22ago 2016
LA RICOTTA, IL NON FORMAGGIO POVERO, DALLE PROTEINE NOBILI
Articolo di: Fabiano Guatteri

La ricotta differisce dal formaggio in quanto è prodotta utilizzando il siero, ossia ciò che rimane del latte dopo la caseificazione. Conosciuta già in epoca antica, acquisì maggiore popolarità nel corso del Medioevo. Trattandosi di un prodotto povero, poco costoso, però dotato di soddisfacenti caratteristiche gastronomiche e alimentari, rivestì una notevole importanza economica. Il nome sta a indicare che è ottenuta utilizzando siero cotto due volte: una prima volta per produrre il formaggio, quindi nuovamente per ricavare la ricotta dai residui proteici. Più precisamente la ricotta è costituita dalla lattoalbumina del siero fatta coagulare e compressa. Questa, essendo termo-coagulabile, si rapprende non già utilizzando il caglio, ma riscaldando il siero leggermente acidificato con acido citrico o tartarico. Ciò spiega perché la ricotta è povera di calorie, ma va aggiunto che pur essendo tradizionalmente un prodotto di ripiego, la lattoalbumina che la definisce è una proteina di maggiore valore biologico, ossia meglio assimilata, della caseina. Quando viene immessa sul mercato la ricotta presenta colore bianco e possiede una consistenza soda, ma, se premuta, cedevole, ed è umida, non bagnata. Alcuni produttori per renderla più cremosa aggiungono latte al siero. Degustandola si evidenzia liscia al palato. Il profumo è delicato, mentre il sapore, anch’esso delicato, è più pieno nel caso sia stata prodotta con siero di pecora. Non deve invece essere molle o sierosa, con colore tendente al paglierino. La più famosa è la Ricotta Romana Dop, prodotta, in forma tronco conica con superficie solcata da strisce impresse dal canestro in cui è stata posta a sgrondare. È definita dal colore bianco perlaceo e dal profumo delicato, caratteristico. Il sapore è “dolce” e la consistenza è particolarmente morbida, fondente; degustandola si avverte la piacevole testura a grana fina. La ricotta, essendo asciutta e magra, si presta a essere servita con verdure e legumi in umido; si può provare con carote al latte, patate e cavolfiore al curry, lenticchie stufate, farcisce tortelli. Si apprezza insieme con asparagi al burro, con erbette o spinaci saltati in padella. Si abbina inoltre a cioccolato, a caldarroste e a marroni bolliti, a composte di frutta, a confetture di frutta. 

Si abbina a vini bianchi avvolgenti come Lugana San Benedetto Zenato, la Ribolla gialla Colli Orientali del Friuli Ronchi di Cialla..

La ricotta può essere commercializzata al taglio o confezionata. Nel primo caso è più deperibile e pertanto andrebbe consumata al più presto. Se confezionata fa fede la data di scadenza anche se è sempre meglio anticiparla. 

Le altre ricotte

Di sapore completamente diverso, in quanto molto intenso e penetrante, è la ricotta forte o scante, cremosissima, tant’è che viene conservata in vasetti, originaria del Leccese. È invece soda e sapida, la ricotta salata, specialità sarda. La prima è lungamente lavorata a mano, lasciata ancora spurgare dal siero, poi cosparsa di sale, nuovamente lavorata, quindi fatta maturare. Conservata in vasetti di vetro, ha consistenza molle, burrosa. Il colore è avorio tendente al grigio, con possibili tonalità più scure. Dal profumo, violento e penetrante, si intuisce il sapore, segnatamente intenso, piccante, apprezzato soprattutto da chi ricerca sapori decisi, pungenti. La ricotta salata è prodotta con latte di pecora. Il processo di lavorazione prevede che la lattoalbumina, una volta affiorata dal siero, sia lasciata cuocere, prima di essere estratta in modo da rassodarla. È quindi pressata in stampi e salata a secco. Viene successivamente stagionata per circa un mese e anche più tempo se si vuole particolarmente soda. Ha forma ossia sferica, oppure cilindrica. La crosta è quasi inesistente, di colore chiaro che può scurirsi con il protrarsi della stagionatura. La pasta è soda e se sufficientemente invecchiata da essere destinata alla grattugia, è dura, inequivocabilmente sapida, in alcune produzioni piccante. 

Vi sono inoltre ricotte al forno e affumicate reperibili soprattutto nei luoghi di produzione.

foto www.caseificiogarau.com/ricotta.html

1

I più letti del mese
TOM - THE ORDINARY MARKET
  Aggiornamento 7 marzo 2016 L’otto marzo a cena al TOM TOM esorta le signore a spogliarsi delle vecchie abitudini e di trascorrere la serata che il locale dedica al potere delle donne. Come? Cenando a uno dei suoi ta... Leggi di più
VECCHIA TORRE DELL'ORCHIDEA
Sulle note jazz di Take five nasce la mia"Vecchia torre dell'orchidea"Questo piatto è una cartolina di una stagione finita che ha la propria metrica sgargiante da gustare accompagnando "le Protagoniste" alla scoperta d... Leggi di più
SIMPOTICA SALENTO IGT NEGROMARO 2011 | GAROFANO VIGNETI E CANTINE
La Tenuta Monaci si trova a Copertino, nella parte più meridionale del Salento, in provincia di Lecce, dove Severino Garofano fondò nel 1955 l’attuale azienda Garofano Vigneti e Cantine. L’azienda si è dedicata in cinqua... Leggi di più
IL FLAMENCO DEL MOSAICO DANZA PROTAGONISTA AL TEATRO OUT OFF CON "LA SABIDURIA DEL CUERPO "
Milano - Un' irresistibile onda di energia, passione e ritmo sta per travolgere Milano: è "La Sabiduría del Cuerpo" (La saggezza del corpo ndr), lo spettacolo di flamenco firmato Il Mosaico Danza, che mercoledì 28 e giov... Leggi di più
DAVANTI AL CARLYLE BRERA HOTEL DIPINTI CON CAFFÈ E SPECIALITÀ AFRICANE
Aggiornamentodel 23 maggio 2017   Si è tenuta la mostra nel giardino interno  del Carlyle Brera Hotel di Abdou Khadra Ba (nella foto) con ampia affluenza del pubblico che a patteciato su invito, tra specialità africane... Leggi di più
RAMEN ALLE CIME DI RAPA CON STINCO DI MAIALE E DASHI
BATTIPALO: TRA LUNA E L'ACQUA DEL LAGO MAGGIORE
Battipalo  prende nome da una delle invenzioni di Leonardo Da Vinci: inventò l'attrezzo per piantare dei pali in agricoltura, successivamente adattato anche per i pali del lago, predisposti sulle chiatte. Il ristorante B... Leggi di più
IL TAI ROSSO IN GARA AL GRENACHES DU MONDE 2017
Dall'8 all'11 febbraio 2017 in Sardegna in programma la V edizione del Concorso Internazionale promosso dal Conseil Interprofessionnel des Vins du Roussillon. Il vitigno dei Colli Berici presente con 8 etichette. Il Tai... Leggi di più
AL ROSSOPOMODORO LAB DI VIALE SABOTINO LA PIZZA FRITTA NAPOLETANA VERACE
Rossopomodoro, il locale che molti anni fa ha introdotto un upgrade qualitativo della pizza napoletana a Milano - e poi nel mondo - rilancia oggi un'altra specialità gastronomica emblematica della citta' partenopea: la p... Leggi di più
ISCHIA SAFARI, IL VIAGGIO NEL GUSTO CONTINUA!
Si riapre dal 17 al 19 Settembre la caccia grossa ai sapori, ai colori e ai profumi del Mediterraneo, il viaggio nel gusto ideato e promosso dagli Chef Nino Di Costanzo e Pasquale Palamaro per celebrare la buona cucina i... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new