15gen 2017
IL DILAGANTE ITALIANESE È LINGUA-LINGUAGGIO COSMOPOLITA O PROVINCIALE?
Articolo di: Fabiano Guatteri

Gli italiani che vivono nei paesi anglofoni (e più in generale all’estero) lo sanno; con il tempo la loro lingua si corrompe arricchendosi di termini stranieri così da non essere più propriamente italiana, bensì italianese, ossia , come recita il dizionario Treccani, quell’italiano ibrido derivato dalla commistione di elementi lessicali penetrati nell’italiano dall’inglese. Non si tratta di una scelta, ma di un “cedimento” della propria madre lingua quasi fisiologico, che non suscita certo stupore. Stupisce invece quando l’italianese è parlato da italiani nel Bel Paese.

Sicuramente nell’ambito informatico è una necessità utilizzare vocaboli inglesi, perché questi fanno parte di un linguaggio e non c’è ostentazione nell’impiegarli. Ma si tratta di un’eccezione. Va detto che l’impiego sistematico di termini inglesi è un fenomeno unicamente italiano. La ricerca del termine straniero, di un paese che a ragione o a torto si ritiene più qualificato del proprio, è tipica di una cultura permeata da sensi di inferiorità.

Capita talvolta di sentire, a conferenze tenute da relatori di lingua inglese con interprete, qualcuno del pubblico intervenire in inglese: ciò accade per una forma di ospitalità o di piaggeria? Non succede in Francia perché i francesi sono inospitali, o perché non hanno sviluppato sindromi di sudditanza?

E’ che il termine inglese come per incanto sa far luccicare ciò che è opaco: servirsi di cibi con le mani è inadeguato, ma se gli stessi cibi li chiamiamo finger food, è brillante farlo; mangiare per strada non è principesco, ma se si tratta di street food allora è molto snob, e poi l’autoscatto, che era proprio di chi non aveva nessuno che lo fotografasse, diventato selfie si fa circolare rivendicandolo. Quando mai e poi mai si era sentita l’esigenza di citare il profilo o il panorama milanese prima di chiamarlo skyline? Come è stato definito il nuovo presidente statunitense dalla stampa? Forse magnate? No, tycoon. E se lo spritz (termine non inglese, ma neppure italiano) si chiamasse bianco spruzzato, quasi certamente non avrebbe uguale successo. E’ come se utilizzando un significante straniero, il significato stesso della parola cambiasse.

L’esempio istituzionale non conforta considerato che welfare, jobs act, election day sono entrati nel linguaggio corrente.

Come dire, ci sono giovani che per apparire “fighi” si costruiscono un’immagine, pardon un look basato su taglio di capelli, postura, abbigliamento, gestualità, denunciando inconsapevolmente uno stato sociale (estrazione sociale, scolarizzazione, tipo di lavoro…) modesto. Analogamente ci sono italiani in patria che per apparire cosmopoliti ostentano l’italianese, rivelando il proprio provincialismo. Ah, les italiens.

 

1

Articoli Simili
I più letti del mese
MERCATO DI NATALE E NOTTE DELLE LANTERNE A TORRE D’ISOLA
Balli popolari intorno al fuoco, lancio di 2000 lanterne nel cielo, street food e farinata con il campione nazionale Andrea Cortesi. E ancora eccellenze enogastronomiche a filiera corta e artigianato fatto a mano: a Torr... Leggi di più
FUORI PORTA DI CHARME: VILLA NECCHI ALLA PORTALUPA
Il fascino di Villa Necchi alla Portalupa  è quello di chi ha una storia avventurosa da raccontare, infatti questa residenza nel Parco del Ticino è stata costruita due secoli fa e da allora ha vissuto perlomeno quattro v... Leggi di più
COURMAYEUR: FESTA PER L’APERTURA ESTIVA DEL GRAND HOTEL ROYAL E GOLF
Una festa gourmet per l’apertura della stagione estiva  dello storico Grand Hotel Royal e Golf di Courmayeur. Una grande festa, come giustamente si merita l’inizio di ogni nuovo progetto, e quello che è stato... Leggi di più
COLLEZIONI JUNIOR PRIMAVERA ESTATE 2017 | LO STILE MADE IN ITALY
Il calzaturificio Elisabet, azienda marchigiana leader nel settore delle calzature junior, presenta le nuove collezioni Primavera Estate 2017 dei marchi di proprietà Walkey, Morelli e Walk Safari. Guidata dalla famiglia ... Leggi di più
PIERRE HERMÉ, QUANDO IL PASTICCERE DIVENTA PROFUMIERE
Pierre Hermé grande pasticcere francese di fama internazionale, nonché amico del creatore di L'Occitane Olivier Baussan, ha creato tre nuove fragranze, come se volesse assaporarle. d è questa la filosofia alla base delle... Leggi di più
Boffi Solferino, lo showroom che sa declinare il meglio del design e dell’enogastronomia
Boffi Solferino apre nel 1998 come showroom dedicato al bagno; da allora inaugura una cinquantina di negozi sparsi in tutto il mondo. Nel proprio percorso di crescita Boffi amplia le proprie competenze e diventa punto di... Leggi di più
SANTI, BALORDI E POVERI CRISTI IN SPETTACOLO A CASCINA CUCCAGNA
Santi, Balordi e Poveri Cristi. Spettacolo di affabulazione e musica di e con Giulia Angeloni e Flavia Ripa Sabato 11 e domenica 12 marzo 2017 presso la Cascina Cuccagna di Milano Rusalka Teatro presenta lo spettacolo di... Leggi di più
IL 1° MAGGIO HA APERTO BOB. COCKTAIL D’AUTORE E BAO IN ZONA ISOLA
Mood, stili, mode, tendenze, ne nascono e ne tramontano ogni quarto d’ora ultimamente a Milano, spesso perché effimere ed appese ad un esile filo d’erba. Ciò che resiste, cresce e fiorisce, è quel qualcosa ch... Leggi di più
A PADOVA IL FASCINO DI CIRÒ MARINA
Certe serate sono davvero una sorpresa, è successo mercoledì sera 28 Febbraio a Padova all'Osteria Enoteca Cortes in Riviera Paleocapa. Di corsa sotto la pioggia arrivo a piccolo portone, entro, l' ingresso è austero, bu... Leggi di più
58 Brut Rive di Combai
Un vino raffinato ed elegante protagonista di un aperitivo con gli amici o da sorseggiare durante il pranzo delle feste: qualsiasi sia la nostra scelta sappiamo di non aver sbagliato a voler celebrare i momenti festosi... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new