07dic 2017
LA PIZZA NAPOLETANA PROCLAMATA PATRIMONIO UNESCO!
Articolo di: CityLightsNews

Il Maestro Coccia: “La pizza napoletana rappresenta un vero capolavoro del genio creativo dei pizzaioli napoletani e questo prestigioso riconoscimento”. L’ultimo step per il riconoscimento della pizza napoletana come patrimonio Unesco è stato in Corea, a Seul, dove un comitato riunito proprio in questi giorni ha decretato l’iscrizione o meno del celebre prodotto nel patrimonio dei beni immateriali, proclamando così "L'arte dei pizzaiuoli napoletani" patrimonio dell'umanità. Come punto di riferimento per la cultura della vera pizza napoletana artigianale, il Maestro Enzo Coccia ha sempre lavorato per comunicare nel mondo l’importanza della tradizione gastronomica partenopea di cui i pizzaioli napoletani sono i veri eredi. A conferma di quanto il mestiere di pizzaiolo sia un’arte propria della tradizione napoletana, è stata promossa la candidatura Unesco dell’“Arte dei Pizzaiuoli Napoletani”: questo riconoscimento   internazionale ha l’obiettivo di tutelare quest’attività di fronte al moltiplicarsi di atti di pirateria alimentare e di appropriazione indebita dell'identità e allo stesso tempo di consacrare la pizza napoletana come la massima espressione dell’italianità. “Dal 1800 noi pizzaiuoli prepariamo ogni giorno la pizza con passione e dedizione, per conquistare il cuore di chiunque la assaggi e per lasciare il ricordo della vera pizza napoletana artigianale. La pizza possiede quindi uneccezionale valore universale perché rappresenta un vero capolavoro del genio creativo umano – e più in particolare dei pizzaiuoli napoletani – e una testimonianza unica sulla tradizione culturale partenopea. Per questo è oggi uno dei simboli e delle massime espressioni di italianità e uno dei piatti più conosciuti e amati in tutto il mondo. Questo riconoscimento – che l’arte della pizza napoletana merita a tutti gli effetti (manualità e gergo) – ha anche evitato il rischio scippo da parte degli americani che avevano annunciato la volontà di candidare la pizza american-style. Perciò…” La Commissione nazionale italiana per l’Unesco, su proposta del ministero dell’Agricoltura e con il sostegno del ministero degli Esteri, dell’Università, dell’Ambiente e dell’Economia, ha deciso che “L’arte dei pizzaiuoli napoletani” sarebbe stata l’unica candidatura italiana nella lista del Patrimonio Mondiale dell’umanità Unesco perché “rappresenta l’Italia in tutto il mondo”.
IL PROFILO DEL MAESTRO COCCIA
Erede di una tradizione familiare nel mondo della ristorazione e della pizzeria, Coccia ha iniziato il proprio percorso di formazione fin da piccolo per trovare la sua dimensione nel mondo della pizza e tracciare chiaramente le linee che lo avrebbero guidato nella sua attività personale e professionale. Filo indissolubile tra Enzo Coccia e il suo “monoprodotto” pizza napoletana è la passione per il lavoro di pizzaiolo, oltre naturalmente al ricorso esclusivo a prodotti di eccezionale qualità e alla conoscenza profonda della tecnica, della tradizione e del territorio. Solo lo studio del territorio campano e delle sue materie prime, la conoscenza diretta dei migliori produttori della regione e la selezione dei prodotti più adatti da abbinare all’impasto della pizza permettono, infatti, di rendere il monoprodotto pizza napoletana una vera opera d’arte: questi sono gli ingredienti del grande successo di Enzo Coccia in Italia e nel mondo. 

1

Articoli Simili
I più letti del mese
FUORI PORTA DI CHARME: VILLA NECCHI ALLA PORTALUPA
Il fascino di Villa Necchi alla Portalupa  è quello di chi ha una storia avventurosa da raccontare, infatti questa residenza nel Parco del Ticino è stata costruita due secoli fa e da allora ha vissuto perlomeno quattro v... Leggi di più
Boffi Solferino, lo showroom che sa declinare il meglio del design e dell’enogastronomia
Boffi Solferino apre nel 1998 come showroom dedicato al bagno; da allora inaugura una cinquantina di negozi sparsi in tutto il mondo. Nel proprio percorso di crescita Boffi amplia le proprie competenze e diventa punto di... Leggi di più
COLLEZIONI JUNIOR PRIMAVERA ESTATE 2017 | LO STILE MADE IN ITALY
Il calzaturificio Elisabet, azienda marchigiana leader nel settore delle calzature junior, presenta le nuove collezioni Primavera Estate 2017 dei marchi di proprietà Walkey, Morelli e Walk Safari. Guidata dalla famiglia ... Leggi di più
PIERRE HERMÉ, QUANDO IL PASTICCERE DIVENTA PROFUMIERE
Pierre Hermé grande pasticcere francese di fama internazionale, nonché amico del creatore di L'Occitane Olivier Baussan, ha creato tre nuove fragranze, come se volesse assaporarle. d è questa la filosofia alla base delle... Leggi di più
SANTI, BALORDI E POVERI CRISTI IN SPETTACOLO A CASCINA CUCCAGNA
Santi, Balordi e Poveri Cristi. Spettacolo di affabulazione e musica di e con Giulia Angeloni e Flavia Ripa Sabato 11 e domenica 12 marzo 2017 presso la Cascina Cuccagna di Milano Rusalka Teatro presenta lo spettacolo di... Leggi di più
IL 1° MAGGIO HA APERTO BOB. COCKTAIL D’AUTORE E BAO IN ZONA ISOLA
Mood, stili, mode, tendenze, ne nascono e ne tramontano ogni quarto d’ora ultimamente a Milano, spesso perché effimere ed appese ad un esile filo d’erba. Ciò che resiste, cresce e fiorisce, è quel qualcosa ch... Leggi di più
A PADOVA IL FASCINO DI CIRÒ MARINA
Certe serate sono davvero una sorpresa, è successo mercoledì sera 28 Febbraio a Padova all'Osteria Enoteca Cortes in Riviera Paleocapa. Di corsa sotto la pioggia arrivo a piccolo portone, entro, l' ingresso è austero, bu... Leggi di più
58 Brut Rive di Combai
Un vino raffinato ed elegante protagonista di un aperitivo con gli amici o da sorseggiare durante il pranzo delle feste: qualsiasi sia la nostra scelta sappiamo di non aver sbagliato a voler celebrare i momenti festosi... Leggi di più
ABBINAMENTI INEDITI CON GRAND CRU NESPRESSO E DOLCI DELLA TRADIZIONE
Grand Cru Nespresso e i dolci della tradizione: abbinamenti inediti per sorprendere e rendere indimenticabile il momento del caffè durante le feste natalizie.   Le feste natalizie sono strettamente legate alla cucina, ... Leggi di più
I VINI MOSER TRA AROMI E BOLLICINE
L’Azienda Moser dimora nel Trentino e dispone di 16 ettari vitati dislocati in tre diverse aree tra la Val di Cembra e le colline di Trento. Produce cinque vini bianchi, due rossi, vinificati nella cantina di Maso ... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new