08nov 2017
CONTAMINAZIONI/3: MONDO AGRICOLO E ARTE – LE TRE SOGLIE DI CÀ CORNIANI
Articolo di: Clara Mennella

Da alcuni anni il mondo del food e quello delle produzioni vinicole vengono sempre più spesso abbinati e messi in connessione con altre forme di produzione, comunicazione e arte, perché si è capito che anche produrre un buon vino o un piatto gourmet sono operazioni che vanno oltre la manualità e l’artigianalità e richiedono estro, coraggio, creatività, intuito e tanta passione. Ecco che allora vengono fatti sfilare abiti couture con applicazioni e inserti di prodotti alimentari, con i quali a volte si creano anche originali accessori e gioielli, ecco che avanzano pittori che utilizzano per i loro quadri caffè, cioccolato o mosto d’uva, ecco che molti ristoranti di livello si trasformano in gallerie d’arte e tanti esempi ancora, senza limite all’ispirazione e alla fantasia. “La più grande realtà agricola italiana, che abbraccia 15 aziende e con una storia ricchissima di significati ma ancora attuale grazie all’innovazione e alla sperimentazione che hanno caratterizzato il suo percorso.” Queste sono le parole che ha usato Giancarlo Fancel, Presidente di Genagricola e CFO Generali Italia per introdurre la serata di premiazione del Concorso Artistico Internazionale per Le Tre Soglie  di Ca’ Corniani, la storica tenuta sorta sulla bonifica del territorio nell’entroterra di Caorle. Il Concorso denominato “Ca’ Corniani – Terra d’avanguardia” si è dato l’obiettivo di valorizzare il territorio, legandolo all’arte che è una meravigliosa leva per la riqualificazione grazie all’impatto emozionale e al suo linguaggio di alto valore culturale. Un territorio enorme, a perdita d’occhio, vasto, orizzontale, libero nato dalla prima e più grande bonifica della storia d’Italia che in una ventina d’anni ha trasformato una palude vicina al mare di Caorle, in una grande azienda agricola produttiva. Un grande paesaggio libero da confini, delimitato dal corso di tre fiumi e con oltre 1.700 ettari di colture che da oggi avrà simbolicamente tre punti di accesso, le tre soglie appunto, che sono state volute come opere d’arte, istallazioni suggestive e significative che saranno un anello di congiunzione fra la terra e l’effimero, consapevoli che: “L’arte è uno strumento fondamentale per la valorizzazione del territorio” come ha sottolineato Marco Sesana, Country Manager e Ad Generali Italia, durante la serata di premiazione. Gli altri interventi sono stati di Alessandro Marchionne, Ad Genagricola, Andreas Kipar, Founding Partner e Ceo Land che ha sottolineato: “L’Italia è ricca perché sono ricchi i suoi territori”, Elena Tettamanti, Presidente Eight Art Progect e curatore artistico, Antonella Soldaini, curatore artistico. Tutti concordi nell’assegnare la vittoria del concorso ad Alberto Garutti (foto 4) con le seguenti motivazioni: “Per la capacità del progetto di dare forma a una lettura dei luoghi densa e profonda, creando un dispositivo di interpretazione che attribuisce alle Tre Soglie di Cà Corniani forme e narrazioni differenti. In questo modo le soglie diventano per la tenuta tre luoghi specifici, ognuno con una sua diversa identità. Per la scelta dell’artista, inoltre, di lavorare direttamente sul patrimonio architettonico di Cà Corniani attraverso frammenti a cui il suo intervento attribuisce un significato nuovo, potente e monumentale.Le tre opere immaginate possiedono le potenzialità per reinterpretare e arricchire la tenuta agricola, e soprattutto creare nuove relazioni rileggendo il territorio in maniera articolata. La sfilata degli animali, il dispositivo atmosferico e la nuova copertura dorata sono il riflesso autonomo dell’artista ma anche il frutto dell’interazione con il paesaggio e i suoi abitanti.”

Queste le tre opere:

una grande scritta di luce (foto 1) su una struttura metallica di sostegno che si accende in corrispondenza della caduta di un fulmine sul territorio italiano grazie ad un dispositivo di regolazione dell’intensità del CESI (Centro Elettrotecnico Sperimentale Italiano);

cinque ritratti scultorei (foto 2 ) in resina acrilica e polvere bianca di marmo dei cavalli e dei cani che vivono nel podere. Queste presenze immobili e familiari voglio essere dei simbolici custodi del paesaggio.

infine un tetto dorato (foto 3) per far splendere e valorizzare Cà Cottoni, il grande casale oggi abbandonato ma che in passato è stato un luogo fondamentale per la storia sociale della comunità agricola. 

 Emozionante la spiegazione di Garutti alla incantata platea: “Queste luci vibreranno quando in Italia un fulmine cadrà durante i temporali. Quest’opera è dedicata a chi passando di qui penserà al cielo.”

 

1

2

3

4

Articoli Simili
I più letti del mese
CARTA INCANTA - QUESTA PICCOLA FAVOLA: SCULTURE DI CARTA E DISEGNI
Carlotta Parisi si racconta Montalcino - 2-24 settembre 2017 - Fortezza Dopo il grande successo di Paper Cirkus, Carlotta Parisi, illustratrice e scultrice su carta, torna a raccontarsi con opere anche fortemente autobio... Leggi di più
Il Matto si fa mignon…
l formato 375 ml de Il Matto, vino IGT Toscana Rosso, corrispondente alla mezza bottiglia è insolito, in quanto si presenta con lo stesso diametro di una bottiglia da 750 ml, ma più basso; formato che dovrebbe meglio con... Leggi di più
DIEGO MANCINO GIOVEDÌ 20 LUGLIO ALLE ORE 21.30 A MARE CULTURALE URBANO
Diego Mancino giovedì 20 luglio alle ore 21.30 a mare culturale urbano  in concert per la rassegna “Quasi Acustico” Dopo il successo di Syria, Federico Poggipollini e della band di Lou Reed Transformer capi... Leggi di più
LAQUERCIA21 AL FUORISALONE 2017. LA NUOVA COLLEZIONE “6 CREDENZE”
Laquercia21 al Fuorisalone 2017 L’opening “Are you talking to me?” inaugura la nuova collezione “6 Credenze”   Da sabato 1 a domenica 9 aprile,lo spazio Brandstorming ospiterà anche l’esposizione permanente “6 Credenz... Leggi di più
UN GIORNO A PALAZZO CON I ROLLI | UN FINE SETTIMANA A GENOVA
Il prossimo 14 e 15 ottobre a Genova torna la manifestazione “Rolli Days”, l’occasione giusta per ammirare gli splendidi palazzi Patrimonio dell'Umanità Unesco. Una 2 giorni da dedicare alla scoperta de... Leggi di più
BERGAMO VINI EN PRIMEUR | DEGUSTAZIONE IN CANTINA
E’ raro, almeno in Italia, poter degustare vini en primeur, ossia dell’ultima vendemmia per valutare, ipotizzare, cercare di capire come si riveleranno quando saranno commercializzati dopo mesi o anni. E&rsqu... Leggi di più
La versione di Simone Rugiati degli english beef and lamb
Appuntamento al Foodloft, la Factory House di Simone Rugiati a Milano. Ad accogliere pochi giornalisti oltre a Rugiati, Jeff Martin, responsabile dell’AHDB Beef & Lamb l’Ente inglese che promuove nel mondo le carni bovin... Leggi di più
IL MERCATO DEL SUFFRAGIO COMPIE UN ANNO E OFFRE IL 15% DI SCONTO
Il Mercato del Suffragio, di cui abbiamo scritto qui,  parte del progetto di recupero del Comune dei mercati comunali; é lo spazio gestito da Davide Longoni (fornaio e panificatore milanese), insieme ad altri due grandi ... Leggi di più
Risotto con la zucca
SI ACCENDE IL NATALE DA PECK | MILANO GOURMANDE
E' dal 1883 che Peck,  via Spadari 9 a Milano è l'indirizzo del tempio delle leccornie cittadine, soprattutto a Natale. Ricordo diversi anni fa, quando una amico americano gourmand ne varcò la soglia per la prima volta ... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.