09apr 2016
LO STILE GIANNI TESSARI: VINI GARBATI, PULITI, NETTI, COMPIUTI
Articolo di: Fabiano Guatteri

Gianni Tessari è un imprenditore nonché enologo cresciuto in un’azienda vitivinicola che ha lasciato nel 2013 per acquisire la gestione della società agricola Marcato nota per i vini spumanti Lessini Durello, che si estende anche nelle zone doc Soave e Colli Berici. I differenti terroir che riunisce la società hanno spinto Tessari ad affiancare al brand spumantistico Marcato, un nuovo marchio aziendale unicamente di vini fermi che mutua il suo nome, così da avere un’azienda con due marchi. Questa linea, Gianni Tessari, è stata presentata allo spazio eventi  Presso Sarpi di Milano. Le zone di produzione dei vini Tessari sono Soave, Colli Berici e Lessini. Il Soave è una zona ad altissima vocazione vitivinicola e i vini qui prodotti possono raggiungere l’eccellenza. Meno nota ai più la denominazione Colli Berici, dove i vitigni internazionali hanno trovato un’ospitale terra adottiva; da segnalare anche l’autoctono Tai (Tocai) rosso, vino di pronta nonché piacevole beva. Lessini dà invece vita a due referenze, ossia un Pinot Nero e uno Chardonnay. Delle otto etichette prodotte, sei sono state messe in degustazione da Presso, tre bianche e tre rosse. Pur nella diversità ciò che è emerso è una tecnica, una mano, che vorremmo chiamare “Stile Tessari” che genera vini puliti, dai sapori netti sia pur ricchi di nuance, ma senza sbavature, senza imprecisioni. Si sente la mano di chi vuole valorizzare il materiale originario, il sapore delle uve, utilizzando il legno quando serve e ricorrendo ampiamente all’acciaio. 

Monte Tenda Soave Classico Doc 2015, il primo vino messo in degustazione, è prodotto con uve garganega e trebbiano di Soave allevate con densità di 8 mila ceppi per ettaro, pressate sofficemente; la fermentazione del solo mosto avviene in acciaio così come l’affinamento del vino. Ha colore paglierino intenso con riflessi verdi e un garbato profumo di caramello che cede il passo a fiori bianchi e gialli. In bocca ha buon corpo, spalla acida marcata, ricordi di frutta estiva matura e nota di mandorla. 

Chardonnay Veneto Bianco Igt 2015 da uve chardonnay allevate con densità di 7 mila viti per ettaro. La fermentazione in acciaio e affinamento in botte grande per 6 mesi. Alla degustazione ha colore giallo paglierino. Si apre molto lentamente senza concedersi troppo e le caratteristiche di mela, fiori gialli, mango e papaya sono appena sussurrati. Buona mineralità in bocca, piacevole nota tostata e giusta freschezza. 

Pigno Soave Classico Doc 2014 da uve garganega (5 mila viti per ettaro). La vinificazione prevede 3 ore di macerazione, pressatura soffice, fermentazione in barrique e in botti di 40 hl, quindi in acciaio a 14-16 °C. Affinamento in barrique e in botti per 8-10 mesi. Il colore è giallo paglierino che vira al dorato con sfumature verdi; fruttato, ricorda la macchia mediterranea. L’impatto in bocca è ampio, si apprezza la mineralità e si colgono sentori di mandorla. Buona espressione di un’annata non particolarmente felice. 

Tai Rosso Colli Berici 2013, uve tai rosso (grenache) allevate con densità di 7700 viti per ettaro. Fermenta in acciaio e affina in botti di rovere da 40 hl per 12 mesi. Colore rosso rubino leggermente scarico con sfumature granate. Al naso si colgono il durone sotto spirito, la ciliegia, la mandorla di pesca. Buona struttura e piacevole scorrevolezza; tannini ben levigati, morbidi. 

Due Veneto Rosso igt 2013 da uve merlot e cabernet (6 mila viti per ettaro). Fermenta in acciaio per 10 giorni, quindi rifermenta sempre dopo l’ aggiunta di uve cabernet appassite, per 15-20 giorni; affina in tonneau. Colore rosso rubino con unghia di melagrana; al naso è fruttato, con ricordi di ciliegia, ribes nero (cassis), mirtillo nero, note speziate e leggermente erbacee. Gusto molto morbido, vellutato, rotondo, carezzevole con tannini ben intessuti.

Piano Alto Colli Berici Doc 2011 prodotto con uve cabernet franc, cabernet sauvignon, carmenère (7 mila ceppi per ettaro); il 20 per cento delle uve è fatto appassire per 20 giorni, fermentazione in acciaio e affinamento in barrique e botti da 40 hl. Colore rosso rubino vivo con riflessi granati; al naso sentori di ribes nero (cassis), note speziate: si evidenziano toni di vaniglia. Di buona corposità, polposo, presenza tannica e più che buona persistenza. 

Dopo la degustazione abbinamento libero dei vini a prodotti tipici e ai dotti piatti del giovane chef Matteo Grandi. 

1

2

3

4

5

Telefono : 045.7460070
Articoli Simili
I più letti del mese
LA RAI E IL 25 APRILE. I PROGRAMMI DELLA GIORNATA
In occasione del 72° anniversario della liberazione la Rai dedica numerosi servizi all’evento.   Rai 1 Alle ore 9 il collegamento con l’Altare della Patria a Roma dove il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ... Leggi di più
PRIMA COLAZIONE: UN’OCCASIONE PER CONOSCERE IL TERRITORIO
Presentato all’Aeroporto di Milano Bergamo il primo progetto italiano ideato da East Lombardy dedicato alla valorizzazione della prima colazione come elemento di promozione turistica. L’Aeroporto di Milano Be... Leggi di più
PUTIA, LA BOTTEGA CHE PRENDE IL SUD A MORSI
SlowSud di cui abbiamo qui, e qui apre Putìa e celebra il “panino di giù”. Dopo appena tre anni dal primo ristorante, i giovani imprenditori che con SlowSud Duomo e SlowSud Brera hanno portato a Milano tutt... Leggi di più
CHICCHE DAL VINITALY. ALCUNE REFERENZE CHE CI SONO PARTICOLARMENTE PIACIUTE
ALCUNE REFERENZE CHE CI SONO PARTICOLARMENTE PIACIUTE Hofstatter Gewurztraminer Pirchschrait 2006 Dieci anni sui lieviti in botti di acciaio con rimescolamento (tipo batonage) ogni 10 giorni. Le caratteristiche più nob... Leggi di più
S.PELLEGRINO YOUNG CHEF 2018 I PIATTI DEI FINALISTI ITALIANI
Secondi piatti in cui predomina la carne, ma soprattutto ingredienti e sapori dei territori di origine reinterpretati in chiave moderna Sono in corso in tutto il mondo le semifinali locali del S.Pellegrino Young Chef 20... Leggi di più
I FIGLI DELLA VESPAIOLA DI CA’ BIASI
Ca’ Biasi è un’Azienda Agricola fondata nel 1994. Proprietario della cantina nonché enologo Innocente Dalla Valle la cui famiglia arrivò a Breganze nell’Ottocento come mezzadra. Oggi i Dalla Valle posseggono una dozzina ... Leggi di più
MARTEDÌ 31 E MERCOLEDÌ 1 FEBBRAIO DA SADLER CASSOEULA & CHAMPAGNE
Martedì 31 gennaio e Mercoledì 1 febbraio due serate speciali a base di cassoeula & champagne. Torna l’appuntamento con le serate a tema di Chic’n Quick, la trattoria moderna dello chef Claudio Sadler. Martedì 31 gennai... Leggi di più
La zucca nella pasta
TAGLIOLINI AL BURRO E CAVIALE AL PROFUMO DI AGLIO ORSINO
MU DIMSUM L’ALTA CUCINA CINESE A PREZZI CONTENUTI
La ristorazione cinese a Milano negli ultimi anni ha conosciuto profondi cambiamenti. Le numerose trattorie a conduzione familiare che proponevano una cucina approssimativa e spesso pesante sono andate via via sparendo i... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.