, il conflitto tra storia e cultura, l’amore: ecco i temi che affrontano i testi shakespeariani, ma ecco anche quattro nodi intorno a cui leggere il presente, sviscerandone conflitti e contraddizioni, condividendone nuovi sguardi e prospettive. Come conciliare il puro intrattenimento, l’educazione teatrale e una possibilità di riflessione sul nostro presente?

 

 

I personaggi che danno il titolo ai drammi di Crouch sono sempre dei comprimari dei protagonisti shakespeariani.

 

Fiordipisello è uno dei folletti di Sogno di una notte di mezza estate, in cui appare solo due volte e dice solo una battuta “sono pronto”. Ma questa volta a Fiordipisello non mancano le parole, mancano gli attori della storia di cui è autore. Non gli resta che coinvolgere gli spettatori in un gioco moltiplicato di legittimità rappresentativa: chi può dire cosa e come? Gli spettatori, invitati inconsapevoli di un Sogno, diventano ora protagonisti della sua rappresentazione. Tutto è quello che era, ma è già qualcos’altro di cui non sappiamo ancora nulla.

 

Banquo è il generale dell’esercito scozzese di Re Duncan che Macbeth, nell’omonima tragedia shakesperiana, fa uccidere come avversario della sua corsa al trono. Banquo è stato ucciso e messo a tacere e ora torna, in forma di fantasma e prova a ricomporre i segni di una violenza di cui è stato vittima. Ma pur rivivendole la storia non muta il proprio corso. Macbeth e la sua Signora sono solo i corpi passeggeri di una voglia di potere che attraversa il tempo senza mai trovare soddisfazione, rivoltando lo stato delle cose, con l’unica conseguenza di lasciarlo sempre uguale a se stesso: territorio di conquiste, reali e effimere, ma pur sempre tragiche.


Il sangue è il segno di questa storia. Un sangue capace di sporcare anche i fantasmi (e gli spettatori, certo). Un sangue che poi si lava via, solo per lasciare spazio ad altro sangue. Banquo è il fautore di una visione. O ne è il protagonista. O forse solo un personaggio in mezzo ad altri. Resta da capire ognuno al posto di un altro come si comporterebbe. Banquo al posto di Macbeth. Uno spettatore al posto di Banquo. E ognuno, al suo posto o in quello di un altro, potrà rispondere alla domanda: il potere chi logora veramente?

 

Calibano è il mostro de La Tempesta, l’unico abitante dell’isola da cui Prospero scatena la tempesta. Calibano riprende qui possesso dell’isola con l’idea di dare vita a una nuova razza, che nascerebbe dal suo incontro carnale con Miranda.

 

Calibano è il rappresentante barbaro di un’altra idea di natura e anche di civiltà, e delle sue possibili (e impossibili) rivoluzioni. Crouch ne fa l’occhio e la voce di una nuova tragica possibilità di vita. Calibano ricostruisce sull’isola-palcoscenico la sua personalissima tragedia: in suo aiuto ci sono occasionali marianotte con cui Calibano, marionetta mostruosa anch’esso, può riaffogare nelle sue memorie, riemergere dai postumi dei suoi giochi magici e delle sue bottiglie di vino. La violenza dei giusti contro la giustizia (ingiusta) della storia e della sua letteratura. Uno squarcio intimissimo sul colonialismo culturale. Una ribellione dolcissima e già sconfitta. Una struggente ballata sulla nostalgia e sull’abbandono. Con abbondanti schizzi d’acqua per tutti.

 

 

Cinna è insieme il console Lucio Cornelio Cinna, coinvolto nell’assassinio del reverendo Cesare ed Elvio Cinna, poeta squattrinato vissuto all’ombra del più celebre Catullo.
Crouch riconsegna un Giulio Cesare rivisto con gli occhi, e riscritto con le parole di un ciondolante poeta che fa brutti sogni, e che non smette di trovarsi sempre nel posto sbagliato al momento sbagliato.

Questa è la vendetta di Cinna il poeta contro se stesso, e contro le parole e contro il popolo che lo ha ucciso: imparare nuovamente la propria storia e costruirne una nuova rappresentazione. Un racconto che non passa solo attraverso il media verbale ma anche quello delle immagini, specchi che moltiplicano una verità politica e sociale, dolorosamente irriducibile.

 

Malvolio nella Dodicesima notte è il servo, innamorato della padrona e caduto vittima di uno scherzo crudele. “Mi vendicherò di tutti voi!” minaccia alla fine della commedia scespiriana. Lo spettacolo di Crouch nasce da questo sentimento di rabbia e di rivalsa.

 

 

CALENDARIO

 

12 e 13 dicembre

IO, FIORDIPISELLO

da SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE

di Tim Crouch

traduzione Pieraldo Girotto

regia Fabrizio Arcuri

con Matteo Angius e Fabrizio Arcuri

produzione Accademia degli Artefatti

 

 

14 e 15 dicembre

IO, BANQUO

da MACBETH

di Tim Crouch

traduzione Pieraldo Girotto

regia Fabrizio Arcuri

con Enrico Campanati e Matteo Selis

produzione Fondazione Luzzati – Teatro La Tosse di Genova

 

 

16 e 17 dicembre

IO, CALIBANO

da LA TEMPESTA

di Tim Crouch

traduzione Pieraldo Girotto

con Fabrizio Croci

regia Fabrizio Arcuri

produzione Accademia degli artefatti, L’Uovo Teatro Stabile d’Innovazione onlus

 

18 e 19 dicembre

IO, CINNA (IL POETA)

da GIULIO CESARE

di Tim Crouch

traduzione Pieraldo Girotto

con Gabriele Benedetti

regia Fabrizio Arcuri

produzione Accademia degli Artefatti, CSS Stabile di Innovazione del FVG

 

 

20 dicembre
lettura scenica
IO, MALVOLIO

da LA DODICESIMA NOTTE
di Tim Crouch

traduzione Pieraldo Girotto

 

 

INFO E BIGLIETTERIA

TEATRO i

via Gaudenzio Ferrari 11, Milano

intero: 18 euro / convenzionati: 12 euro / under 26: 11,50 euro / over 60: 9 euro

biglietti per il 20 dicembre posto unico: 9 euro

giovedì vieni a teatro in bicicletta: 7 euro

info e prenotazioni: tel. 02/8323156 – 366/3700770 – biglietteria@teatroi.org – www.teatroi.org

biglietti disponibili su www.vivaticket.it

 

 

 

 

 

1

2

3

Indirizzo : via Gaudenzio Ferrari 11 Milano
Telefono : 02.8323156
Articoli Simili
I più letti del mese
BANCO 23, GASTRONOMIA, ENOTECA, CAFFETTERIA, BISTROT...
Banco 23 di via Ravizza, è un nuovo locale aperto da poco più di due mesi; non è un concept store, ma è sicuramente versatile con offerte ad hoc per ogni ora del giorno aperto dalle 7 alle 21 ed è costituito dal grande b... Leggi di più
“TI PORTA LONTANO” FINALE BARTENDERING: È LUCIO SERAFINO IL VINCITORE
Venerdì 13 gennaio, presso il Nik’s & Co. di Milano, è stato incoronato fra i 5 finalisti in gara, il  vincitore del concorso di Bartendering, istituito attraverso la piattaforma digitale “Ti Porta Lontano”.  Si tratta d... Leggi di più
L’OPERA AL CINEMA: RIGOLETTO. DALLA ROYAL OPERA HOUSE IN DIRETTA VIA SATELLITE NEI CINEMA ITALIANI
Grazie alla Nexo Digital, nell’ambito della stagione 2017-2018 del cartellone della Royal Opera House di Londra (foto 1), il prossimo appuntamento è martedì 16 gennaio 2018. L’opera: Rigoletto (fig. 2), di Gi... Leggi di più
BLANC DESIR: UN BRAND CHE REALIZZA SOGNI DI LUSSO
Tra Milano e Lecco, immersa nei desideri che solo un lago come quello manzoniano può destare e avverare, tra i luccichii delle sue acque e il verde alpino delle montagne che la circondano, nasce Blanc Desir: un brand che... Leggi di più
Franco Raggi, architetto designer
Ginger cocktail lab
Chi frequenta il Ginger cocktail ne va pazzo. Qui gli aperitivi sono accompagnati da un buffet di qualità che accontenta anche vegetariani e vegani con insalate, cereali vari, ma i carnivori possono rifarsi divorando pol... Leggi di più
IDENTITÀ GOLOSE MILANO 2017 LA TREDICESIMA EDIZIONE. CON TEATRO7|LAB
Identità Golose Milano 2017 si appresta a partire con la tredicesima edizione.   Per il secondo anno Eccellenza Ellenica scenderà in campo con i suoi prodotti haut de gamme, i veri protagonisti di una tre giorni tutta ... Leggi di più
In Italia i gemelli Berezutskiy, ambasciatori della nuova cucina russa
Sergey e Ivan dal “Twins” di Mosca pronti alla conquistadel Belpaese con un mix di modernità e tradizione Non poteva iniziare che da Expo la tournée enogastronomica in Italia dei gemelli Sergey e Ivan Berezutskiy, Ambas... Leggi di più
TATAZUMAI, QUATTRO GIORNI PER SCOPRIRE L’ANIMA DEGLI OGGETTI DA MUJI
Tatazumai, quattro giorni per scoprire l’anima invisibile degli oggetti a Milano da Muji In occasione del Fuorisalone di Milano, dopo Parigi e New York, è sbarcata al flagship store MUJI la mostra “Tatazumai”. “Tatazum... Leggi di più
QUANDO LA GRAPPA ACCOMPAGNA UNA CENA AL BOEUCC
La grappa è il distillato nazionale, nato povero e diventato nel tempo sempre più esclusivo, acquisendo morbidezza ed eleganza. Un tempo veniva proposta timidamente a conclusione di una cena importante, oggi invece è ser... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new