29mag 2017
LA KELLEREI KALTERN A MILANO: INTERPRETAZIONI E GIOCHI DI KALTERERSEE
Articolo di: Fabiano Guatteri

Il Lago di Caldaro o Kalterersee, è un vino rosso da uve schiava, da sempre simbolo della zona di Caldaro, ben rappresentativo dell’espressione enologica del territorio che trova felici realizzazioni nella realtà produttiva della Kellerei Kaltern. Attorno agli anni ottanta del secolo scorso il Kalterersee aveva perso parte del suo smalto per diventare un vino passante, poco impegnativo e senza grandi pretese, con i produttori che non si impegnavano più di tanto per valorizzarne le peculiarità. Ma con il nuovo millennio il Caldaro ha saputo riconquistare i palati più attenti in quanto lo sforzo per elevarne la qualità ha permesso di raggiungere risultati tangibili. Non è più quello di “una volta” in quanto non solo le tecniche di vinificazione, ma anche il clima, ne hanno fatto un rosso più imponente, ma al tempo stesso è di grande piacevolezza, immediato, che ha conservato la piacevole bevibilità grazie alla freschezza, all’alcolicità non esagerata, da gustare a 14 gradi di temperatura proprio perché dotato di tannini gentilissimi che non temono le temperature di cantina. Kellerei Kaltern ha voluto abbinare ai piatti d’autore della cucina della Trattoria Trippa alcune referenze di questo rosso dell’annata 2016. Sono stati serviti nell’ordine, il Kalteresee Classico Superiore, il Leuchtenberg Kaklterersee Classico Superiore e, un cru, il Pfarrhof Kaklterersee Classico Superiore, tre diverse interpretazioni dello stesso vitigno. 

Il Kalteresee Classico Superiore dei tre è il più beverino, affina in botti di cemento, e alla degustazione comunica sentori di frutta matura, di ciliegia, di lampone e una caratteristica nota di mandorla amara.

Il Leuchtenberg Kalterersee Classico, come il precedente affina in vasi vinari di cemento, ha un maggiore tenore alcolico e un delizioso sentore di piccoli frutti. 

Il Pfarrhof Kalterersee Classico Superiore matura in acciaio e in botti di legno grandi. Di un bel colore rubino brillante, è sapido, rotondo, piacevolmente fruttato. 

Di questo stesso vino è stata proposta una piccola verticale delle annate 2010, 2008 e della suadente 1997 a dimostrare la longevità del Kalterersse che anche a vent’anni di distanza mostra ancora un’invidiabile freschezza. Ma non solo. A bottiglie bendate, il Pfarrhof Kaklterersee 2015, è stato servito con Margot 2014, Domain Joseph Chamorard 2014 e il Mercury Premier Cru 2013 Bouchard Père & Fils tra i quali non solo non ha sfigurato, ma anzi... 

Per l’occasione è stato presentato in anteprima assoluta il kurnst.stück 2016 ossia il vino capolavoro della cantina in cui l’uva protagonista non poteva che essere la schiava. Sarà commercializzato solo in magnum ed è in fase di selezione l’etichetta che lo vestirà. E' stato inoltre servito  e il kurnst.stück dello scorso anno,  Pinot Bianco 2014 di cui abbiamo scritto qui.

1

2

3

Articoli Simili
I più letti del mese
Boffi Solferino, lo showroom che sa declinare il meglio del design e dell’enogastronomia
Boffi Solferino apre nel 1998 come showroom dedicato al bagno; da allora inaugura una cinquantina di negozi sparsi in tutto il mondo. Nel proprio percorso di crescita Boffi amplia le proprie competenze e diventa punto di... Leggi di più
COLLEZIONI JUNIOR PRIMAVERA ESTATE 2017 | LO STILE MADE IN ITALY
Il calzaturificio Elisabet, azienda marchigiana leader nel settore delle calzature junior, presenta le nuove collezioni Primavera Estate 2017 dei marchi di proprietà Walkey, Morelli e Walk Safari. Guidata dalla famiglia ... Leggi di più
PIERRE HERMÉ, QUANDO IL PASTICCERE DIVENTA PROFUMIERE
Pierre Hermé grande pasticcere francese di fama internazionale, nonché amico del creatore di L'Occitane Olivier Baussan, ha creato tre nuove fragranze, come se volesse assaporarle. d è questa la filosofia alla base delle... Leggi di più
SANTI, BALORDI E POVERI CRISTI IN SPETTACOLO A CASCINA CUCCAGNA
Santi, Balordi e Poveri Cristi. Spettacolo di affabulazione e musica di e con Giulia Angeloni e Flavia Ripa Sabato 11 e domenica 12 marzo 2017 presso la Cascina Cuccagna di Milano Rusalka Teatro presenta lo spettacolo di... Leggi di più
IL 1° MAGGIO HA APERTO BOB. COCKTAIL D’AUTORE E BAO IN ZONA ISOLA
Mood, stili, mode, tendenze, ne nascono e ne tramontano ogni quarto d’ora ultimamente a Milano, spesso perché effimere ed appese ad un esile filo d’erba. Ciò che resiste, cresce e fiorisce, è quel qualcosa ch... Leggi di più
A PADOVA IL FASCINO DI CIRÒ MARINA
Certe serate sono davvero una sorpresa, è successo mercoledì sera 28 Febbraio a Padova all'Osteria Enoteca Cortes in Riviera Paleocapa. Di corsa sotto la pioggia arrivo a piccolo portone, entro, l' ingresso è austero, bu... Leggi di più
Un Picnic al parco Sempione con Tucano
Torna l’estate e Tucano non si lascia sfuggire un’ idea vincente, quella di Tucano Picnic.  Finalmente a Milano ci sarà un luogo – il negozio di Piazza Cadorna - dove fermarsi per prendere un sandwich o un’insalata al v... Leggi di più
58 Brut Rive di Combai
Un vino raffinato ed elegante protagonista di un aperitivo con gli amici o da sorseggiare durante il pranzo delle feste: qualsiasi sia la nostra scelta sappiamo di non aver sbagliato a voler celebrare i momenti festosi... Leggi di più
ABBINAMENTI INEDITI CON GRAND CRU NESPRESSO E DOLCI DELLA TRADIZIONE
Grand Cru Nespresso e i dolci della tradizione: abbinamenti inediti per sorprendere e rendere indimenticabile il momento del caffè durante le feste natalizie.   Le feste natalizie sono strettamente legate alla cucina, ... Leggi di più
I VINI MOSER TRA AROMI E BOLLICINE
L’Azienda Moser dimora nel Trentino e dispone di 16 ettari vitati dislocati in tre diverse aree tra la Val di Cembra e le colline di Trento. Produce cinque vini bianchi, due rossi, vinificati nella cantina di Maso ... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new