15gen 2017
IL DILAGANTE ITALIANESE È LINGUA-LINGUAGGIO COSMOPOLITA O PROVINCIALE?
Articolo di: Fabiano Guatteri

Gli italiani che vivono nei paesi anglofoni (e più in generale all’estero) lo sanno; con il tempo la loro lingua si corrompe arricchendosi di termini stranieri così da non essere più propriamente italiana, bensì italianese, ossia , come recita il dizionario Treccani, quell’italiano ibrido derivato dalla commistione di elementi lessicali penetrati nell’italiano dall’inglese. Non si tratta di una scelta, ma di un “cedimento” della propria madre lingua quasi fisiologico, che non suscita certo stupore. Stupisce invece quando l’italianese è parlato da italiani nel Bel Paese.

Sicuramente nell’ambito informatico è una necessità utilizzare vocaboli inglesi, perché questi fanno parte di un linguaggio e non c’è ostentazione nell’impiegarli. Ma si tratta di un’eccezione. Va detto che l’impiego sistematico di termini inglesi è un fenomeno unicamente italiano. La ricerca del termine straniero, di un paese che a ragione o a torto si ritiene più qualificato del proprio, è tipica di una cultura permeata da sensi di inferiorità.

Capita talvolta di sentire, a conferenze tenute da relatori di lingua inglese con interprete, qualcuno del pubblico intervenire in inglese: ciò accade per una forma di ospitalità o di piaggeria? Non succede in Francia perché i francesi sono inospitali, o perché non hanno sviluppato sindromi di sudditanza?

E’ che il termine inglese come per incanto sa far luccicare ciò che è opaco: servirsi di cibi con le mani è inadeguato, ma se gli stessi cibi li chiamiamo finger food, è brillante farlo; mangiare per strada non è principesco, ma se si tratta di street food allora è molto snob, e poi l’autoscatto, che era proprio di chi non aveva nessuno che lo fotografasse, diventato selfie si fa circolare rivendicandolo. Quando mai e poi mai si era sentita l’esigenza di citare il profilo o il panorama milanese prima di chiamarlo skyline? Come è stato definito il nuovo presidente statunitense dalla stampa? Forse magnate? No, tycoon. E se lo spritz (termine non inglese, ma neppure italiano) si chiamasse bianco spruzzato, quasi certamente non avrebbe uguale successo. E’ come se utilizzando un significante straniero, il significato stesso della parola cambiasse.

L’esempio istituzionale non conforta considerato che welfare, jobs act, election day sono entrati nel linguaggio corrente.

Come dire, ci sono giovani che per apparire “fighi” si costruiscono un’immagine, pardon un look basato su taglio di capelli, postura, abbigliamento, gestualità, denunciando inconsapevolmente uno stato sociale (estrazione sociale, scolarizzazione, tipo di lavoro…) modesto. Analogamente ci sono italiani in patria che per apparire cosmopoliti ostentano l’italianese, rivelando il proprio provincialismo. Ah, les italiens.

 

1

Articoli Simili
I più letti del mese
APERITIVO CRUDISTA E LA CENA VEGANA “RADICI”. A MARE CULTURALE URBANO
Aperitivo crudista e la cena vegana “radici”: mare culturale urbano mercoledì 19 aprile dalle ore 18.00   Mercoledì 19 aprile 2017 la serata a mare culturale urbano in via G. Gabetti 15 a Milano è dedicata a  Terrestri... Leggi di più
DI TERRA E DI FUOCO MOSTRA DELLE CERAMICHE IN GRES DEL MONASTERO DI BOSE
C’è tempo fino al 30 aprile per visitare la mostra delle ceramiche in gres del Monastero di Bose (BI) “Di terra e di fuoco”. Nell’Oratorio della Passione della Basilica di Sant’Ambrogio di Milano è allestita un’esposizi... Leggi di più
“TI PORTA LONTANO” FINALE BARTENDERING: È LUCIO SERAFINO IL VINCITORE
Venerdì 13 gennaio, presso il Nik’s & Co. di Milano, è stato incoronato fra i 5 finalisti in gara, il  vincitore del concorso di Bartendering, istituito attraverso la piattaforma digitale “Ti Porta Lontano”.  Si tratta d... Leggi di più
Ginger cocktail lab
Chi frequenta il Ginger cocktail ne va pazzo. Qui gli aperitivi sono accompagnati da un buffet di qualità che accontenta anche vegetariani e vegani con insalate, cereali vari, ma i carnivori possono rifarsi divorando pol... Leggi di più
Franco Raggi, architetto designer
BLANC DESIR: UN BRAND CHE REALIZZA SOGNI DI LUSSO
Tra Milano e Lecco, immersa nei desideri che solo un lago come quello manzoniano può destare e avverare, tra i luccichii delle sue acque e il verde alpino delle montagne che la circondano, nasce Blanc Desir: un brand che... Leggi di più
BANCO 23, GASTRONOMIA, ENOTECA, CAFFETTERIA, BISTROT...
Banco 23 di via Ravizza, è un nuovo locale aperto da poco più di due mesi; non è un concept store, ma è sicuramente versatile con offerte ad hoc per ogni ora del giorno aperto dalle 7 alle 21 ed è costituito dal grande b... Leggi di più
AMNESIA MILANO PRESENTA ICONS. OSPITE SPECIALE DENNIS FERRER
Venerdì 5 gennaio 2018 Amnesia Milano presenta ICONS. Ospite speciale Dennis Ferrer. In partnership con TheBaseCrash e Youth. L’Amnesia Milano dà il suo personalissimo benvenuto al 2018 con una serata dalle atmosfe... Leggi di più
IDENTITÀ GOLOSE MILANO 2017 LA TREDICESIMA EDIZIONE. CON TEATRO7|LAB
Identità Golose Milano 2017 si appresta a partire con la tredicesima edizione.   Per il secondo anno Eccellenza Ellenica scenderà in campo con i suoi prodotti haut de gamme, i veri protagonisti di una tre giorni tutta ... Leggi di più
In Italia i gemelli Berezutskiy, ambasciatori della nuova cucina russa
Sergey e Ivan dal “Twins” di Mosca pronti alla conquistadel Belpaese con un mix di modernità e tradizione Non poteva iniziare che da Expo la tournée enogastronomica in Italia dei gemelli Sergey e Ivan Berezutskiy, Ambas... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new