30lug 2017
37° ORIENTE E OCCIDENTE: L’INCLUSIONE SI FA DANZA, ARTE E MOVIMENTO
Articolo di: CityLightsNews

Lo storico Festival internazionale di danza di Rovereto esplora i territori dell’inclusione, portando sul palco artisti abili e diversamente abili attraverso performance, workshop, proposte formative e laboratori. In particolare, due proposte: la prima a cura della compagnia inglese Candoco che propone due coreografie, Set e Reset / Reset di Abigail Yager che ha reinterpretato la coregrafia Set and Reset di Trisha Brown, e Face In, coproduzione del festival e prima mondiale a firma di Yasmeen Godder; la seconda è Bad Lambs di Michela Lucenti, Balletto Civile – coprodotto anch’esso dal Festival – e un laboratorio internazionale di danza inclusiva. La 37° edizione della manifestazione, dal 30 agosto al 10 settembre, sarà la vetrina di un programma che prosegue da più di un anno, all’interno del progetto europeo Moving Beyond Inclusion, di cui Oriente Occidente è il partner italiano. La ri-costruzione – e non la replica – di un percorso, l’esplorazione di nuove possibilità attraverso la danza, il racconto gestuale e coreografico del superamento di una perdita e della sublimazione del dolore in arte: sono i temi affrontati da Set e Reset, di Trisha Brown (nell’anno della sua scomparsa), portato sul palco dalla compagnia Candoco, e reiterpretato da Abigail Yager con la collaborazione della Trisha Brown Dance Company, da Face In, opera inedita della coreografa israeliana Yasmeen Godder, presentata in prima mondiale a Oriente Occidente, e da Bad Lambs, di Michela Lucenti, una delle coreografe più innovative della nuova, giovane danza italiana, per Balletto Civile. Opere accomunate dall’inclusione di artisti con disabilità e non: uno dei temi forti e dirimenti di Oriente Occidente (30 agosto-10 settembre), festival della danza tra i più importanti a livello internazionale, giunto alla 37° edizione. Oriente Occidente rappresenta l’Italia all’interno del progetto europeo Moving Beyond Inclusion, in partnership con Regno Unito, Germania, Croazia, Svezia e Svizzera: è in questo contesto che il Festival ha realizzato un programma di percorsi innovativi per la formazione professionale e per la visione di spettacoli di danza realizzati insieme da artisti abili e diversamente abili. L’edizione 2016 – caratterizzata da 3 giorni di simposio sul tema, il workshop #unlimited e la performance Trio della compagnia svedese SPINN – è stata fondamentale per gettare le basi di una condivisione profonda di buone pratiche, sfociata in una collaborazione tra diversi soggetti: oggi la rete italiana #unlimited, su cui si era iniziato a lavorare già dall’ottobre 2015, coinvolge oltre 26 tra artisti, compagnie e associazioni. Un’azione che è proseguita e si è consolidata nel 2017, toccando tanti aspetti differenti: dalla creazione di un portale on-line sulla danza inclusiva che mette in relazione le varie realtà italiane, alla produzione del nuovo spettacolo della compagnia Balletto Civile/Bad Lambs, che ha coinvolto gli artisti con disabilità Aristide Rontini, Giuseppe Comuniello, Giacomo Curti, fino alla realizzazione di un programma unitario di proposte formative coordinate e promosse da Oriente Occidente in 9 città italiane, Padova, Bologna, Rovereto, Trento, Treviso, Imola, Roma, Milano, Verona. I giorni del Festival saranno quindi un’ideale vetrina pubblica per un progetto attivo durante tutto l’anno, ma anche l’occasione per coinvolgere sempre nuovi soggetti nella costruzione di un percorso comune. Dall’11 al 15 settembre il Festival promuove un laboratorio internazionale di danza inclusiva con 30 artisti europei e 3 coreografi internazionali. Un nuovo “seme” che produrrà i suoi frutti negli anni a venire. Quanto al pubblico, potrà conoscere ed esplorare le potenzialità di un approccio inclusivo attraverso gli spettacoli in programma. Candoco Dance Company, compagnia pioniera e leader nel mondo dell’integrazione a livello professionale, si confronta ancora una volta con un grande repertorio, portando in scena il capolavoro di Trisha Brown – scomparsa quest’anno - affiancandolo alla prima mondiale di un lavoro firmato per la compagnia dall’israeliana Yasmeen Godder, Face In, un’ode alla vita e al suo potere trasformativo. Quanto agli “agnelli cattivi” di Michela Lucenti, i Bad Lambs, protagonisti dello spettacolo coprodotto dal festival per Balletto Civile, reduci da un immenso lavoro laboratoriale, racconteranno storie di resilienza e riappropriazione di un posto nel mondo, perdita e rinascita, dando voce a una sensibilità che va oltre le etichette. 

1

2

Photo Credits

Photo 1 : Hugo Glendinning
Photo 2 : Pedro Machado
Articoli Simili
I più letti del mese
Boffi Solferino, lo showroom che sa declinare il meglio del design e dell’enogastronomia
Boffi Solferino apre nel 1998 come showroom dedicato al bagno; da allora inaugura una cinquantina di negozi sparsi in tutto il mondo. Nel proprio percorso di crescita Boffi amplia le proprie competenze e diventa punto di... Leggi di più
COLLEZIONI JUNIOR PRIMAVERA ESTATE 2017 | LO STILE MADE IN ITALY
Il calzaturificio Elisabet, azienda marchigiana leader nel settore delle calzature junior, presenta le nuove collezioni Primavera Estate 2017 dei marchi di proprietà Walkey, Morelli e Walk Safari. Guidata dalla famiglia ... Leggi di più
PIERRE HERMÉ, QUANDO IL PASTICCERE DIVENTA PROFUMIERE
Pierre Hermé grande pasticcere francese di fama internazionale, nonché amico del creatore di L'Occitane Olivier Baussan, ha creato tre nuove fragranze, come se volesse assaporarle. d è questa la filosofia alla base delle... Leggi di più
SANTI, BALORDI E POVERI CRISTI IN SPETTACOLO A CASCINA CUCCAGNA
Santi, Balordi e Poveri Cristi. Spettacolo di affabulazione e musica di e con Giulia Angeloni e Flavia Ripa Sabato 11 e domenica 12 marzo 2017 presso la Cascina Cuccagna di Milano Rusalka Teatro presenta lo spettacolo di... Leggi di più
IL 1° MAGGIO HA APERTO BOB. COCKTAIL D’AUTORE E BAO IN ZONA ISOLA
Mood, stili, mode, tendenze, ne nascono e ne tramontano ogni quarto d’ora ultimamente a Milano, spesso perché effimere ed appese ad un esile filo d’erba. Ciò che resiste, cresce e fiorisce, è quel qualcosa ch... Leggi di più
A PADOVA IL FASCINO DI CIRÒ MARINA
Certe serate sono davvero una sorpresa, è successo mercoledì sera 28 Febbraio a Padova all'Osteria Enoteca Cortes in Riviera Paleocapa. Di corsa sotto la pioggia arrivo a piccolo portone, entro, l' ingresso è austero, bu... Leggi di più
Un Picnic al parco Sempione con Tucano
Torna l’estate e Tucano non si lascia sfuggire un’ idea vincente, quella di Tucano Picnic.  Finalmente a Milano ci sarà un luogo – il negozio di Piazza Cadorna - dove fermarsi per prendere un sandwich o un’insalata al v... Leggi di più
58 Brut Rive di Combai
Un vino raffinato ed elegante protagonista di un aperitivo con gli amici o da sorseggiare durante il pranzo delle feste: qualsiasi sia la nostra scelta sappiamo di non aver sbagliato a voler celebrare i momenti festosi... Leggi di più
ABBINAMENTI INEDITI CON GRAND CRU NESPRESSO E DOLCI DELLA TRADIZIONE
Grand Cru Nespresso e i dolci della tradizione: abbinamenti inediti per sorprendere e rendere indimenticabile il momento del caffè durante le feste natalizie.   Le feste natalizie sono strettamente legate alla cucina, ... Leggi di più
I VINI MOSER TRA AROMI E BOLLICINE
L’Azienda Moser dimora nel Trentino e dispone di 16 ettari vitati dislocati in tre diverse aree tra la Val di Cembra e le colline di Trento. Produce cinque vini bianchi, due rossi, vinificati nella cantina di Maso ... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new