22ago 2016
LA RICOTTA, IL NON FORMAGGIO POVERO, DALLE PROTEINE NOBILI
Articolo di: Fabiano Guatteri

La ricotta differisce dal formaggio in quanto è prodotta utilizzando il siero, ossia ciò che rimane del latte dopo la caseificazione. Conosciuta già in epoca antica, acquisì maggiore popolarità nel corso del Medioevo. Trattandosi di un prodotto povero, poco costoso, però dotato di soddisfacenti caratteristiche gastronomiche e alimentari, rivestì una notevole importanza economica. Il nome sta a indicare che è ottenuta utilizzando siero cotto due volte: una prima volta per produrre il formaggio, quindi nuovamente per ricavare la ricotta dai residui proteici. Più precisamente la ricotta è costituita dalla lattoalbumina del siero fatta coagulare e compressa. Questa, essendo termo-coagulabile, si rapprende non già utilizzando il caglio, ma riscaldando il siero leggermente acidificato con acido citrico o tartarico. Ciò spiega perché la ricotta è povera di calorie, ma va aggiunto che pur essendo tradizionalmente un prodotto di ripiego, la lattoalbumina che la definisce è una proteina di maggiore valore biologico, ossia meglio assimilata, della caseina. Quando viene immessa sul mercato la ricotta presenta colore bianco e possiede una consistenza soda, ma, se premuta, cedevole, ed è umida, non bagnata. Alcuni produttori per renderla più cremosa aggiungono latte al siero. Degustandola si evidenzia liscia al palato. Il profumo è delicato, mentre il sapore, anch’esso delicato, è più pieno nel caso sia stata prodotta con siero di pecora. Non deve invece essere molle o sierosa, con colore tendente al paglierino. La più famosa è la Ricotta Romana Dop, prodotta, in forma tronco conica con superficie solcata da strisce impresse dal canestro in cui è stata posta a sgrondare. È definita dal colore bianco perlaceo e dal profumo delicato, caratteristico. Il sapore è “dolce” e la consistenza è particolarmente morbida, fondente; degustandola si avverte la piacevole testura a grana fina. La ricotta, essendo asciutta e magra, si presta a essere servita con verdure e legumi in umido; si può provare con carote al latte, patate e cavolfiore al curry, lenticchie stufate, farcisce tortelli. Si apprezza insieme con asparagi al burro, con erbette o spinaci saltati in padella. Si abbina inoltre a cioccolato, a caldarroste e a marroni bolliti, a composte di frutta, a confetture di frutta. 

Si abbina a vini bianchi avvolgenti come Lugana San Benedetto Zenato, la Ribolla gialla Colli Orientali del Friuli Ronchi di Cialla..

La ricotta può essere commercializzata al taglio o confezionata. Nel primo caso è più deperibile e pertanto andrebbe consumata al più presto. Se confezionata fa fede la data di scadenza anche se è sempre meglio anticiparla. 

Le altre ricotte

Di sapore completamente diverso, in quanto molto intenso e penetrante, è la ricotta forte o scante, cremosissima, tant’è che viene conservata in vasetti, originaria del Leccese. È invece soda e sapida, la ricotta salata, specialità sarda. La prima è lungamente lavorata a mano, lasciata ancora spurgare dal siero, poi cosparsa di sale, nuovamente lavorata, quindi fatta maturare. Conservata in vasetti di vetro, ha consistenza molle, burrosa. Il colore è avorio tendente al grigio, con possibili tonalità più scure. Dal profumo, violento e penetrante, si intuisce il sapore, segnatamente intenso, piccante, apprezzato soprattutto da chi ricerca sapori decisi, pungenti. La ricotta salata è prodotta con latte di pecora. Il processo di lavorazione prevede che la lattoalbumina, una volta affiorata dal siero, sia lasciata cuocere, prima di essere estratta in modo da rassodarla. È quindi pressata in stampi e salata a secco. Viene successivamente stagionata per circa un mese e anche più tempo se si vuole particolarmente soda. Ha forma ossia sferica, oppure cilindrica. La crosta è quasi inesistente, di colore chiaro che può scurirsi con il protrarsi della stagionatura. La pasta è soda e se sufficientemente invecchiata da essere destinata alla grattugia, è dura, inequivocabilmente sapida, in alcune produzioni piccante. 

Vi sono inoltre ricotte al forno e affumicate reperibili soprattutto nei luoghi di produzione.

foto www.caseificiogarau.com/ricotta.html

1

I più letti del mese
CI VEDIAMO ALLO SLOAN SQUARE PER UNO SPRITZ, ANZI NO, PER UNO SDRITZ

Obei sDritz Day! Prende il via lo sDritz il nuovo Beer Cocktail dello Sloan Square, la versione birraia dello spritz, fatto con la birra Deus anziché con il classico spumante. Il nuovo aperitivo, che verrà presentato a ... Leggi di più
PERSECCO RONER, BEVANDA ANALCOLICA PÉTILLANT
Pere Williams e bollicine per un frizzante aperitivo analcolico!  Dici Roner,  dici pere Williams! E da 70 anni di amore per questo frutto dolce e succoso nasce Persecco: una novità di prodotto dall’ispirazione fus... Leggi di più
37° ORIENTE E OCCIDENTE: L’INCLUSIONE SI FA DANZA, ARTE E MOVIMENTO
Lo storico Festival internazionale di danza di Rovereto esplora i territori dell’inclusione, portando sul palco artisti abili e diversamente abili attraverso performance, workshop, proposte formative e laboratori. ... Leggi di più
APPUNTAMENTI GOLOSI GUSTOROTONDO: IERI DEGUSTAZIONE CIOCCOLATO GIRAUDI
Continuano gli appuntamenti di Gustorotondo del giovedì di cui abbiamo detto qui: ieri cioccolato gourmand Giraudi in tutte le sue forme Ieri  giovedì 20 ottobre a Milano da Gustorotondo Giraudi ha presentato la sua gam... Leggi di più
BURRO FIORE BAVARESE di MEGGLE
Il burro originale tedesco dal cuore della Baviera. Il Burro Meggle Fiore Bavarese è il burro di alta qualità Meggle per eccellenza. Estremamente morbido e gustoso, grazie alla speciale lavorazione di prima panna conser... Leggi di più
DÉJEUNER ET DÎNER À MUSIQUE A L'ARABESQUE CAFÉ
L'arabesque café, il ristorante e caffè letterario sotto i portici di Largo Augusto a Milano di cui abbiamo già parlato qui, per i primi mesi del 2016 ha confermato un nuovo programma di serate e brunch domenicali con "E... Leggi di più
IL SAKE AL VINITALY 2017 | UN’INTERA SEZIONE DI DODICI STAND
Il sake è entrato nel regno del vino: per la prima volta il Sake sarà presente alla più importante manifestazione vinicola del nostro paese: il Vinitaly. L'esposizione veronese aprirà i battenti dal 9 al 12 aprile, e gr... Leggi di più
LA FESTA DELLE DONNE DEL VINO: LE CANTINE ADERENTI E IL PROGRAMMA
Le Donne del Vino fanno festa: dal Piemonte alla Sicilia decine e decine di cantine condotte dalle associate aprono le porte per accogliere le winelovers e gli amanti del buon bere.   È una autocelebrazione festosa e g... Leggi di più
GUIDA AI RISTORANTI DI IDENTITÀ GOLOSE 2017 INTERAMENTE ONLINE
786 insegne da 36 Paesi, 13 giovani stelle e il contributo di oltre 90 autori da tutto il mondo È online dal 14 novembre 2016, all'indirizzo www.guidaidentitagolose.it, la seconda edizione interamente online (la decima... Leggi di più
COSMOFOOD: LA CUCINA D'AUTORE È DI CASA A VICENZA
Dal 12 al 15 novembre 2016 la quarta edizione di Cosmofood. Show cooking e corsi di cucina con Knam, Maci, Baldessari e Cogo. 4000 prodotti da vedere e gustare. Spazio alla cucina d'autore alla quarta edizione di Cosmofo... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

BANNER COSMOFOOD 400x400-IT.JPG

 

 

berlucchi-new