03nov 2016
CINZIA TOMASSI. QUANDO UNA DONNA CHEF È COSTRETTA A ESPATRIARE
Articolo di: Fabiano Guatteri

Cinzia Tomassi, romana, è cresciuta nell’ambiente ristorativo grazie alle due nonne che lavoravano entrambe come cuoche in trattorie di Roma e si è diplomata al liceo classico. Decisa a entrare nel mondo della cucina nonostante non avesse un titolo di studio alberghiero, dopo varie esperienze accetta il ruolo di chef in un grande agriturismo alle porte di Roma dove gestisce ideazione menu, gestione personale, approvvigionamenti cucina, gestione degli eventi e cerimonie.


Nel frattempo partecipa alla trasmissione Hells kitchen 3 ma non è un’esperienza che ama ricordare. Seguono altri incarichi nella ristorazione, ma mai a tempo indeterminato e oggi Cinzia è stanca del precariato che offre l’Italia e sta organizzandosi per trasferirsi all'estero per un posto di lavoro sicuro.
Le abbiamo posto alcune domande.

Cosa vuol dire essere cuoco per una donna?

Per una donna è un lavoro molto pesante fisicamente, ma se c'è l’amore per quello che si fa la forza per superare le difficoltà si trova.
Ho lasciato spesso un pezzo di cuore a casa nelle festività in cui lavoravo e solitamente sono i periodi in cui lavori anche 12/14 ore al giorno. 
Questo può minare la volontà di ogni donna che ha figli a perseguire questa carriera, ma poi sai che i tuoi figli capiscono e sono orgogliosi della propria mamma e questo ti fa andare avanti felicemente.


Ha trovato difficoltà, in quanto donna, a esprimersi nel suo ambiente di lavoro?

Il mondo della ristorazione è improntato sugli uomini e la donna solitamente non e vista al pari di un cuoco uomo; c'è la convinzione sbagliata che la donna non ha né la forza né la costanza né la qualità lavorativa di uomo. E questo solitamente ne pregiudica la carriera.


L’Italia è un buon posto per lavorare?

L Italia potrebbe essere un buon posto per lavorare, ma di fatto non lo è!
Da quasi 20 anni svolgo questo lavoro e sono riuscita in pochi anni a svolgere lavori di rilievo come executive chef anche per grandi realtà lavorative, ma spesso per aziende estere con sedi in Italia.
Poche volte le aziende italiane offrono ruoli importanti a chef donna.


Ha lavorato in più città? 

Ho sempre lavorato esclusivamente a Roma, ma solo perché non volevo allontanarmi dalla mia famiglia.
Ho avuto negli ultimi anni molte offerte lavorative di rilievo dall’estero, ma ho sempre rifiutato per la famiglia.


Ora è intenzionata a lasciare il paese per recarsi all’estero? Perché?
Negli ultimi anni mi sto accorgendo di sentirmi stretta in un ruolo che per cultura italiana mi è stata imposto dal mondo della ristorazione nazionale.

Quindi sto pensando seriamente che forse è il momento giusto per avventurarmi in paesi dove la meritocrazia è la politica principale nella scelta dei lavoranti.
Paesi in cui il pregiudizio sulle donne non è più una realtà come qui in Italia

L’Italia quindi non tutela chi lavora nel Suo campo?
L’Italia non tutela assolutamente i lavoratori italiani. Le aziende italiane hanno paura di assumere per i costi notevoli che hanno se assumono personale qualificato e che non rientra nelle categorie giovanili

Ha una critica da muovere a riguardo?

Purtroppo è una situazione che non credo cambierà mai in Italia e questo mi mette in apprensione anche per il futuro incerto dei miei figli. Questo è un motivo in più che mi sta spingendo a espatriare. Dare ai figli un futuro o diciamo meglio una possibilità di futuro diversa.
Sono sicura che oltre i nostri confini ci sia molto di più e spero di non sbagliare!

1

Articoli Simili
I più letti del mese
GO WINE AUTOCTONO SI NASCE ALL'HOTEL MICHELANGELO DI MILANO
L’associazione Go Wine inaugura giovedì 25 gennaio, l’anno 2018 a Milano all'Hotel Michelangelo Milan,  con l’ormai tradizionale appuntamento dedicato ai vini autoctoni italiani: una serata di degustazi... Leggi di più
UNA MOSTRA PERSONALE DI CARLO CIUSSI ALLA GALLERIA A ARTE INVERNIZZI
La galleria A arte Invernizzi inaugura mercoledì 7 febbraio 2018 alle ore 18.30 una mostra personale di Carlo Ciussi in occasione della quale vengono presentate opere degli anni Sessanta e Settanta in dialogo con lavori ... Leggi di più
“TI PORTA LONTANO” FINALE BARTENDERING: È LUCIO SERAFINO IL VINCITORE
Venerdì 13 gennaio, presso il Nik’s & Co. di Milano, è stato incoronato fra i 5 finalisti in gara, il  vincitore del concorso di Bartendering, istituito attraverso la piattaforma digitale “Ti Porta Lontano”.  Si tratta d... Leggi di più
BANCO 23, GASTRONOMIA, ENOTECA, CAFFETTERIA, BISTROT...
Banco 23 di via Ravizza, è un nuovo locale aperto da poco più di due mesi; non è un concept store, ma è sicuramente versatile con offerte ad hoc per ogni ora del giorno aperto dalle 7 alle 21 ed è costituito dal grande b... Leggi di più
Franco Raggi, architetto designer
Ginger cocktail lab
Chi frequenta il Ginger cocktail ne va pazzo. Qui gli aperitivi sono accompagnati da un buffet di qualità che accontenta anche vegetariani e vegani con insalate, cereali vari, ma i carnivori possono rifarsi divorando pol... Leggi di più
BLANC DESIR: UN BRAND CHE REALIZZA SOGNI DI LUSSO
Tra Milano e Lecco, immersa nei desideri che solo un lago come quello manzoniano può destare e avverare, tra i luccichii delle sue acque e il verde alpino delle montagne che la circondano, nasce Blanc Desir: un brand che... Leggi di più
In Italia i gemelli Berezutskiy, ambasciatori della nuova cucina russa
Sergey e Ivan dal “Twins” di Mosca pronti alla conquistadel Belpaese con un mix di modernità e tradizione Non poteva iniziare che da Expo la tournée enogastronomica in Italia dei gemelli Sergey e Ivan Berezutskiy, Ambas... Leggi di più
IDENTITÀ GOLOSE MILANO 2017 LA TREDICESIMA EDIZIONE. CON TEATRO7|LAB
Identità Golose Milano 2017 si appresta a partire con la tredicesima edizione.   Per il secondo anno Eccellenza Ellenica scenderà in campo con i suoi prodotti haut de gamme, i veri protagonisti di una tre giorni tutta ... Leggi di più
TATAZUMAI, QUATTRO GIORNI PER SCOPRIRE L’ANIMA DEGLI OGGETTI DA MUJI
Tatazumai, quattro giorni per scoprire l’anima invisibile degli oggetti a Milano da Muji In occasione del Fuorisalone di Milano, dopo Parigi e New York, è sbarcata al flagship store MUJI la mostra “Tatazumai”. “Tatazum... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new