27nov 2016
ARYA THE SQUARE MILANO DUOMO DEI CAVALIERI COLLECTION
Articolo di: Fabiano Guatteri

Ambiente   di tono, tavoli  ben distanziati, arredamento contemporaneo minimal chic con pavimento di legno e un acquario che presidia l’ingresso (foto 1  ). La cucina di Paolo Scaccabarozzi, executive chef dei Cavalieri Collection,  tiene sicuramente conto della tradizione e in carta non mancano piatti meneghini come  il risotto alla milanese con ossobuco di vitello in gremolata o lombardi  quali i casoncelli bergamaschi. Il richiamo al km zero, alla stagionalità, è evidente, ma lo chef non vuole porsi limiti territoriali per non rinunciare al mare e anche all’esotico come nel caso del crudo di capesante scottate con lime, passion fruit, insalatina di prugne  e petali floreali. Nell’esecuzione di alcuni piatti impiega inoltre procedure che presuppongono tecnologia avanzata  così che la carta appare intessuta di preparazioni che vanno dalla tradizione al presente più spinto, con gli ingredienti di cui si è detto. Abbiamo provato un amuse-bouche di asparagi disidratati  nell’azoto con pane carasau e salse variopinte agli estratti vegetali: un piatto che mira più che al sapore erbaceo degli asparagi, alla consistenza quasi croccante sottolineata dalla presenza del pane (foto 2). La portata successiva vede per protagonista, almeno apparentemente, una mozzarella “sporcata” con polvere di  olive di Gaeta (foto 3).  In realtà della mozzarella ha solo la crosta pellicolare che, come un palloncino,  racchiude una sorpresa di fresco  crudo di gamberi. Segue il Mosaico Milano (foto 4), bollito misto di carni gelatinato, un piatto della tradizione interpretato in modo innovativo: un quadrato formato da tre varietà di carni  tagliate a dadini,  incorniciato da cubetti di verdure il tutto accompagnato da una  salsa senapata. La scelta di carni sapide, come la lingua cui si unisce il cotechino, fornisce sapidità accompagnata  da giusta morbidezza.  La polpa della selvaggina di pelo  è detta nera per il colore rosso intenso che tende allo scuro.  Scaccabarozzi ha saputo schiarirla, e così il piatto  Un cervo nel sottobosco (foto 5),  è formato da una quenelle di carne cruda di colore rosso tendente al rosato su crumble di pane nero accompagnato da funghi, lamponi, ribes rosso  e scalogno al vino rosso: la carne di cervo risulta  piacevolmente delicata non lasciandosi però confondere con altre  meno caratterizzate. Rimanendo nella rivisitazione va detto del  risotto servito a forma di parallelepipedo coperto con una lamella di riduzione di Sassella,  servito con una spirale di formaggio, in pratica un risotto scomposto eseguito con indubbia originalità (foto 6). A conclusione un dessert che comprende cioccolato, gelato al pistacchio, salse alla frutta e cioccolato (foto 7).  Piatti tutti realizzati con mano sicura, senza incertezze che rivelano la voglia scalpitante del giovane chef  di esprimersi, di dare voce alle proprie preparazioni. Del resto ben accompagnate dai vini selezionati da  Marco Scaramuzzino, Restaurant Manager, come Giulio Ferrari,  Bollinger Grand Anné, Vintage Tunina Jermann, Cervaro della Sala,  Montepulciano Marina Cvetic Masciarelli, Le Serre Nuove Ornellaia (foto 8) solo per citarne qualcuno.   

 

Arya The Square Milano Duomo

Via Albricci 2

Milano

Tel.  02.727071

 

1

2

3

4

5

6

7

8

Indirizzo : via Albricci 2 Milano
Telefono : 02.727071
Articoli Simili
I più letti del mese
AMARONE DELLA VALPOLICELLA 2005 TENUTA LE LUCI
Abbiamo già accennato alla Tenuta le Luci  (cliccare qui), nella Val d’Illasi, stretta e lunga vallata di origine alluvionale a est di Verona. Nove i vini prodotti. L’Amarone della Valpolicella Tenuta Le Luci 2005 è pote... Leggi di più
PIETRE SANTAFIORA AL FUORISALONE: WARKA WATER E CULTURE À PORTER  
Pietre Santafiora al Fuorisalone con le torri Warka Water (foto 2) e le sculture indossabili “Culture à porter” (foto 1-3-4-5)   Giovedì 6 aprile l’azienda lapidea d’eccellenza del Made in Italy, conquista la Terrazza ... Leggi di più
PASTA-B, DA SINGAPORE UN’OPPORTUNITÀ FUSION A MILANO
La storia di Pasta-B cominciò nel 1989 quando la famiglia Han aprì nella Chinatown di Singapore un locale specializzato nella produzione di pasta fresca, noodle e ravioli diversamente declinati. Arrivò presto il successo... Leggi di più
SERATA GOURMET CON LA CANTINA ZÝMĒ AL RISTORANTE ACANTO DI HOTEL PRINCIPE DI SAVOIA
  Nuovo appuntamento con le Serate Gourmet del ristorante Acanto: mercoledì 18 novembre è di scena l’azienda agricola Zýmē, saranno presenti in sala alcune rappresentanti della casa vinicola. Situata nel cuore della Va... Leggi di più
OMEGA 3, IL RISTORANTE MILANESE DEL PLATEAU ROYAL PER TUTTI
OMEGA 3, IL RISTORANTE MILANESE DEL PLATEAU ROYAL PER TUTTI Ristorante o trattoria? Cosa differenza l’uno dall’altra. Gualtiero Marchesi spiega che se ai fornelli c’è una brigata di cucina, si tratta di un ristorante, s... Leggi di più
Lucia Castellano, avvocata, consigliera in regione Lombardia
VINI BIOLOGICI PER APERITIVI ECCELLENTI DA GUSTOROTONDO
La serata sarà dedicata alla degustazione di vini di aziende che coniugano l’eccellenza della produzione con l’attenzione e la cura per il territorio in cui operano. Esempi di creatività, artigianalità e passione, con ... Leggi di più
ANDREA BERTON CHEF E PATRON DEL RISTORANTE BERTON
ALVEARE, UN NUOVO MODO DI CONSUMARE CIBI SANI A PREZZI EQUI
“L’Alveare che dice di sì” è presente in molti quartieri di Milano, ma anche in altre città di varie regioni e ha per mission proporre cibo di alta qualità a un prezzo equo per tutti. “L’Alveare che dice di sì” è un prog... Leggi di più
RYUKISHIN, CUCINA CASALINGA GIAPPONESE… E TANTI RAMEN
Dopo il successo dei food corner Zen Express in Expo, lo chef giapponese Tatsuji Matsubara, già patron dei ristoranti Ryukishin di Osaka, Kyoto e Londra, con il progetto Ryukishin by Zen Express ha aperto il suo nuovo lo... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

BANNER COSMOFOOD 400x400-IT.JPG

 

 

berlucchi-new