10gen 2017
LE BUGIE DI TOPO GIGIO E LE GRAPPE DI BAMBÙ
Articolo di: Fabiano Guatteri

Nel linguaggio corrente, talvolta si utilizzano termini d’effetto, metafore, ossimori, per enfatizzare, fornire una forma a certe parole. Per esempio quando si parla di una strada piena di buche, di una persona, o di un’istituzione, scialacquatrice, spesso per dare un’immagine si fa riferimento al Groviera. Probabilmente vuole essere un nesso “scherzoso”, forse dissacrante, mah.

Ricordiamo un signore minuto e anziano con un loden blu in un negozio di formaggi attento a ordinare del Groviera; mentre il patron della bottega, grasso e grosso, stava tagliandogli una fetta di Emmental, l’anziano precisò che non voleva quel formaggio, bensì quell’altro e lo indicò. Al che il bottegaio, arrogante e con aria di scherno rispose, che quello era Gruyère, non certo Groviera. Aveva ragione il cliente in quanto Groviera non è certo la traduzione di Emmental. La differenza tra i due formaggi è lampante: il Groviera, soprattutto, quando invecchiato, raggiunge intensità e ampiezza di sapore per nulla simili a quelli di Emmental o di Emmentaler, ma soprattutto non ha i buchi (vedi foto): pertanto paragonare il Groviera a una strada dissestata è sbagliato. Ma sin che si utilizza Groviera come sinonimo di Emmental in una discussione informale, senza pretese, possiamo essere tolleranti; molto meno tolleranti quando invece è un giornalista che scrive di economia, anche perché se, riferendoci con lo stesso spirto faceto all’informatica, scrivessimo beat in luogo bit, non saremmo tollerati. Soprattutto in un momento in cui la gastronomia ha un’esposizione mediatica di grande rilievo, certi errori, soprattutto da parte di giornalisti o di conduttori televisivi, sono sempre meno scusabili. La colpa? E’ dei primi importatori che scambiarono i nomi ai formaggi e, ovviamente, del recidivo Topo Gigio che ha diseducato intere generazioni di bambini denominando Groviera il suo formaggio preferito, ossia l’Emmental, quello con i buchi per intenderci.

Sempre rispetto allo straparlare, non dobbiamo prendercela con il ristoratore cinese se ci chiede quale glappa vogliamo tra quelle di bambù e di rose. E’ che in Italia, paese produttore di grappa, non si sa esattamente la grappa che cosa sia. Perché chiamare un distillato, per esempio di frutta, grappa, è un errore. La grappa è un distillato di vinacce, ossia di ciò che rimane dell’uva dopo la vinificazione (bucce, vinaccioli, residui di polpa, talvolta anche graspi); se gli ingredienti non sono vinacce, allora non si tratta di grappa. La glappa di rosa o di bambù non è fatta con le vinacce (ma non diamo la colpa al ristoratore se la chiama così, diamola a chi gli ha fornito la traduzione italiana), esattamente come non utilizzano vinacce i distillati di pere, di prugne, di ciliegie... Esistono grappe aromatizzate alla frutta, ma sono tutt’altra cosa. Sembrerebbe tanto facile, ma quando un distillato non è whisky, cognac, rum, gin vodka, calvados, armaganac… ossia non ha una denominazione precisa, diventa grappa.

Tanto per chiarire. E sarebbe divertente comprendere perché le Vinaigre de cidre, tradotto in italiano diventi Aceto di mele… come dire… chiamare quello di vino Aceto d’uva.

1

Articoli Simili
I più letti del mese
IL POGGIARELLO, ANIMA PIACENTINA
Il Poggiarello fa parte di Quattro Valli Wine Group (quattro come le valli del Piacentino) un brand vitivinicolo la cui mission è la valorizzazione dei vini locali. Quando il gruppo acquistò terreni vocati in Val Trebbia... Leggi di più
QUANDO IL FORMAGGIO È FONTE DI BENESSERE
Oggi la sostenibilità, grazie anche a Expo, è ormai una condizione imprescindibile. Con tutta probabilità, come sostenuto da cuochi rappresentativi della cucina nazionale e internazionale, la sostenibilità ha segnato una... Leggi di più
FESTIVAL INTERNAZIONALE DELLA CHITARRA DI MENAGGIO X EDIZIONE
Il Festival Internazionale della Chitarra di Menaggio  è giunto alla sua decima edizione riscuotendo il favore del pubblico e suscitando un interesse che è andato crescendo di anno in anno, dimostrando come un evento cu... Leggi di più
I VINI BERGAMASCHI DEGUSTATI (E APPREZZATI) A COLLISIONI FESTIVAL 2017
Sei i produttori della provincia di Bergamo presenti nelle degustazioni internazionali di progetto vino al Collisioni Festival di Barolo  La zona vitivinicola bergamasca esce giustamente, e finalmente, dalla zona d&rsqu... Leggi di più
UN MENU A QUATTRO MANI DA TIRAMUSÙ DELISHOES CON NICOLA DELFINO
Tiramisù Delishoes è un Fashion Restaurant Dessert Bar, ossia un’offerta ristorativa e bar cui si unisce la componente fashion di scarpe da donna e accessori: una location concept di food & fashion made in Italy. In occa... Leggi di più
PESCA, UN FRUTTO PER DEPURARE
Il pesco è un albero originario della Cina, noto agli Egizi e ai Romani e giunto nel Mediterraneo attraverso Alessandro Magno passando per la Persia da dove il nome “persica”. La pesca è un frutto tondeggiant... Leggi di più
Black tie face to face di Riedel
A San Valentino, mentre gli innamorati si guardano... il vino decanta Riedel Crystal, leader mondiale nella produzione di bicchieri e decanter in cristallo e primo nella storia ad aver introdotto il concetto di funziona... Leggi di più
MOTOBAR, COLAZIONI E APERITIVI DI QUALITÀ NEL MOTOQUARTIERE A MILANO
E’ da poco nato un nuovo punto di riferimento nella mappa sempre più ricca e vivace di Milano, la capitale italiana del food e della moda. È quello che è destinato a diventare in poco tempo il locale più cool del M... Leggi di più
Copertino Rosso Eloquenzia 2010
Il Copertino Rosso  Eloquenzia 2010 della Severino Garofano, prodotto unicamente con uve negroamaro, vinificato senza passaggi in legno, è un vino intenso, ampio, ma senza brezze speziate più o meno intense con buona cor... Leggi di più
DA COTÒLICIOUS, IL POLLO IMPANATO COME MAI ASSAGGIATO PRIMA
Scottadito, alette, panini e insalate con crostini di pollo italiano al 100%, proposto in tagli e panature speciali da gustare nei CotòCorner all'angolo tra Via Bocconi e Viale Bach, in Piazza Luigi di Savoia e, in prima... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new