02set 2016
IL GENERE DEL VINO, IL PLURALE E IL SIGNIFICATO DI SECCO.
Articolo di: Fabiano Guatteri

La realtà vinicola è fascinosa, intrigante, ed è un piacere esplorarla ora con una guida, ora in piena solitudine. Il vino è anche comunicazione e si può sentire la mano di chi lo produce. A una degustazione alla cieca rimasi molto colpito da una produzione per il garbo, l’eleganza e poi scoprii che era l’unica etichetta di quelle in degustazione vinificata da una donna. Ma quando occorre nominare un vino, per esempio Grignolino, Amarone, Barbera, Montepulciano, Primitivo, Nosiola, Chianti, che articolo utilizziamo?… bisogna stare attenti a non sbagliare genere. Se alludiamo al Grignolino, non ci sono dubbi che l’articolo sia maschile, ma se ci riferiamo al/alla Barbera che articolo ci vuole? Maschile o femminile? Il o la? Di fatto si utilizzano entrambi gli articoli perché entrambi grammaticalmente ammessi, propendono più per il femminile se consideriamo le citazioni di autorevoli scrittori del passato che la volevano femmina. E ciò vale anche per Nosiola, Ribolla, Lugana, Freisa. Ma più che andare a orecchio o a seguire citazioni famose, in questi casi vale spesso la consuetudine per cui l’articolo maschile va riservato al vitigno, mentre quello femminile al vino. Per cui la Barbera (maiuscolo) è il vino e il barbera (minuscolo) il vitigno e ciò vale per tutti i casi analoghi, ossia quando il nome del vino è femminile. 

Non ci sono dubbi invece sul fatto che il plurale sia un errore. Talvolta gli stessi produttori lo commettono. Non ci sono i Baroli, ma i Barolo, gli Amarone, i Primitivo, le Barbera e ciò perché la denominazione di un vino, come un cognome, vuole sempre il numero singolare.

Capita di informarsi se un tal vino frizzante sia secco, per sentirsi rispondere che se il vino è secco non può essere frizzante, attribuendo implicitamente al termine secco il significato di fermo. In realtà secco significa non dolce, mentre abboccato, amabile, dolce rappresentano la scala zuccherina in crescendo del vino dove per abboccato si intende un vino in cui la dolcezza è appena percettibile. Pertanto un vino frizzante può essere secco, nonostante le bollicine. Un vino che non è mosso è più correttamente fermo, tranquillo, ma non secco. 

1

2

I più letti del mese
CRISTALLO MARINO NEL DESERTO DI PORPORA
Sulle note di Desert Rose nasce il mio "Cristallo marino nel deserto di porpora" Nelle sabbie del deserto di frutto originario della calda Africa dai colori purpurei e brillanti c'è una Rosa Marina che lungo tempo ha tra... Leggi di più
SECCA DEL CAPO COLOSI VINO BIANCO SAPIDO E VIBRANTE
Le Cantine Colosi producono vini di Salina e Malvasia delle Lipari dalla fine degli anni ottanta. Secca del Capo, Salina Indicazione Geografica Tipica, è ottenuto unicamente con uve malvasia allevate su terreno vulcanico... Leggi di più
SAN VALENTINO CON T’A MILANO AL SALON DU CHOCOLAT
Arriva finalmente a Milano il Salon du Chocolat, la grande fiera internazionale del cioccolato, che da ormai 20 anni riscuote enorme successo in tutto il mondo. La prima edizione milanese, che si gioverà della fortunata ... Leggi di più
Funny's Sicily - Temptation Island c/o AlBar Milano 11 luglio 2015

AlBar Milano presenta l’11 luglio, dalle ore 19, Funny’s Sicily – Temptation Island, l’evento dedicato alle isole più belle del mondo. Funny’s è un nuovo format per un weekend all’insegna del divertimento, della musica e... Leggi di più
Sul Sushi Tram Sake
Siamo saliti sul Sushi Tram Sake per il viaggio inaugurale dedicato alla stampa. Le modalità dei tour dei giorni successivi si svolgeranno con le modalità riportate nel programma recentemente da noi pubblicate. L’evento ... Leggi di più
Pier 52 autunno 2015
Abbiamo già avuto modo di scrivere di Pier 52, ristorante a vocazione ittica con piatti di carne di ricercati. Con l’arrivo dell’autunno il titolare Edi Beqja insieme con lo chef contitolare Pietro Penna, ha presentato a... Leggi di più
190 ANNI MA NON LI DIMOSTRA: IL TEMPORARY SHOP CAFFAREL
A Milano il primo temporary shop Caffarel per far conoscere le delizie del suo cioccolato. Il maître chocolatier piemontese che per primo, nel 1865, inventò il gianduiotto (diventato poi un simbolo di Torino) ha scelto ... Leggi di più
DAI CONTADINI, DOVE I PRODOTTI ALIMENTARI SI POSSONO COMPRARE... CON CREDITI
di Alessio Bini   In un piccolo comune della lucchesia, in Toscana, c’è un negozio di alimentari dove si possono trovare ancora i prodotti locali. Non i prodotti biologici certificati, ma semplicemente i prodotti... Leggi di più
SALON DU CHOCOLAT, L’UNICO EVENTO CHE ESALTA LE ECCELLENZE DEL CIOCCOLATO
Il cioccolato mette quasi tutti d’accordo su quanto sia il prodotto più goloso per eccellenza. Non a caso è stato definito “cibo degli dei” cui è difficile resistere: capace di consolare gli animi, sedurre i corpi, regal... Leggi di più
al d. gelateria all'azoto
La prima gelateria in Italia all’ azoto Mercoledì 1 aprile  alla gelateria “ al d.” di Bergamo, Marios Gerakis, suo ideatore e patron , ha tenuto uno showcooking riservato alla stampa; per l’occa... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new