25giu 2017
MAROLO, 40 ANNI DI SPIRITO DEL TERRITORIO
Articolo di: CityLightsNews

Sulle ali del Martin Pescatore, icona di Marolo, la distilleria di Alba festeggia quattro decadi di attività tra passato presente e futuro della grappa.

Venerdì 23 giugno, Marolo sono stati festeggiati 40 anni di attività. Quattro decadi in cui la distilleria di Alba ha saputo distinguersi per l’alta qualità delle grappe prodotte dalle straordinarie uve delle colline Patrimonio Mondiale dell’Umanità e delle migliori zone vitivinicole d’Italia. Marolo celebrerà le sinergie, le amicizie e i legami instaurati in tanti anni di lavoro a stretto contatto con le istituzioni, il territorio e i produttori di vino locali, di cui ha sempre distillato lo spirito più autentico.

Una storia, quella di Marolo, nata nel 1972 sui banchi della Scuola Enologica, quando Paolo Marolo, il fondatore, cominciò ad insegnare Erboristica e Liquoreria recuperando la lezione di Pinot Gallizio. Nel 1977 nacque la distilleria Santa Teresa e, da allora, il suo alambicco a bagnomaria – tecnica di distillazione ancestrale, artigianale e delicata – non ha mai smesso di funzionare.

Paolo Marolo fu uno dei primi distillatori a capire l’importanza della Grappa di Barolo lasciata affinare per anni in fusti; a sperimentare legni e invecchiamenti; a credere, sopra ogni cosa, nel valore delle grappe «monovigna», ovvero grappe ottenute da singole parcelle ubicate all’interno dei più prestigiosi cru delle Langhe e del Roero.

Una tradizione artigianale e di nicchia che ancora oggi distingue la produzione di Marolo ed è portata avanti dal figlio di Paolo, Lorenzo, entrato in azienda nel 2014, oggi più che mai impegnato nella valorizzazione delle grappe autoctone del Piemonte, in particolare quella di Barolo, fresca del riconoscimento europeo di Indicazione Geografica.

UN INNO ALLA GRAPPA DI BAROLO

Sotto le insegne del Martin Pescatore, etichetta creata dall’artista Gianni Gallo e diventata simbolo della distilleria, i festeggiamenti si sono svolti in due momenti distinti.

Il primo evento, alla scuola Enologica di Alba, o stato dedicato  agli esperti del settore e ha visto la presentazione, in anteprima, di un nuovo prodotto a firma Marolo. Si tratta della Grappa di Barolo invecchiata 10 anni in single cask da Barolo Chinato. Un’edizione limitatissima, da collezione, finemente imbottigliata, un vero inno alla grappa 100% piemontese, frutto di un lungo lavoro di ricerca e valorizzazione.

«Perché affinare la grappa di Barolo in fusti di distillati stranieri come cherry o whiskey quando abbiamo la tradizione e il know how per radicare questa grappa territorialmente?», racconta Lorenzo Marolo. «È questa la domanda che ci ha spinti a sperimentare importanti invecchiamenti in botti di Barolo Chinato, vino fortificato che noi stessi produciamo. Le grappe ottenute, in un numero limitato di sole duemila bottiglie, sono un inno alla piemontesità della Grappa di Barolo che proprio in questi mesi festeggia il riconoscimento dell’Indicazione Geografica. Una produzione esclusiva, iperselezionata, per chi vuole conoscere una Grappa di Barolo 100% autoctona».

Alla presentazione della nuova grappa, è seguita  una verticale di Grappe di Barolo invecchiate 27 anni, da vinacce di diversi millesimi: il 1983, il 1987 e il 1989. La degustazione tecnica o stata curata da  Luigi Odello, presidente del Centro Studi Assaggiatori di Brescia, uno dei più importanti centri di analisi sensoriale e organolettica d’Italia.

La festa è proseguita nei locali della distilleria di Marolo, in Corso Canale, dove gli invitati hanno potuto scoprire i metodi artigianali e le esclusive lavorazioni attraverso cui Paolo Marolo e suo figlio Lorenzo danno vita ai loro prodotti.

IL FUTURO DELLA GRAPPA

I 40 anni della distilleria Marolo segnano il lancio di un ambizioso e innovativo progetto. Quello di portare la grappa di Barolo direttamente sul territorio di produzione, attraverso il coinvolgimento del turismo enogastronomico. Marolo svelerà in anteprima i piani e i rendering della prima struttura d’accoglienza dedicata alla Grappa di Barolo e all’invecchiamento dei suoi cru. Un resort progettato dallo studio d’architettura De Abate, celebre per i suoi visionari interventi sul territorio delle Langhe, nel pieno rispetto del paesaggio.

Il boutique hotel, che sorgerà nel centro storico di Barolo e i cui lavori inizieranno a fine anno, vedrà la realizzazione di una piazza interna al paese dove sorgerà una particolare struttura di cristallo. Dalla forma poligonale e sinuosa, sarà costituita di tanti elementi quante sono le Menzioni Geografiche Aggiuntive del Barolo, i cui nomi verranno ivi incisi: un tributo alle colline Patrimonio Mondiale dell’Umanità e ai cru del Re dei vini. Questo suggestivo elemento architettonico valorizzerà la sotterranea cantina di affinamento delle grappe, dove gli ospiti scopriranno come lo spirito del Barolo si eleva sotto sfumature complesse e sempre diverse. 

«I festeggiamenti per i nostri 40 anni non celebrano un punto di arrivo», precisa Lorenzo Marolo, «piuttosto l’inizio di una nuova avventura in cui la grappa parlerà a 360 gradi del proprio territorio, attraverso forme finora inedite. Legare la grappa alle proprie radici è sempre stato l’obbiettivo di mio padre e, credo, sarà l’operazione vincente per un futuro in cui le grappe saranno una nicchia rivolta ad un pubblico sempre più esigente, che cercherà qualità e produzioni legate in maniera univoca alla tradizione e alle zone d’origine».

L’AMARO ULRICH

Una territorialità che Marolo rilancia anche nella produzione di liquori. Durante i festeggiamenti sarà possibile degustare l’Amaro Ulrich, uno dei più tipici amari di Torino, che, grazie ad un accordo con la Paladin Pharma, Marolo ha riportato recentemente alla luce. L’Amaro Ulrich è un infuso di 19 erbe e fiori ottenuto secondo la ricetta originale elaborata dal celebre botanico Domenico Ulrich, fondatore, nel 1854, dell’omonima azienda. Riscoperto da Marolo, l’Amaro Ulrich prosegue la lunga tradizione erboristica subalpina, valorizzando i sapori e i profumi delle essenze autoctone come il genepì, la genziana e l’anice. 


Distilleria Santa Teresa

dei Fratelli Marolo s.r.l.

 

1

Indirizzo : Corso Canale 105/1 Alba
Telefono : 0173.33144
Articoli Simili
I più letti del mese
GHE SEM RADDOPPIA. IN VIA BORSIERI ALL’ISOLA
Abbiamo già detto di Ghe Sem di Vincenzo Monti qui. Ghe Sem da qualche mese ha aperto un secondo ristorante in via Borsieri. La formula è la stessa: dim sum rappresentati da ravioli di diverse fogge confezionati in stile... Leggi di più
ARTE E DEPURAZIONE NELL’ANTICA VALLE DEI MONACI
Mostra Fotografica di Vito Natalino Giacummo e Studio Pace10. MAF Museo Acqua Franca, all’interno del Depuratore di Milano Nosedo   Giovedì 27 aprile alle ore 12, presso gli spazi dell’Urban Center (Galleria Vittorio ... Leggi di più
RISTRETTO DECAFFEINATO IL NUOVO GRAND CRU NESPRESSO
Nel Flagship Store Nespresso di Milano è stato presentato  il nuove deca della Nespresso, Ristretto Decaffeinato. Per l’occasione è stata proposta una  degustazione alla cieca di Nespresso Roma, un caffè intenso  e di Ne... Leggi di più
INAUGURATO IL FUORISALONE CON IL PARTY BELVERERE GARDEN IN VIA MANZONI
Un party esclusivo, l’opening cocktail di Belvedere Garden in via Manzoni interpretato dal tocco creativo del floral designer Thierry Boutemy, che ha trasformato il Giardino di Palazzo Borromeo D’Adda nel Place to Be del... Leggi di più
BLUE GINGER: ESTRO E BRIO NELLA CUCINA ASIATICA
Destinazione meno nota forse tra i locali di cucina asiatica, Blue Ginger (foto 3-4)  si distingue però per una lista di piatti cinesi, giapponesi, thailandesi e vietnamiti creativi rivisti in chiave contemporanea, atten... Leggi di più
ORTICOLA: L’INCONTRO CON FIORI E PIANTE PIU’ ATTESO DI PRIMAVERA
Si aprono i cancelli dei giardini Montanelli per ospitare l’incontro con fiori e piante più atteso di primavera: ORTICOLA Questo evento è diventato un appuntamento irrinunciabile per tutti coloro che amano fiori e... Leggi di più
TUTTOFOOD 2017: 10 + 1 TRA NOVITÀ E CHICCHE DA PROVARE
TUTTOFOOD (foto 1), la fiera internazionale del B2B dedicata al food & beverage organizzata da Fiera Milano, è giunta alla quinta edizione. Vi proponiamo qui una piccola selezione di prodotti nuovi, ma anche da riscoprir... Leggi di più
IL SOMMELIER DEL FUTURO? È DONNA, SORPRENDE CON ABBINAMENTI VINO-CIBO E PARLA AL CUORE
Abbiamo sempre sostenuto che la figura femminile all’interno del mondo del vino fosse capace di apportare novità e competenze. La conferma, anche per ciò che riguarda il mondo della sommellerie, è venuta dalla rece... Leggi di più
BOLLICINE DELLE ALPI: IL METODO CLASSICO SECONDO L’ALTO ADIGE
Abbiamo partecipato alla degustazione tenutasi al Westing Palace di Milano, delle Bollicine delle Alpi: il Metodo Classico secondo l’Alto Adige, realtà che produce 250 mila bottiglie all’anno. Le uve utilizzate sono cha... Leggi di più
GUSTOROTONDO, LA BOUTIQUE DELLE PRELIBATEZZE
Percorrendo di fretta via Boccaccio potrebbe passare inosservato, visto  che il negozio ha una sola vetrina, e sarebbe un peccato non vederlo. Gustororondo  è una piccola boutique alimentare con referenze artigianali di ... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new