06dic 2017
PREMIO LAUDEMIO 2017 | NOMINATO IL VINCITORE ALLA FINALE A MILANO
Articolo di: Fabiano Guatteri

Laudemio è un Consorzio di ventuno olivicoltori delle colline della Toscana Centrale che ha per mission valorizzare, promuovere ed evidenziare il più elevato profilo qualitativo della produzione di oli del proprio territorio. L’ispiratore e fondatore di Laudemio è Vittorio Frescobaldi e il progetto, pienamente realizzato, permette di conoscere uno spaccato della più qualificata olivicoltura toscana, attraverso gli oli delle singole fattorie, ognuno appartenente a una micro realtà rappresentata dalla propria fattoria. Per potersi fregiare della denominazione Laudemio i produttori devono rispettare un rigido disciplinare di produzione che prevede, tra l’altro: 

l’iscrizione degli oliveti in un apposito album per individuare tipologia ed età delle piante; in relazione alla natura dei terreni, all’esposizione e alle cultivar la codifica di veri e propri cru;
la raccolta deve avvenire entro il 30 novembre con il distacco diretto delle olive dai rami, con tempi di conservazione tra raccolta e frangitura non superiore a 48 ore;
la frangitura è meccanica a freddo previo lavaggio e defogliazione delle olive; le vasche di raccolta sono acciaio e garantiscono a una temperatura non superiore a 28 °C. L’olio è infine filtrato.

In tale logica di promozione è stato istituito il Premio Laudemio. Per diffondere la conoscenza dei propri oli Laudemio ha istituito un concorso rivolto agli chef dell’alta ristorazione, di fatto potenziali ambasciatori di questo ingredienti imprescindibile nella cucina italiana oltre che mediterranea e non solo. Il concorso ha si è snodato quest’anno in un viaggio nell’alta ristorazione che ha raggiunto Ristoranti quali Aroma, chef Giuseppe di Iorio, a Roma; I Portici, chef Agostino Iacobucci, a Bologna; Ora d’Aria, chef Marco Stabile a Firenze; Magorabin, chef Marcello Trentini a Torino; Sushi B, chef Nobuya Niimori, a Milano; Il Comandante dell’Hotel Romeo di Napoli, chef Salvatore Bianco; Ristorante Vun dell’Hotel Park Hyatt di Milano, chef Andrea Aprea; Antinoo's Lounge & Restaurant del Centurion Palace Hotel di Venezia, chef Massimo Livan. Ogni chef ha interpretato l’olio Laudemio attraverso un menu di quattro portate: antipasto, primo piatto, secondo piatto e dessert (quest’ultimo fuori concorso).
La serata conclusiva della prima edizione del Premio Laudemio si è svolta martedì 28 novembre, all’Hotel Excelsior Gallia di Milano ha premiato lo chef Salvatore Bianco del Ristorante Il Comandante. Sul secondo gradino del podio Marco Stabile del Ristorante Ora d’Aria; piazza d’onore per Giuseppe Di Iorio del Ristorante Aroma. Protagonista della serata, l’ olio Laudemio interpretato in sei piatti d’Autore serviti rigorosamente alla cieca ai cinquanta “giudici”: ha aperto le danze “Amaro al cubo” (foto 2), antipasto di chef Marco Stabile, seguito dal “Baccalà in olio cottura su crema di ceci neri della Murgia Carsica e lamelle di bottarga di muggine” (foto 3) di Giuseppe Di Iorio. A seguire i primi piatti: “Raviolini ripieni di Laudemio in brodo di cappone profumati al tartufo nero pregiato” (foto 4) di Di Iorio, quindi “Riso, Laudemio e olive” (foto 5) di Salvatore Bianco. Per chiudere, i due secondi piatti: “Assolo d’agnello” (foto 6)) di Salvatore Bianco, e “Faraona pochè nel Laudemio, crema e chips di topinambur, alga gigartina e ice-lime” (foto 7) di Marco Stabile. La somma dei punteggi ottenuti dai due piatti che ha decretato la vittoria dello chef partenopeo, vale un viaggio premio in Istria alla scoperta delle bellezze e dei tesori enogastronomici di una regione che già gli antichi Romani consideravano, insieme all’Etruria, terra d’elezione per il miglior olio extravergine d’oliva.  A premiare i vincitori, Diana Frescobaldi, Presidente del Consorzio Laudemio, e Fausto Arrighi, ex Direttore della Guida Michelin e Presidente del Concorso, coadiuvati da Fede & Tinto, i noti conduttori di Decanter, il programma DOP di Radio2 dedicato all’enogastronomia.  La serata è stata anche l’occasione per presentare l’annata 2017 del Laudemio frutto del raccolto appena concluso, qui la produzione Frescobaldi (foto 8) al nostro tavolo già ampiamente degustata.

 

1

2

3

4

5

6

7

8

Indirizzo : Via dei Serragli, 133 Firenze
Telefono : 055.2337134
Articoli Simili
I più letti del mese
“TI PORTA LONTANO” FINALE BARTENDERING: È LUCIO SERAFINO IL VINCITORE
Venerdì 13 gennaio, presso il Nik’s & Co. di Milano, è stato incoronato fra i 5 finalisti in gara, il  vincitore del concorso di Bartendering, istituito attraverso la piattaforma digitale “Ti Porta Lontano”.  Si tratta d... Leggi di più
Franco Raggi, architetto designer
BLANC DESIR: UN BRAND CHE REALIZZA SOGNI DI LUSSO
Tra Milano e Lecco, immersa nei desideri che solo un lago come quello manzoniano può destare e avverare, tra i luccichii delle sue acque e il verde alpino delle montagne che la circondano, nasce Blanc Desir: un brand che... Leggi di più
Ginger cocktail lab
Chi frequenta il Ginger cocktail ne va pazzo. Qui gli aperitivi sono accompagnati da un buffet di qualità che accontenta anche vegetariani e vegani con insalate, cereali vari, ma i carnivori possono rifarsi divorando pol... Leggi di più
IDENTITÀ GOLOSE MILANO 2017 LA TREDICESIMA EDIZIONE. CON TEATRO7|LAB
Identità Golose Milano 2017 si appresta a partire con la tredicesima edizione.   Per il secondo anno Eccellenza Ellenica scenderà in campo con i suoi prodotti haut de gamme, i veri protagonisti di una tre giorni tutta ... Leggi di più
In Italia i gemelli Berezutskiy, ambasciatori della nuova cucina russa
Sergey e Ivan dal “Twins” di Mosca pronti alla conquistadel Belpaese con un mix di modernità e tradizione Non poteva iniziare che da Expo la tournée enogastronomica in Italia dei gemelli Sergey e Ivan Berezutskiy, Ambas... Leggi di più
TATAZUMAI, QUATTRO GIORNI PER SCOPRIRE L’ANIMA DEGLI OGGETTI DA MUJI
Tatazumai, quattro giorni per scoprire l’anima invisibile degli oggetti a Milano da Muji In occasione del Fuorisalone di Milano, dopo Parigi e New York, è sbarcata al flagship store MUJI la mostra “Tatazumai”. “Tatazum... Leggi di più
QUANDO LA GRAPPA ACCOMPAGNA UNA CENA AL BOEUCC
La grappa è il distillato nazionale, nato povero e diventato nel tempo sempre più esclusivo, acquisendo morbidezza ed eleganza. Un tempo veniva proposta timidamente a conclusione di una cena importante, oggi invece è ser... Leggi di più
LA VITE E’DONNA: IL MONDO DEL VINO È SEMPRE PIÙ FEMMINILE
Il mondo del vino è sempre più femminile ma ancora troppo poco presenti sono le donne all’interno del mondo della ristorazione e delle sommellerie.  Questo l’argomento centrale di un bel convegno organizzato ... Leggi di più
PEEL PIE BIRRA MÉTHODE CHAMPENOISE DEBUTTA AL MARTINI DOLCE&GABBANA
La trilogia di birre Peel Pie è stata presentata mercoledì 5 luglio al Martini Dolce&Gabbana di Milano. Si tratta di birre prodotte con uno stile che vuole soddisfare il gusto femminile e le procedure enologiche della sp... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new