25gen 2017
LA FILIERA DEL VINO E LE DONNE, UN RAPPORTO MIGLIORABILE
Articolo di: Elena Miano

L’indagine delle Donne del Vino, approfondita e molto partecipata, ha coinvolto produttrici, giornaliste, enotecarie, ristoratrici e sommelier presenti e attive all’interno della grande associazione italiana.

 

Emerge un ritratto della donna che lavora all’interno del comparto vitivinicolo positivo per spazio e i ruoli acquisiti,  con grande margine di miglioramento. Su questi due punti tutte le figure professionali che hanno aderito al progetto della presidente Donatella Cinelli Colombini sono completamente concordi, come lei stessa rileva: “C’è un’assoluta omogeneità di vedute sul ruolo delle donne nel mondo del vino: le cose vanno meglio, ma non bene e c’è ancora tanto da fare per raggiungere una reale parità di genere. Inoltre le donne prendono esempio da altre donne assumendole come modelli (82%) elemento quest’ultimo da non sottostimare perché le recenti indagini di Wine Economics sulle donne del vino australiane hanno invece rivelato la propensione del settore femminile del vino a conformarsi a comportamenti professionali e sociali maschili adattandosi a un ambito che le vede in netta minoranza”. 

Ma chi e come sono le Donne che lavorano nel vino? In tutte le categorie esaminate la gran parte delle professioniste possiede una laurea, vediamole nel dettaglio: le produttrici, per esempio, sono laureate per il 43%, sono costrette a fare figli tardi, non sanno cosa sia la pensione e si distinguono in azienda per il dinamismo. Se si analizzano altri settori lo stipendio risulta essere più basso dei colleghi uomini quando si tratta di rapporto dipendente o di figure professionali all’interno di enoteche o ristoranti. Il livello di studio delle giornaliste o di chi si occupa di comunicazione è molto alto, ma quasi tutte hanno dovuto fare i conti con una discriminazione arrogante e sessista; interessante notare che questi disagi hanno contribuito a farle diventare indipendenti e a creare la loro propria impresa.

Per le consumatrici ci sono, al contrario, conferme e sorprese: prese in esame da ristoratrici, enoteche e sommelier le wine lovers crescono in quantità e qualità. Al ristorante la donna dice la sua nella scelta del vino solo se è in coppia, mentre quando è in gruppo è ancora l’uomo a decidere. A tavola le scelte femminili si orientano sui bianchi e in seconda battuta sulle bollicine. Per la consumatrice donna conta il gusto personale e il nome del produttore perché nella stragrande maggioranza dei casi sceglie i brand che conosce.

 

L’analisi è stata condotta con l’aiuto del professor Gabriele Micozzi, docente di Marketing alla Luiss Business School e di Alfredo Tesio, coordinatore del Gruppo del Gusto della Stampa Estera.

 

1

Articoli Simili
I più letti del mese
“TI PORTA LONTANO” FINALE BARTENDERING: È LUCIO SERAFINO IL VINCITORE
Venerdì 13 gennaio, presso il Nik’s & Co. di Milano, è stato incoronato fra i 5 finalisti in gara, il  vincitore del concorso di Bartendering, istituito attraverso la piattaforma digitale “Ti Porta Lontano”.  Si tratta d... Leggi di più
Franco Raggi, architetto designer
BLANC DESIR: UN BRAND CHE REALIZZA SOGNI DI LUSSO
Tra Milano e Lecco, immersa nei desideri che solo un lago come quello manzoniano può destare e avverare, tra i luccichii delle sue acque e il verde alpino delle montagne che la circondano, nasce Blanc Desir: un brand che... Leggi di più
Ginger cocktail lab
Chi frequenta il Ginger cocktail ne va pazzo. Qui gli aperitivi sono accompagnati da un buffet di qualità che accontenta anche vegetariani e vegani con insalate, cereali vari, ma i carnivori possono rifarsi divorando pol... Leggi di più
IDENTITÀ GOLOSE MILANO 2017 LA TREDICESIMA EDIZIONE. CON TEATRO7|LAB
Identità Golose Milano 2017 si appresta a partire con la tredicesima edizione.   Per il secondo anno Eccellenza Ellenica scenderà in campo con i suoi prodotti haut de gamme, i veri protagonisti di una tre giorni tutta ... Leggi di più
In Italia i gemelli Berezutskiy, ambasciatori della nuova cucina russa
Sergey e Ivan dal “Twins” di Mosca pronti alla conquistadel Belpaese con un mix di modernità e tradizione Non poteva iniziare che da Expo la tournée enogastronomica in Italia dei gemelli Sergey e Ivan Berezutskiy, Ambas... Leggi di più
TATAZUMAI, QUATTRO GIORNI PER SCOPRIRE L’ANIMA DEGLI OGGETTI DA MUJI
Tatazumai, quattro giorni per scoprire l’anima invisibile degli oggetti a Milano da Muji In occasione del Fuorisalone di Milano, dopo Parigi e New York, è sbarcata al flagship store MUJI la mostra “Tatazumai”. “Tatazum... Leggi di più
QUANDO LA GRAPPA ACCOMPAGNA UNA CENA AL BOEUCC
La grappa è il distillato nazionale, nato povero e diventato nel tempo sempre più esclusivo, acquisendo morbidezza ed eleganza. Un tempo veniva proposta timidamente a conclusione di una cena importante, oggi invece è ser... Leggi di più
LA VITE E’DONNA: IL MONDO DEL VINO È SEMPRE PIÙ FEMMINILE
Il mondo del vino è sempre più femminile ma ancora troppo poco presenti sono le donne all’interno del mondo della ristorazione e delle sommellerie.  Questo l’argomento centrale di un bel convegno organizzato ... Leggi di più
PEEL PIE BIRRA MÉTHODE CHAMPENOISE DEBUTTA AL MARTINI DOLCE&GABBANA
La trilogia di birre Peel Pie è stata presentata mercoledì 5 luglio al Martini Dolce&Gabbana di Milano. Si tratta di birre prodotte con uno stile che vuole soddisfare il gusto femminile e le procedure enologiche della sp... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new