11mar 2017
RITORNO ALL’ESSENZA: LA PROPOSTA DE LES PETITES MADELEINES
Articolo di: CityLightsNews

Carattere degli ingredienti scelti, ricerca di tutte le loro sfumature di sapore, continuità con la tradizione, sorpresa per gli abbinamenti inattesi tracciano il percorso della proposta gourmet del Ristorante del Turin Palace Hotel e dei piatti creati per il progetto “Colours& Feelings

E’ il singolo ingrediente, nella pienezza delle diverse sfumature del suo sapore, il vero protagonista della proposta gourmet per la primavera/estate de Les Petites Madeleines. Scegliendo la semplificazione a linee guida, Stefano Sforza, Executive Chef del Ristorante del Turin Palace Hotel, punta all’”essenza”. Essenza che si stempera nella forza espressiva di ogni ingrediente, frutto di una ricerca accorta volta a promuovere realtà di nicchia espressione della migliore tradizione italiana; nel gusto, netto, autentico e comprensibile; nell’impiattamento, elegante, armonico, bilanciato.

“Nella proposta di stagione – spiega chef Sforza – si trovano i risultati della nostra continua ricerca tesa a esaltare il sapore di ogni ingrediente alleggerendo i condimenti, utilizzando tecniche di cottura, prevalentemente brevi e a bassa temperatura, modalità di preparazione funzionali alla digeribilità e alla leggerezza e una selezione di prodotti di valore anche per i modi in cui vengono coltivati ed allevati”.

Il risultato sono piatti concreti, capaci non solo di valorizzare il “carattere” di ogni ingrediente, ma anche di promuovere quella “memoria” del gusto legata all’esperienza personale. Il cibo recupera così la sua pienezza e la sua naturale “vocazione all’evocazione”.

Ad esemplificare questa filosofia del sentire è il percorso tra cucina-arte e design di “Colours&Feelings”, dichiarazione d’amore che il Turin Palace Hotel e Les Petites Madeleines fanno all’Arte e a Torino, divenendone simbolici interpreti ed ambasciatori. Per l’intera durata della mostra “L’emozione dei colori nell’arte” (Gam, 14 Marzo/23 Luglio 2017) proporranno infatti nella propria carta gourmet e nella drink list un piatto “Il Bianco e Il Nero” (foto 2) e un cocktail “Il Verde e Il Rosso” (foto 1)  ispirati ad alcune delle opere esposte nella mostra.

La forza estrema, il contrasto assoluto: Il Bianco e Il Nero

Due colori opposti, simbolici, arcaici, rappresentazione dell’inizio e della fine. Due opere - “Pietra di latte” di Wolfgang Laib (1983) e “Vantablack” di Anish Kapoor (2000) – capaci di esprimerli con forza assoluta. Queste le premesse de “Il Bianco e il Nero”, piatto capace di fondere arte, gastronomia e design.

Interprete unica è la seppia il cui nero è parte della base acida, profumata, croccante e inattesa, mentre il bianco del corpo regala un gusto dolce e delicato affine a quel “latte” dell’opera di Leib. Il piatto di portata scelto, ispirato a Anish Kapoor, riesce infine a rendere il contrasto tra le superfici opache e quelle lucide, concave e quindi disorientanti, tipiche delle opere dell’artista.

“Per questo piatto – spiega Chef Sforza - ho utilizzato degli ingredienti molto semplici cercando di valorizzarli. Il particolare trattamento a cui è stata sottoposta la seppia consente di ottenere un foglio che, molto sottile e facile da modellare, risulta anche morbido e piacevole all’assaggio”. Ricercato lo studio della forma che, ricordando il classico tagliolino di pasta fresca, allude ad un “classico” della tradizione. “A bilanciare gli equilibri dei sapori ci pensano la tapioca, per il tocco croccante, e lo yuzu, sorprendentemente acido”.

Sulla strada del colore: Il Verde e il Rosso celebra “Amore”

E’ “Amore” (1980-1981), l’opera dell’artista Nicola De Maria, ad ispirare il cocktail “Il Verde e Il Rosso”, armonico mix di infuso di dragoncello, assenzio, gin “The Botanist”, Combava, dragoncello, zucchero di canna e sciroppo di te verde di matcha. Un drink fresco, dolce e morbido, ma anche impattante grazie al suo gioco di colori, espressione di mondi e di emozioni: il verde, rappresentazione della natura, ed il rosso, colore dell’energia, invitano rispettivamente alla calma e alla passione.

Un contrasto che si legge anche negli ingredienti che connotano le due anime. .

 

 

1

2

Indirizzo : via Sacchi 8 Torino
Telefono : 011.0825321
Articoli Simili
I più letti del mese
UN MENU A QUATTRO MANI DA TIRAMUSÙ DELISHOES CON NICOLA DELFINO
Tiramisù Delishoes è un Fashion Restaurant Dessert Bar, ossia un’offerta ristorativa e bar cui si unisce la componente fashion di scarpe da donna e accessori: una location concept di food & fashion made in Italy. In occa... Leggi di più
MOTOBAR, COLAZIONI E APERITIVI DI QUALITÀ NEL MOTOQUARTIERE A MILANO
E’ da poco nato un nuovo punto di riferimento nella mappa sempre più ricca e vivace di Milano, la capitale italiana del food e della moda. È quello che è destinato a diventare in poco tempo il locale più cool del M... Leggi di più
Copertino Rosso Eloquenzia 2010
Il Copertino Rosso  Eloquenzia 2010 della Severino Garofano, prodotto unicamente con uve negroamaro, vinificato senza passaggi in legno, è un vino intenso, ampio, ma senza brezze speziate più o meno intense con buona cor... Leggi di più
A CENA CON LA DUCHESSA: IL GUSTO FA EPOCA 
Nel Salento, banchetto rinascimentale con le eccellenze enogastronomiche pugliesi e un menu storico, firmato dalla Chef Sara Latagliata. Martedì 8 agosto, nel Castello di Castrignano dei Greci (Lecce), si terrà “A... Leggi di più
IL COMUNE DI MILANO LANCIA IL PORTALE DELL'ASSISTENZA DOMICILIARE
Welfare. Dalla tata alle riparazioni in casa, il Comune lancia wemi.milano.it  il portale dell'assistenza domiciliare Serve aiuto per trovare una tata o una badante? Per fare delle piccole riparazioni in casa o effettua... Leggi di più
DA COTÒLICIOUS, IL POLLO IMPANATO COME MAI ASSAGGIATO PRIMA
Scottadito, alette, panini e insalate con crostini di pollo italiano al 100%, proposto in tagli e panature speciali da gustare nei CotòCorner all'angolo tra Via Bocconi e Viale Bach, in Piazza Luigi di Savoia e, in prima... Leggi di più
TORTELLINI CON OLIO EVO TOSCANO IN CIALDA DI PARMIGIANO
Zuppa di shitaki
RITRATTI DI DONNE DEL VINO. CAMILLA GUIGGI: IO PARTO DAL VINO.
La famiglia di origini equamente divise tra Toscana ed Emilia, un padre appassionato di vino che la porta in cantina ad imbottigliare quando aveva tre anni, nonne che cucinano: la stoffa di base è quella di una predestin... Leggi di più
Purosangue
PUROSANGUE: TERENZI PRESENTA A VINITALY E PROWEIN L’ANIMA MODERNA DEL SANGIOVESE Durante le due fiere la cantina di Scansano farà scoprire in anteprima l’annata 2012 del suo Morellino di Scansano Riserva VINITALY - Pad... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new