11lug 2015
Fatevi tentare da SlowSud: le cucine di strada si fanno gourmet
Articolo di: CityLightsNews

In questa torrida estate quale milanese non sogna di respirare il fresco della brezza marina ammirando le guglie del Duomo? O di avvertire le voci scomposte e i profumi di un mercato meridionale passeggiando per le strette vie del centro? Purtroppo non si può portare il mare a Milano, ma l’atmosfera rilassata e gioiosa del sud sì! Ci hanno pensato i quasi trentenni Anthony, Lorenzo e Luca, siracusani di nascita, milanesi d’adozione, che un po’ per nostalgia e un po’ per amore della loro terra hanno chiamato “SlowSud” il loro street food bistrot aperto qualche settimana fa nel cuore pulsante della metropoli meneghina, il primo a Milano dedicato alle “cucine di strada del Sud”. L’obiettivo? Celebrare all’interno di un panino  la tradizione gastronomica mediterranea. 

Sfida non da poco lanciata con una proposta che si snoda per tutta la giornata, dalla colazione alla cena, passando per il pranzo “fast”, ma dall’anima slow, e l’aperitivo “all’italiana”. SlowSud si trova in via delle Asole, 4 (angolo via Torino) ed è un ambiente dal design ricercato e green che riesce a trasmettere la freschezza e la passionalità del sud Italia. Tavoli e banconi in pregiato legno d’ulivo, alle pareti tonalità chiare e rilassanti, ravvivate qua e là dai colori gioiosi delle ceramiche e dei barattoli di conserve di pomodori, olive e capperi che fanno capolino dalle scansie. Una gioia per gli occhi ancor prima che per il palato.

Materie prime genuine, prevalentemente DOP e Bio, accuratamente selezionate sul territorio siciliano entrano ogni giorno nella cucina a vista guidata dal giovanissimo e talentuoso chef Federico Buonannata (un nome, una garanzia), per uscire sotto forma di panini gourmet, street-food mediterraneo, insalate o gustose paste. 

E così l’inflazionato hamburger cede il posto al “panino cucinato” cioè imbottito con la polpetta di polpo, il coniglio “alla stimpirata” (con le verdure in agrodolce), le panelle o la caponata. I prezzi sono contenuti: si va dai 7,50 Euro per un panino vegetariano ai 12 Euro della Polpotta (più che ripagati dalla ricca imbottitura). Chi invece preferisce un piatto o una gustosa insalata (da 8 euro) può sempre concedersi qualche sfizioso arancino a 3 Euro o chiudere “in dolcezza” con un rinfrescante dolce al limone (4,50 Euro).

Il menu degustazione (23 Euro per il percorso di 6 assaggi) cambia ogni giorno perché segue la freschezza e la qualità degli ingredienti: “se stamattina il pomodoro non è dolce, la Norma non ve la proponiamo” campeggia sullo sfogliabile. Garantiti comunque gli irrinunciabili, come il tortino di zucchine e ragusano Dop, l’involtino di pesce spada e lo sformato di melanzane in crosta di pistacchio. 

Una filiera corta e controllata che esalta le eccellenze del sud Italia, con proposte gastronomiche che presto includeranno scorribande nelle altre “cucine di strada” meridionali: dalle orecchiette con le cime di rapa allo street food campano con il classico cuoppo o le frittate di pasta.

La carta delle bevande è una celebrazione del Sud con in pole position il Nero d’Avola e il Negramaro del Salento, il Greco di Tufo e l’Insolia (da 4,50 Euro a calice), accanto a birre sarde e siciliane rigorosamente artigianali (alla spina o in bottiglia, da 3 Euro in su).

La metropoli assolata sembra aver gradito fin da subito il refrigerio della granita di mandorle e, spezzando il suo ritmo frenetico, si concede un pranzo che sia davvero pausa. Scegliere un panino Fuori dalla Norma o sperimentare l’aggiornamento del Beccafico 2.0 può essere una sfida per chi cerca la tradizione nel piatto. Ma anche il cannolo scomposto, ne sono sicuri, non farà storcere il naso al siciliano più intransigente. 

Per chi resta in città c’è un gustoso motivo per non rimpiangere l’aria di vacanza: SlowSud, infatti, si concede una pausa soltanto nella settimana di Ferragosto e resta aperto da mattina a sera per sfoderare tutte le sue carte culinarie fin dalla colazione con l’iris e le sfoglie alla ricotta. 

Se però l’idea di stare al chiuso d’estate proprio non vi va e anche le altalene dei due tavoli in vetrina sono già occupate, potete sempre chiedere allo staff di prepararvi uno squisito fagotto da portar via. Sull’erba verde di parco Sempione o all’ombra del parco delle Basiliche assaporare la bontà del Sud vi farà apprezzare ancor di più la bellezza di una Milano slow.

SlowSud 

via delle Asole, 4 (traversa di via Torino, Piazza S. Maria Beltrade)

Orari: dal lunedì al sabato dalle 7:00 alle 23:00 (chiusura cucina ore 22.30 circa)

Domenica: chiuso

Chiusura estiva dal 14 al 22 agosto

Tel. 02.72002595 | www.slow-sud.it | info@slow-sud.it

1

Indirizzo : via delle Asole 4 Milano
Telefono : 02.72002595
Articoli Simili
I più letti del mese
PESCA, UN FRUTTO PER DEPURARE
Il pesco è un albero originario della Cina, noto agli Egizi e ai Romani e giunto nel Mediterraneo attraverso Alessandro Magno passando per la Persia da dove il nome “persica”. La pesca è un frutto tondeggiant... Leggi di più
UN MENU A QUATTRO MANI DA TIRAMUSÙ DELISHOES CON NICOLA DELFINO
Tiramisù Delishoes è un Fashion Restaurant Dessert Bar, ossia un’offerta ristorativa e bar cui si unisce la componente fashion di scarpe da donna e accessori: una location concept di food & fashion made in Italy. In occa... Leggi di più
Black tie face to face di Riedel
A San Valentino, mentre gli innamorati si guardano... il vino decanta Riedel Crystal, leader mondiale nella produzione di bicchieri e decanter in cristallo e primo nella storia ad aver introdotto il concetto di funziona... Leggi di più
MOTOBAR, COLAZIONI E APERITIVI DI QUALITÀ NEL MOTOQUARTIERE A MILANO
E’ da poco nato un nuovo punto di riferimento nella mappa sempre più ricca e vivace di Milano, la capitale italiana del food e della moda. È quello che è destinato a diventare in poco tempo il locale più cool del M... Leggi di più
Copertino Rosso Eloquenzia 2010
Il Copertino Rosso  Eloquenzia 2010 della Severino Garofano, prodotto unicamente con uve negroamaro, vinificato senza passaggi in legno, è un vino intenso, ampio, ma senza brezze speziate più o meno intense con buona cor... Leggi di più
DA COTÒLICIOUS, IL POLLO IMPANATO COME MAI ASSAGGIATO PRIMA
Scottadito, alette, panini e insalate con crostini di pollo italiano al 100%, proposto in tagli e panature speciali da gustare nei CotòCorner all'angolo tra Via Bocconi e Viale Bach, in Piazza Luigi di Savoia e, in prima... Leggi di più
IL COMUNE DI MILANO LANCIA IL PORTALE DELL'ASSISTENZA DOMICILIARE
Welfare. Dalla tata alle riparazioni in casa, il Comune lancia wemi.milano.it  il portale dell'assistenza domiciliare Serve aiuto per trovare una tata o una badante? Per fare delle piccole riparazioni in casa o effettua... Leggi di più
NOVE VIAGGI NEL TEMPO | ALCANTARA E L’ARTE NELL’APPARTAMENTO DEL PRINCIPE
A Palazzo Reale, nell’Appartamento del Principe, nove installazioni elaborano fantastici panorami e fugaci architetture. Sono opere site-specific, sonore e interattive, realizzate da dieci artisti contemporanei con... Leggi di più
A CENA CON LA DUCHESSA: IL GUSTO FA EPOCA 
Nel Salento, banchetto rinascimentale con le eccellenze enogastronomiche pugliesi e un menu storico, firmato dalla Chef Sara Latagliata. Martedì 8 agosto, nel Castello di Castrignano dei Greci (Lecce), si terrà “A... Leggi di più
TORTELLINI CON OLIO EVO TOSCANO IN CIALDA DI PARMIGIANO

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new