Per quanto il crudismo esista da sempre, è solo da qualche anno che ha assunto una valenza in qualche modo ideologica, nel senso che identifica quantomeno uno stile di vita, per cui pensieri, opinioni, valori e non solo una scelta alimentare. Ciò ha stimolato un dibattito talvolta conflittuale. 

Innanzitutto va detto che crudismo è oggi considerato nella sua accezione più stretta, ossia riferita all’alimentazione raw vegan, ed è questa particolarità a scaldare il dibattito. 

Il crudismo letteralmente inteso proprio di chi mangia cibi crudi di qualsiasi natura è meno considerato anche perché davvero raro come stile alimentare anche se storicamente più pregnante. In ogni caso si parla di crudismo, spesso senza cognizione di causa, ovviamente, come di una dieta di per sé carente e in qualche modo potenzialmente pericolosa per la salute di chi la pratica. Inoltre è vissuto come una sorta di estremismo alimentare, una forzatura. Ma a prescindere da valutazioni più o meno pregiudiziali, da un punto di vista gastronomico che cosa si può aggiungere considerato che non è questo l’aspetto più rilevante del contendere? Innanzitutto va solo ricordato che prima della scoperta del fuoco l’uomo mangiava prevalentemente alimenti crudi con la sola eccezione di qualche cibo episodicamente consumato dopo il divampare di un incendio che ne aveva procurato la cottura. Soprattutto frugivoro, si nutriva anche di animali morti, ossia ciò che rimaneva del pasto dei carnivori e se insediato sui litorali mangiava anche piccoli molluschi, crostacei e i pesci che rimanevano imprigionati nelle pozze d’acqua durante le basse maree; solo più tardi, dopo la scoperta del fuoco, cominciò a cacciare. L’uomo fu crudista per buona parte della preistoria, quantomeno come Homo habilis e Homo erectus. Di fatto la capacità prima di conservare il fuoco e poi di riprodurlo, cambiò la dieta umana. Con il fuoco iniziò, se si vuole, lo sviluppo della culinaria, per cui il cibo divenne, oltre che nutrimento, momento di appagamento gustativo. Oggi le cotture sono arrivate a livelli di perfezione un tempo inimmaginabili e i cibi cotti trovano ampio spazio nella dieta umana. Il crudismo attuale, a sua volta,  non è rimasto al paleolitico, non ignora i millenni di evoluzione del gusto e, nei suoi piatti, ricerca la piacevolezza non solo proponendo carpacci di pesce e tartare di carni, ma anche preparazioni vegane. Non mancano le salse, gli estratti, le emulsioni, le marinature, e anche a livello di ristorazione vi sono alcuni esempi di buona cucina vegana, con qualche acuto di alta cucina. Da un punto di vista gastronomico il crudismo non presenta lati deboli. Rispetto alla cucina borghese, a quella delle grandi salse elaborate, delle cotture estenuanti, ha il vantaggio di proporre il gusto originario degli ingredienti che è la forma di maggior rispetto verso il cibo. I cuochi che si sono rapportati a Expo non si sono limitati a proporre una cucina il più possibile sostenibile, ma anche a utilizzare cotture che rispettassero la natura del cibo per cui spesso brevi, semplici. A ciò si aggiunga la sostenibilità di questa cultura alimentare, elemento di cui una valutazione gastronomica non può ormai prescindere. Il crudismo, a parere di chi scrive, è un’espressione culinaria che merita rispetto… ovviamente quando è elaborazione compiuta e misurata.

I più letti del mese
TOM - THE ORDINARY MARKET
  Aggiornamento 7 marzo 2016 L’otto marzo a cena al TOM TOM esorta le signore a spogliarsi delle vecchie abitudini e di trascorrere la serata che il locale dedica al potere delle donne. Come? Cenando a uno dei suoi ta... Leggi di più
VECCHIA TORRE DELL'ORCHIDEA
Sulle note jazz di Take five nasce la mia"Vecchia torre dell'orchidea"Questo piatto è una cartolina di una stagione finita che ha la propria metrica sgargiante da gustare accompagnando "le Protagoniste" alla scoperta d... Leggi di più
SIMPOTICA SALENTO IGT NEGROMARO 2011 | GAROFANO VIGNETI E CANTINE
La Tenuta Monaci si trova a Copertino, nella parte più meridionale del Salento, in provincia di Lecce, dove Severino Garofano fondò nel 1955 l’attuale azienda Garofano Vigneti e Cantine. L’azienda si è dedicata in cinqua... Leggi di più
IL FLAMENCO DEL MOSAICO DANZA PROTAGONISTA AL TEATRO OUT OFF CON "LA SABIDURIA DEL CUERPO "
Milano - Un' irresistibile onda di energia, passione e ritmo sta per travolgere Milano: è "La Sabiduría del Cuerpo" (La saggezza del corpo ndr), lo spettacolo di flamenco firmato Il Mosaico Danza, che mercoledì 28 e giov... Leggi di più
DAVANTI AL CARLYLE BRERA HOTEL DIPINTI CON CAFFÈ E SPECIALITÀ AFRICANE
Aggiornamentodel 23 maggio 2017   Si è tenuta la mostra nel giardino interno  del Carlyle Brera Hotel di Abdou Khadra Ba (nella foto) con ampia affluenza del pubblico che a patteciato su invito, tra specialità africane... Leggi di più
RAMEN ALLE CIME DI RAPA CON STINCO DI MAIALE E DASHI
BATTIPALO: TRA LUNA E L'ACQUA DEL LAGO MAGGIORE
Battipalo  prende nome da una delle invenzioni di Leonardo Da Vinci: inventò l'attrezzo per piantare dei pali in agricoltura, successivamente adattato anche per i pali del lago, predisposti sulle chiatte. Il ristorante B... Leggi di più
IL TAI ROSSO IN GARA AL GRENACHES DU MONDE 2017
Dall'8 all'11 febbraio 2017 in Sardegna in programma la V edizione del Concorso Internazionale promosso dal Conseil Interprofessionnel des Vins du Roussillon. Il vitigno dei Colli Berici presente con 8 etichette. Il Tai... Leggi di più
AL ROSSOPOMODORO LAB DI VIALE SABOTINO LA PIZZA FRITTA NAPOLETANA VERACE
Rossopomodoro, il locale che molti anni fa ha introdotto un upgrade qualitativo della pizza napoletana a Milano - e poi nel mondo - rilancia oggi un'altra specialità gastronomica emblematica della citta' partenopea: la p... Leggi di più
ISCHIA SAFARI, IL VIAGGIO NEL GUSTO CONTINUA!
Si riapre dal 17 al 19 Settembre la caccia grossa ai sapori, ai colori e ai profumi del Mediterraneo, il viaggio nel gusto ideato e promosso dagli Chef Nino Di Costanzo e Pasquale Palamaro per celebrare la buona cucina i... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new