14mag 2017
BOCUSE D’OR: ANNUNCIATI I 4 CHEF CHE RAPPRESENTERANNO L'ITALIA
Articolo di: Dirce Bottardi

BOCUSE D’OR: annunciati a Milano i 4 chef che rappresenteranno l'Italia nella prossima edizione 

Chissà lo stupore e l'orgoglio dei cuochi del Mugello e del gelataio di Urbino che Caterina de' Medici  portò in Francia quasi 500 anni fa. Loro non avrebbero potuto immaginare di essere all'origine della successiva supremazia della cucina del quel paese, al quale va il merito di aver codificato la materia e di essere diventata la patria di talenti ineguagliabili come Paul Bocuse, lo chef di Lione al quale si deve, tra l'altro, la più importante e impegnativa competizione gastronomica mondiale che, dal 1987, premia i nuovi talenti dei fornelli.

E per partecipare alla prossima edizione (2018-2019) ad Alba, nel cuore delle Langhe e Roero, è stata creata l’Accademia Bocuse d’Or Italia, il cui presidente è Enrico Crippa (foto 2), chef tristellato della città piemontese. Lui - e a diverse altre competenze del territorio – spetta il compito di formare e preparare gli chef italiani che sfideranno l’Europa alla selezione di Torino 2018 e il resto del mondo alla finale di Lione 2019.

Oggi a Milano sono stati presentati i concorrenti che rappresenteranno l'Italia (foto 1). Ecco chi sono:

Giuseppe Raciti (foto 3)

iciliano, classe 1985 e fortemente legato alla sua terra, ha già partecipato alla Selezione Italiana del Bocuse d’Or del gennaio 2016, non riuscendo però a vincerla. Attualmente lavora presso il Ristorante “Zash – Country Boutique Hotel” a Riposto in provincia di Catania. Nel corso degli anni ha partecipato con successo a numerosi concorsi di cucina e ha avuto esperienze, anche internazionali, in ristoranti di alto livello. Il legame della sua terra emerge moltissimo nel progetto culinario presentato, con una reinterpretazione dei prodotti scelti per il concorso molto legata alla sua isola.

Paolo Griffa (foto 4)

“Sogno il Bocuse d’Or sin dalla scuola di cucina”. Così ha aperto la sua candidatura per la partecipazione alla Selezione Italiana del Bocuse d’Or e dal suo progetto questa intenzione di ben figurare all’interno del concorso emerge in tutta la sua forza. Molto giovane (classe 1991), attualmente lavora in Francia presso il due stelle Michelin Restaurant Serge Vieira. Nato a Carmagnola, in Piemonte, proprio in questa regione ha mosso i primi passi nella cucina di alto livello, lavorando dal 2010 al 2012 nel ristorante Combal Zero di Rivoli. Dal suo progetto emerge l’ottima conoscenza dei prodotti individuati per il concorso e una particolare attenzione alla stagionalità, tema estremamente importante nella cucina contemporanea.

Martino Ruggeri (foto 5)

Attualmente Head Chef presso il tre stelle Pavillon Lodoyen di Parigi, Martino Ruggieri si contraddistingue per un curriculum di altissimo livello, con esperienze presso il ristorante La Pergola di Heinz Beck e L’Atelier de Joel Robuchon a Parigi. Nel suo progetto culinario emerge con forza l’internazionalità applicata ai prodotti della sua terra d’origine, la Puglia, dove mette in evidenza il gusto del passato, con ricette caratterizzate da una fortissima originalità.

Roberta Zulian (foto 6)

Da tempo nell’entourage di Andrea Alfieri, Roberta Zulian svolge la professione di chef in Trentino Alto-Adige, terra a cui lega moltissimo i suoi piatti, dai quali emerge un forte uso dei

prodotti montani. Nel passato ha lavorato molto nel mondo della pasticceria, acquisendo così una grandissima tecnica di base, elemento fondamentale per un concorso di cucina. La buona esperienza di gestione di un ristorante, all’interno di un hotel, l’Alpen Suite Hotel di Madonna di Campiglio dove lavora attualmente, l’hanno costruita e preparata bene all’intenso rapporto con questo lavoro e allo stress che un concorso come questo è in grado di generare.

Ma come funziona il Bocuse d'Or ? Da oggi, fino a ottobre, i 4 chef, con le relative squadre, prepareranno sul modello della storica competizione, che prevede la preparazione di due piatti in 5 ore e 35 minuti. Per l’edizione 2018 della finale europea che si terrà a Torino, i piatti riprenderanno alcuni tra i più tipici e rappresentativi prodotti della Regione Piemonte. I risultati della performance delle squadre saranno valutati da una giuria composta da chef di altissimo livello del panorama culinario nazionale.

Il training prima della competizione sarà svolto nel territorio delle Langhe, dove il Team Italia avrà la sua casa base. In caso di qualificazione al termine della finale di Torino, la squadra italiana tornerà ad allenarsi ad Alba per preparare la finale mondiale di Lione 2019.

In entrambe le fase l'obiettivo è di portare il più in alto possibile la reputazione della cucina italiana, un'etichetta che riassume l'estro locale senza pari nella trasformazione di tanti prodotti straordinari che testimoniano la biodiversità della Penisola. Auguri !

1

2

3

4

5

6

Articoli Simili
I più letti del mese
AL RISTORANTE TRUSSARDI NELL’INCONTRO CONTIVSCEREA C’È STATO UN VINCITORE?
Le cene a più mani, se sono magiche, creano eventi speciali, talvolta irripetibili. Quando poi l’intrecciarsi di talenti avviene al Ristorante Trussardi alla Scala e il resident chef Roberto Conti invita Chicco e Bobo Ce... Leggi di più
SEI VINI ROSSI ANTIGELO… CON FORMAGGI STAGIONATI E CARNI SAPORITE
Una morsa di gelo ha preso in ostaggio l’Italia. E, non volendo pensare ai disagi,  è ora il momento dell’anno  propizio per stappare i vini più caldi e corposi adatti ad accompagnare i piatti di carni lungamente cotti t... Leggi di più
ITALIA BEER FESTIVAL: TORNA LA 12° EDIZIONE DAL 24 AL 26 MARZO
A Milano i migliori birrifici artigianali con oltre 300 birre in degustazione. Il weekend che va dal 24 al 26 marzo per gli appassionati del mondo brassicolo sarà imperdibile: torna l’appuntamento annuale con Italia Bee... Leggi di più
LA FILIERA DEL VINO E LE DONNE, UN RAPPORTO MIGLIORABILE
L’indagine delle Donne del Vino, approfondita e molto partecipata, ha coinvolto produttrici, giornaliste, enotecarie, ristoratrici e sommelier presenti e attive all’interno della grande associazione italiana.   Emerge ... Leggi di più
AMMU, CANNOLI SICILIANI A MILANO
aggiornamento 21 maggio 2016  E' stato fissato il 26 maggio dalle 12 alle 20  l'Open Day Stampa al Carlyle Brera Café in Corso Garibaldi 84 aggiornamento 19 maggio 2016 Novità che interesserà i milanesi che amano la p... Leggi di più
GLI APPUNTAMENTI D’AUTUNNO AL RISTORANTE ACANTO: CENE GOURMET, BRUNCH
Le cene gourmetLa stagione autunnale si apre con la ripresa delle cene gourmet del Ristorante Acanto. Lo chef Alessandro Buffolino e il team del ristorante vi aspettano per tre imperdibili appuntamenti in cui protagonist... Leggi di più
INTERVISTA A VALERIA BENATTI AUTRICE DI GOCCE DI VELENO
 Valeria Benatti, sta presentando in varie città italiane il suo ultimo libro Gocce di Veleno, Giunti. E’ la storia di Claudia vittima di un maschio geloso e possessivo, incapace di capire che gelosia e possessività non ... Leggi di più
CANTINE SAN MARZANO AL FELIX LO BASSO RESTAURANT A MILANO
Cantine San Marzano sono una cooperativa vitivinicola pugliese, costituita nel 1962 da 19 vignaioli di San Marzano di San Giuseppe allo scopo di valorizzare i propri vini. Oggi è una realtà che conta circa 1.200 viticolt... Leggi di più
NATALE ALLA MAISON CAFFET |LA PASTICCERIA FRANCESE A MILANO
La pralineria in tutte le sue infinite declinazioni è la cifra suprema della Maison Caffet di cui abbiamo scritto qui http://www.citylightsnews.com/read/ma-che-macaron-alla-pasticceria-cioccolateria-francese-pascal-caffe... Leggi di più
SHOCKINO, LA PRALINA FORMATA DA TRE PEZZI DA MONTARE
SHOCKINO, LA PRALINA FORMATA DA TRE PEZZI DA MONTARE L’idea è originale, nuova e innovativa. Anziché acquistare praline già confezionate secondo gli standard decisi dal produttore, perché non comporla in base al proprio... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new