Si è tenuto al Palazzo delle Stelline, a Milano, un summit sull’umami. L'evento è stato organizzato da Ajinomoto (società giapponese che produce generi alimentari) in collaborazione con Npo Centro Informazione Umami Nobu Milano.

Il summit è stato introdotto da Stefania Viti, scrittrice ed esperta di umami, e poi sviluppato da un panel di discussione formato, tra gli altri, da Nobuyuki Matsushisa, titolare e chef di Nobu Milano; Yoshihiro Murata, titolare e chef del Kikunoi di Kyoto; Luca Fantin, executive chef del Ristorante Bulgari Ginza Tower di Tokyo, l’unico chef italiano in Giappone premiato con una stella Michelin; Laura Santtini dell’omonimo ristorante a Londra, esperta umami e ideatrice di una linea di prodotti umami, Gabriella Morini, ricercatrice dell’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche.

 

Umami è il quinto gusto scoperto in Giappone nel 1908 isolando l’acido glutammico da un brodo di alghe kombu. Una caratteristica dell’umami è esaltare i sapori, e pertanto si è cercato di capire se fosse solo un esaltatore di sapidità o un gusto vero e proprio. Dopo circa un secolo di ricerche si è scoperto che è un gusto in quanto, come gli altri quattro, è percepito attraverso i recettori della lingua. Umami è un termine giapponese che significa “saporito” o come suggerisce Gabriella Morini “delizioso”. 

Sono tre le caratteristiche del quinto gusto: dopo aver masticato (o bevuto) un cibo umami, il sapore si diffonde su tutta la superficie della lingua, è persistente e stimola la salivazione. Caratteristica dell’umami è quella di esaltare il sapore salato, permettendo pertanto di ridurre la quantità di cloruro di sodio a tutto vantaggio della salute. Ma l’umami non è un gusto apprezzato solo in epoca attuale e in Giappone. In Italia era amato almeno sin dall’antichità se si pensa che il garum dei Romani, la salsa di piccoli pesci messi in salamoia e fatti fermentare, aveva uno spiccato gusto umami e veniva utilizzata per “umamizzare” gli altri cibi. Un prodotto decisamente umami nato in epoca contemporanea è il concentrato di carne ottenuto da Justus von Liebig nell’Ottocento, dal quale nacquero i dadi.

 

 Oggi la cucina mediterranea offre tanti cibi umami. Per esempio una pasta condita con salsa di pomodoro meglio se concentrata e acciughe sotto sale, ha uno spiccato sapore umami (la pasta alla puttanesca è decisamente umami anche grazie alla presenza delle olive e dei capperi). Un cibo nostrano decisamente umami è il Parmigiano Reggiano stagionato, ma anche molti salumi e altri cibi molto apprezzati. Stabilito che il gusto umami piace, come viene recepito dalla nostra cultura e da quella giapponese? Noi, non essendo educati al gusto umami, lo produciamo senza averne coscienza; Luca Fantin ricorda  una sua parente che aggiungeva l’acciuga ai funghi non perché se ne riconoscesse il sapore, ma per rendere “più buono” il piatto, ossia per renderlo più umami. In Giappone, dove il gusto umami è conosciuto, si riproduce nei piatti non casualmente, ma con cognizione di causa, utilizzando ingredienti ben precisi in altrettanto precise quantità. In altri termini, conoscere l’umami permette di dosarlo. L’umami, più che descritto, va “mangiato” ed è questo il modo migliore per individuarlo e riconoscerlo. Oltre all'acido glutammico un’altra sostanza che stimola i recettori umami è l’inosina, un aminoacido che combinato con l'acido glutammico potenzia, grazie a una sinergia dei due componenti, il gusto umami. Combinazione sinergica che troviamo nel dashi, preparazione base della cucina giapponese, ossia un brodo di alga kombu (acido glutammico) cui viene unito il katzuobushi (inosina), ossia trucioli di tonnetto essiccato e affumicato (bonito). 

 L’umami, essendo presente nel latte materno, piace anche ai bambini, allunga la vita (il popolo giapponese è il più longevo del pianeta), permette di utilizzare meno sale, può essere prodotto con ingredienti poveri. La zuppa di miso, altra preparazione fortemente umami, viene consumata quotidianamente in Giappone. Il gusto umami rientra a pieno titolo nella tematica di Expo sulla sostenibilità.

Per quanto riguarda la gastronomia italiana sono umami il Parmigiano Reggiano e i formaggi stagionati, il prosciutto crudo e cotto, il salame, i pomodori, ancor di più i pomodori essiccati e il concentrato di pomodoro, i broccoli, il brodo di carne, le acciughe sotto sale, la colatura di alici, le carni di pollo, di maiale, di manzo, uova, e via elencando. 

Nobuyuki Matsushisa ha spiegato che un alimento essiccato, anche quando reidratato è più umami dell’ingrediente fresco: ciò spiega perché i pomodori secchi siano più umami di quelli freschi (ed è ancora più evidente nei funghi porcini).

Alla fine del summit Nobuyuki Matsushisa (Nobu) ha proposto un buffet di preparazioni umami. 

 

Nelle foto il panel di discussione e il bento box di Nobu nel contesto del buffet umami

I più letti del mese
CIABATTA: UN BUON PANE DAL NOME INFELICE
La precorritrice della ciabatta è nata nel Comasco attorno alla seconda metà degli anni Settanta, ma è stata perfezionata nel Rovigotto che ne è diventato la zona di produzione più significativa; è stata qui brevettata e... Leggi di più
IL CLIENTE HA SEMPRE RAGIONE? ANCHE QUANDO PRENOTA E NON SI PRESENTA?
Un ristoratore che non accetta prenotazioni perché al completo (per cui rinuncia a potenziali clienti) si fida della correttezza di chi ha precedentemente prenotato. Se poi questi non si presenta, un tavolo più o meno nu... Leggi di più
L’ARCHITETTURA DEL VINO IN OTTO TAPPE | CANTINE COME OPERE D’ARTE
L’architettura del vino in otto tappe. Alcune cantine realizzate nell’attuale millennio hanno modificato il rapporto dell’architettura degli edifici con l’economia del paesaggio. Costruzioni essen... Leggi di più
MILANO WHITE SPIRITS FESTIVAL & COCKTAILS SHOW: LA SECONDA EDIZIONE! 
Milano White Spirits Festival & Cocktails Show: al via la seconda edizione!  Sulla scia del successo dell'ultima edizione del Milano Whisky Festival & Fine Rum, Andrea Giannone e Giuseppe Gervasio Dolci – gli storici or... Leggi di più
Marmellate e confetture Maglio, genuinità e tradizione
Maglio oltre a produrre cioccolato, confeziona  marmellate e confetture  d’eccellenza utilizzando  frutta rigorosamente di stagione e del territorio, seguendo ricette e metodi tradizionali.  La frutta che utilizza... Leggi di più
LIVE MUSIC DINNER CON JOHN BIANCALE @ PELLEDOCA MILANO
A grande richiesta, dopo la strepitosa performance al 17° Compleanno del locale di qualche sera fa, il 12 aprile 2018 dalle 20.30 al Pelledoca Milano tornano come special guest con la loro coinvolgente live music tre mus... Leggi di più
CORRIAMO PER I DIRITTI UMANI! VENERDÌ 5 MAGGIO
Venerdì 5 maggio, alle ore 23, il Festival dei Diritti Umani  invita tutta la cittadinanza a partecipare ad una corsa organizzata intorno a Parco Sempione in collaborazione con Amnesty International e l’Associazione NoW... Leggi di più
VALLEBIO: MERLOT SCAJA, VIBRANTE DI FRUTTI ROSSI
Faccia d'angelo Enrico, lo vedi arrivare con la maglietta mille righe che segna quell'aria da paggetto inglese, a modo e composto, appena uscito dal College. Studia Agraria e si laurea all'Università di Enologia di Udin... Leggi di più
FRIE 'N' FUIE E VESYOUVIO SBARCANO A MILANO
“Le rivoluzioni spesso derivano dall'esigenza di ritrovare vecchie tradizioni” è il leitmotiv di Vincenzo Di Fiore, napoletano doc con una visione internazionale, amante della propria terra e cosmopolita, consulente d'az... Leggi di più
Sojasun presenta il nuovo Seitan Tonné
La nuova ricetta si aggiunge alla gamma di piatti pronti della linea 100% vegetale, poveri di grassi, ricchi di proteine vegetali e privi di lattosio, ideali per chi non vuole rinunciare al piacere della buona tavola So... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new