30nov 2016
RYUKISHIN, CUCINA CASALINGA GIAPPONESE… E TANTI RAMEN
Articolo di: Fabiano Guatteri

Dopo il successo dei food corner Zen Express in Expo, lo chef giapponese Tatsuji Matsubara, già patron dei ristoranti Ryukishin di Osaka, Kyoto e Londra, con il progetto Ryukishin by Zen Express ha aperto il suo nuovo locale a Milano dove prepara ramen declinati in diverse varianti anche in base alla stagionalità.

Il ramen è una minestra nipponica, molto spesso piatto unico, con alla base brodi talvolta complessi, segnatamente sapidi. A Milano il ramen c’è sempre stato, ossia da decenni, ma solo da qualche anno è diventato trendy riscuotendo sempre più consensi grazie anche a diverse “ramenerie” che hanno aperto i battenti in diverse zone della città.

Da Ryukishin si possono ordinare i piatti della cucina casalinga giapponese, per cui i ramen, oltre a portate di carne e di pesce in genere molto sostanziose, almeno in questa stagione tardo autunnale. L’ambiente ha arredi essenziali e un lungo bancone per chi non volesse accomodarsi ai tavoli. La carta propone cinque versioni di ramen, tutti comprensivi di noodle, che possono essere arricchite con uova marinate, ossia tipo bazzotte, sgusciate, immerse in una marinatura a base di salsa di soia e servite fredde. I sapori sono ben marcati; in particolare il Paitan Ramen (foto 2), che nasce da una ricetta mantenuta rigorosamente segreta dallo chef, è un brodo cremoso e vellutato a base di verdure e pollo, accompagnato da carne di maiale: ha la sapidità e la grassezza apprezzate da chi ama i sapori forti e sostanziosi, e una consistenza quasi densa; 13 euro + 1 euro se si vuole l’uovo. Il Miso ramen vegetariano (foto 1) è decisamente più leggero. La base è un brodo appena speziato a base di alghe kombu e funghi shiitake e comprende daikon tagliato a dischi in tempura, shiitake, germogli di soia, tufo, cipollato, bambu e alga nori cui è stato aggiunto, su richiesta, un uovo marinato. Il brodo è un dashi in cui le note umami sono accentuate dalla presenza del miso; è una preparazione delicata, ma non neutra; 12 euro + 1 euro se si vuole l’uovo. Abbiamo apprezzato i gyoza (foto 3), ravioli di maiale e cipollotto cotti alla piastra (disponibili anche di pollo e di verdure), dove la presenza del cipollotto fornisce oltre a note vivaci, piacevole morbidezza al ripieno; 5 pezzi 5 euro. Il pollo fritto nanban (foto 4) è un piatto molto saporito che consiste in una fetta di petto di pollo impastellata, fritta, quindi messa a marinare; è servita a temperatura ambiente con una salsa tartara leggermente agropiccante; 8 euro. Il maiale chashu (foto 5) consiste in pancetta fresca marinata in una miscela che comprende salsa di soia: è cotta lentamente e a lungo sino a ottenere una carne molto morbida, quasi fondente. Viene servita affettata con germogli di soia e di bambu ed è presente in alcuni ramen tra i quali il Paitan; 7 euro, + 2 euro con extra topping e uovo. Namban e chashu riproducono la cucina casalinga nipponica; per il gusto milanese sono molto saporiti, e non definibili light, ma danno soddisfazione ai palati più golosi. Ovviamente vi sono preparazioni più leggere, come i già citati ravioli. Da provare anche le alghe; 3,5 euro e gli appetitosi germogli di soia leggermente piccanti; 2 euro. Si avvicina al gusto italiano il kaarage e chips (foto 6 ), bocconcini di pollo impastellati e fritti accompagnati da patate anch’esse fritte; 7 euro. Per dessert mochi, tipico dolce giapponese formato in questo caso da un involucro di pasta di riso glutinoso ai gusti vari; 5 euro. Il Ryukishin, per concludere, non è né un sushi bar né un ristorante di alta cucina giapponese; volendolo rapportare alla nostra ristorazione, è paragonabile piuttosto una trattoria dove è possibile ordinare i piatti della tradizione senza le pretese che si avrebbero andando invece da uno chef stellato… e con un conto a sua volta non stellato. Economica anche la carta dei vini e dei sake.

 

Ryukishin
Ramen Bar & Restaurant
Via Ariberto, 1
20123 Milano
Telefono: 02.89408866
E-mail: info@ryukishin.it

Pranzo: dalle 12 alle 15, ultimo ordine entro le 14.30
Cena: dalle 19 alle 23.30, ultimo ordine entro le 22.30

Turno di chiusura: domenica

 

1

2

3

4

5

6

Indirizzo : Via Ariberto 1 Milano
Telefono : 02.89408866
Articoli Simili
I più letti del mese
CRISTALLO MARINO NEL DESERTO DI PORPORA
Sulle note di Desert Rose nasce il mio "Cristallo marino nel deserto di porpora" Nelle sabbie del deserto di frutto originario della calda Africa dai colori purpurei e brillanti c'è una Rosa Marina che lungo tempo ha tra... Leggi di più
SECCA DEL CAPO COLOSI VINO BIANCO SAPIDO E VIBRANTE
Le Cantine Colosi producono vini di Salina e Malvasia delle Lipari dalla fine degli anni ottanta. Secca del Capo, Salina Indicazione Geografica Tipica, è ottenuto unicamente con uve malvasia allevate su terreno vulcanico... Leggi di più
SAN VALENTINO CON T’A MILANO AL SALON DU CHOCOLAT
Arriva finalmente a Milano il Salon du Chocolat, la grande fiera internazionale del cioccolato, che da ormai 20 anni riscuote enorme successo in tutto il mondo. La prima edizione milanese, che si gioverà della fortunata ... Leggi di più
Funny's Sicily - Temptation Island c/o AlBar Milano 11 luglio 2015

AlBar Milano presenta l’11 luglio, dalle ore 19, Funny’s Sicily – Temptation Island, l’evento dedicato alle isole più belle del mondo. Funny’s è un nuovo format per un weekend all’insegna del divertimento, della musica e... Leggi di più
Sul Sushi Tram Sake
Siamo saliti sul Sushi Tram Sake per il viaggio inaugurale dedicato alla stampa. Le modalità dei tour dei giorni successivi si svolgeranno con le modalità riportate nel programma recentemente da noi pubblicate. L’evento ... Leggi di più
Pier 52 autunno 2015
Abbiamo già avuto modo di scrivere di Pier 52, ristorante a vocazione ittica con piatti di carne di ricercati. Con l’arrivo dell’autunno il titolare Edi Beqja insieme con lo chef contitolare Pietro Penna, ha presentato a... Leggi di più
190 ANNI MA NON LI DIMOSTRA: IL TEMPORARY SHOP CAFFAREL
A Milano il primo temporary shop Caffarel per far conoscere le delizie del suo cioccolato. Il maître chocolatier piemontese che per primo, nel 1865, inventò il gianduiotto (diventato poi un simbolo di Torino) ha scelto ... Leggi di più
DAI CONTADINI, DOVE I PRODOTTI ALIMENTARI SI POSSONO COMPRARE... CON CREDITI
di Alessio Bini   In un piccolo comune della lucchesia, in Toscana, c’è un negozio di alimentari dove si possono trovare ancora i prodotti locali. Non i prodotti biologici certificati, ma semplicemente i prodotti... Leggi di più
SALON DU CHOCOLAT, L’UNICO EVENTO CHE ESALTA LE ECCELLENZE DEL CIOCCOLATO
Il cioccolato mette quasi tutti d’accordo su quanto sia il prodotto più goloso per eccellenza. Non a caso è stato definito “cibo degli dei” cui è difficile resistere: capace di consolare gli animi, sedurre i corpi, regal... Leggi di più
al d. gelateria all'azoto
La prima gelateria in Italia all’ azoto Mercoledì 1 aprile  alla gelateria “ al d.” di Bergamo, Marios Gerakis, suo ideatore e patron , ha tenuto uno showcooking riservato alla stampa; per l’occa... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new