10gen 2017
LE BUGIE DI TOPO GIGIO E LE GRAPPE DI BAMBÙ
Articolo di: Fabiano Guatteri

Nel linguaggio corrente, talvolta si utilizzano termini d’effetto, metafore, ossimori, per enfatizzare, fornire una forma a certe parole. Per esempio quando si parla di una strada piena di buche, di una persona, o di un’istituzione, scialacquatrice, spesso per dare un’immagine si fa riferimento al Groviera. Probabilmente vuole essere un nesso “scherzoso”, forse dissacrante, mah.

Ricordiamo un signore minuto e anziano con un loden blu in un negozio di formaggi attento a ordinare del Groviera; mentre il patron della bottega, grasso e grosso, stava tagliandogli una fetta di Emmental, l’anziano precisò che non voleva quel formaggio, bensì quell’altro e lo indicò. Al che il bottegaio, arrogante e con aria di scherno rispose, che quello era Gruyère, non certo Groviera. Aveva ragione il cliente in quanto Groviera non è certo la traduzione di Emmental. La differenza tra i due formaggi è lampante: il Groviera, soprattutto, quando invecchiato, raggiunge intensità e ampiezza di sapore per nulla simili a quelli di Emmental o di Emmentaler, ma soprattutto non ha i buchi (vedi foto): pertanto paragonare il Groviera a una strada dissestata è sbagliato. Ma sin che si utilizza Groviera come sinonimo di Emmental in una discussione informale, senza pretese, possiamo essere tolleranti; molto meno tolleranti quando invece è un giornalista che scrive di economia, anche perché se, riferendoci con lo stesso spirto faceto all’informatica, scrivessimo beat in luogo bit, non saremmo tollerati. Soprattutto in un momento in cui la gastronomia ha un’esposizione mediatica di grande rilievo, certi errori, soprattutto da parte di giornalisti o di conduttori televisivi, sono sempre meno scusabili. La colpa? E’ dei primi importatori che scambiarono i nomi ai formaggi e, ovviamente, del recidivo Topo Gigio che ha diseducato intere generazioni di bambini denominando Groviera il suo formaggio preferito, ossia l’Emmental, quello con i buchi per intenderci.

Sempre rispetto allo straparlare, non dobbiamo prendercela con il ristoratore cinese se ci chiede quale glappa vogliamo tra quelle di bambù e di rose. E’ che in Italia, paese produttore di grappa, non si sa esattamente la grappa che cosa sia. Perché chiamare un distillato, per esempio di frutta, grappa, è un errore. La grappa è un distillato di vinacce, ossia di ciò che rimane dell’uva dopo la vinificazione (bucce, vinaccioli, residui di polpa, talvolta anche graspi); se gli ingredienti non sono vinacce, allora non si tratta di grappa. La glappa di rosa o di bambù non è fatta con le vinacce (ma non diamo la colpa al ristoratore se la chiama così, diamola a chi gli ha fornito la traduzione italiana), esattamente come non utilizzano vinacce i distillati di pere, di prugne, di ciliegie... Esistono grappe aromatizzate alla frutta, ma sono tutt’altra cosa. Sembrerebbe tanto facile, ma quando un distillato non è whisky, cognac, rum, gin vodka, calvados, armaganac… ossia non ha una denominazione precisa, diventa grappa.

Tanto per chiarire. E sarebbe divertente comprendere perché le Vinaigre de cidre, tradotto in italiano diventi Aceto di mele… come dire… chiamare quello di vino Aceto d’uva.

1

Articoli Simili
I più letti del mese
“TI PORTA LONTANO” FINALE BARTENDERING: È LUCIO SERAFINO IL VINCITORE
Venerdì 13 gennaio, presso il Nik’s & Co. di Milano, è stato incoronato fra i 5 finalisti in gara, il  vincitore del concorso di Bartendering, istituito attraverso la piattaforma digitale “Ti Porta Lontano”.  Si tratta d... Leggi di più
Ginger cocktail lab
Chi frequenta il Ginger cocktail ne va pazzo. Qui gli aperitivi sono accompagnati da un buffet di qualità che accontenta anche vegetariani e vegani con insalate, cereali vari, ma i carnivori possono rifarsi divorando pol... Leggi di più
BANCO 23, GASTRONOMIA, ENOTECA, CAFFETTERIA, BISTROT...
Banco 23 di via Ravizza, è un nuovo locale aperto da poco più di due mesi; non è un concept store, ma è sicuramente versatile con offerte ad hoc per ogni ora del giorno aperto dalle 7 alle 21 ed è costituito dal grande b... Leggi di più
Franco Raggi, architetto designer
BLANC DESIR: UN BRAND CHE REALIZZA SOGNI DI LUSSO
Tra Milano e Lecco, immersa nei desideri che solo un lago come quello manzoniano può destare e avverare, tra i luccichii delle sue acque e il verde alpino delle montagne che la circondano, nasce Blanc Desir: un brand che... Leggi di più
BIANCOROSSOGREEN, IL PROGETTO AMBIENTALE AIS IN MOSTRA A ROMA
Biancorossogreen, il progetto ambientale dell’Associazione Italiana Sommelier in mostra a Roma. Martedì 12 dicembre 2017, alle ore 18.00, negli spazi espositivi Micro Arti Visive di Porta Mazzini si inaugura la ras... Leggi di più
GO WINE AUTOCTONO SI NASCE ALL'HOTEL MICHELANGELO DI MILANO
L’associazione Go Wine inaugura giovedì 25 gennaio, l’anno 2018 a Milano all'Hotel Michelangelo Milan,  con l’ormai tradizionale appuntamento dedicato ai vini autoctoni italiani: una serata di degustazi... Leggi di più
In Italia i gemelli Berezutskiy, ambasciatori della nuova cucina russa
Sergey e Ivan dal “Twins” di Mosca pronti alla conquistadel Belpaese con un mix di modernità e tradizione Non poteva iniziare che da Expo la tournée enogastronomica in Italia dei gemelli Sergey e Ivan Berezutskiy, Ambas... Leggi di più
IDENTITÀ GOLOSE MILANO 2017 LA TREDICESIMA EDIZIONE. CON TEATRO7|LAB
Identità Golose Milano 2017 si appresta a partire con la tredicesima edizione.   Per il secondo anno Eccellenza Ellenica scenderà in campo con i suoi prodotti haut de gamme, i veri protagonisti di una tre giorni tutta ... Leggi di più
TATAZUMAI, QUATTRO GIORNI PER SCOPRIRE L’ANIMA DEGLI OGGETTI DA MUJI
Tatazumai, quattro giorni per scoprire l’anima invisibile degli oggetti a Milano da Muji In occasione del Fuorisalone di Milano, dopo Parigi e New York, è sbarcata al flagship store MUJI la mostra “Tatazumai”. “Tatazum... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new