02ago 2015
Moët & Chandon MCIII: Champagne de Champagnes
Articolo di: Fabiano Guatteri

Quando partecipai, alcune settimane fa, alla pre-anteprima di Moët & Chandon MCIII 001.14 a Milano, ebbi l’impressione di aver vissuto un’esperienza unica, di aver degustato l’essenza del meglio. Non si trattava di aver bevuto uno Champagne più o meno buono, ma di una nuova concezione dello Champagne stesso, per come è stato “concepito”, per come ha saputo intessere annate ed elementi diversi. Non ne abbiamo parlato subito perché la Maison ci ha chiesto un silenzio stampa che solo da poco ha interrotto. A spiegare cosa sia MCIII 001.14 è stato Benoît Gouez, chef de cave Moët & Chandon; cominciamo dal nome: MC è l’acronimo della casa, III indica il numero di strati che lo compongono; 001 è il numero della cuvée, ossia la prima, e 14 l’anno della sboccatura (2014). 

I tre strati, sono selezioni di vini e Champagne maturati rispettivamente in acciaio, in legno e in vetro. 

Il primo strato, che rappresenta il 37-40% del blend, è l’universo del metallo, ossia Chardonnay e Pinot nero annata 2003, fermentati e invecchiati in tini di acciaio inox. E’ la componente frutto, frutta matura come quella estiva maturata dal sole più caldo dell’anno. 

Il secondo strato è il legno, 37-40%. Si tratta del mix Grand Vintage delle annate 1998, 2000 e 2002 elevate prima in grandi botti di rovere, e in seguito in tini di acciaio. Questo strato accompagna la freschezza fruttata con le note più calde del legno che suggeriscono nuance speziate

Il terzo strato è il vetro, 20-25%, vale a dire gli Champagne delle annate 1993,1998 e 1999 invecchiati in bottiglia ed è la componente che aggiunge eleganza all’eleganza, mineralità, note suadenti, avvolgenti e maturità. 

Benoît Gouez, in occasione della pre-anteprima, ci fece degustare i singoli elementi che coralmente compongono la polifonia di questa edizione e dopo aver assaggiato il 1993 un pensiero ad alta voce poteva essere, perché “rovinare” tanta perfezione inserendo questa annata in un blend? E invece degustando subito dopo MCIII sì è sentita la differenza, e cioè, come detto, la sensazione non solo di aver degustato uno Champagne eccellente, ma anche una referenza diversa, una nuova concezione del prodotto in cui complessità e immediatezza si tengono per mano. Bollicine finissime, cremose, garbate imperlano un vino giallo caldo che vira al dorato. I profumi sono ampi, ricchi, con note di cacao che fanno da contrappunto a sentori agrumati, di buccia d’agrume confit. Il sapore è travolgente, ancora agrumi confit, frutta estiva, note minerali, e speziate con un equilibrio di sapori che comprende reminiscenze umami. MCIII sarà commercializzato in settembre: circa 20 mila bottiglie prodotte, e un prezzo orientativo al pubblico di 500 euro la bottiglia. Va detto del packaging che richiama un’Extreme Luxury Experience e riprende i tre strati: il vetro nero e luminoso della bottiglia, il metallo del cappuccio e del medaglione alla base, mentre il terzo universo è rappresentato dallo scrigno di legno. La bottiglia allude discretamente, con la sua forma delicata e minimalista, all’innovazione esclusiva di cui è simbolo.

1

2

3

4

Articoli Simili
I più letti del mese
La versione di Simone Rugiati degli english beef and lamb
Appuntamento al Foodloft, la Factory House di Simone Rugiati a Milano. Ad accogliere pochi giornalisti oltre a Rugiati, Jeff Martin, responsabile dell’AHDB Beef & Lamb l’Ente inglese che promuove nel mondo le carni bovin... Leggi di più
IL MERCATO DEL SUFFRAGIO COMPIE UN ANNO E OFFRE IL 15% DI SCONTO
Il Mercato del Suffragio, di cui abbiamo scritto qui,  parte del progetto di recupero del Comune dei mercati comunali; é lo spazio gestito da Davide Longoni (fornaio e panificatore milanese), insieme ad altri due grandi ... Leggi di più
Risotto con la zucca
I VINI VERDICCHIO E ROSSO PICENO DELLA TENUTA DI TAVIGNANO
Stefano Aymerich di Laconi e Ondine de la Feld in rappresentanza della Tenuta di Tavignano, hanno presentato, coadiuvati dall’enologo Giulio Piazzini, quattro referenze di Verdicchio delle quali due Riserva e un Rosso Pi... Leggi di più
SI ACCENDE IL NATALE DA PECK | MILANO GOURMANDE
E' dal 1883 che Peck,  via Spadari 9 a Milano è l'indirizzo del tempio delle leccornie cittadine, soprattutto a Natale. Ricordo diversi anni fa, quando una amico americano gourmand ne varcò la soglia per la prima volta ... Leggi di più
BABINGTONS E IL MONDO DEL TÈ. I NUOVI APPUNTAMENTI 2017
Con l’inizio dell’anno nuovo riprendono gli appuntamenti da Babingtons, la storica Sala da Tè romana di Piazza di Spagna e con essi alcune novità. Le Babingtons Expert Classes rappresentano un ciclo di incontri per intr... Leggi di più
TEATRO7 PRESENTA A MILANO: IL NUOVO PROGRAMMA SETTEMBRE-OTTOBRE 2017
TEATRO7 PRESENTA A MILANO: IL NUOVO PROGRAMMA SETTEMBRE-OTTOBRE 2017 7 CHEF PER TEATRO7 Il nostro Resident Chef Alessandro De Santis ha confezionato per Voi una serie di proposte estremamente interessanti e divertenti, n... Leggi di più
BRESCIA SI VESTE DI VERDE CON FIORINSIEME 2017
Brescia si veste di verde con Fiorinsieme 2017, i giardini sensoriali e della salute che invadono piazza della Loggia dal 2 al 10 settembre. E’ in corso a Brescia, fino a domenica 10 settembre, la dodicesima edizio... Leggi di più
VECCHIE VITI PROSECCO SUPERIORE DOCG BRUT 2014 RUGGERI
La Cantina Ruggeri è stata fondata a Santo Stefano di Valdobbiadene, in provincia di Treviso, nel 1950 da Giustino Bisol. La prima sede disponeva di un piccolo spazio, successivamente di una struttura più ampia sino al d... Leggi di più
Tre consistenze di calamaro

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.