Sostenibilità è un termine che, negli ultimi anni, ha assunto un carattere di universalità e implica, o può implicare, conoscenza ambientale, conseguentemente presa di coscienza, quindi comportamenti adeguati. 

Durante Expo è stata una delle parole pronunciate con maggior frequenza, ha assunto un carattere di urgenza e segnato un punto di non ritorno, quasi innescando un conto alla rovescia da qui a una fine del pianeta sempre meno remota se la sostenibilità non verrà rispettata. Le interpretazioni di sostenibilità sono tante, da quelle manifestate per le strade di Milano il Primo Maggio, giorno di inaugurazione di Expo, a quelle che hanno trovato compatibile la presenza di una multinazionale dei burger con la filosofia espositiva. Potremmo affermare che l’interpretazione più blanda di sostenibilità sia la riduzione, quando non l’eliminazione dello spreco. E se sostenibilità è un’urgenza, una priorità, dovemmo rimuovere qualsiasi impedimento alla sua piena concretazione. 

La realtà è in continuo movimento, il motore della storia non si è mai spento, nonostante chi con tutte le forze si aggrappa al passato, perché la storia non si ferma, va avanti… talvolta balbetta, quasi a riproporre un ricorso, ma poi riparte senza ripetersi mai. E ciò vale anche per i costumi, le abitudini, gli stili di vita, i comportamenti sociali, culturali, alimentari. Il galateo fa la sua parte e si adegua ai mutamenti. Del galateo del ricevimento vogliamo cogliere soprattutto la funzionalità, perché il modo corretto di stare a tavola, se si vuole l’eleganza, in genere è funzionale, ossia leggero, liquido, privo di orpelli talvolta caricaturali. Il galateo un tempo consigliava di bere lo Champagne brut in coppa; successivamente considerato che altri calici meglio ne riproducevano le caratteristiche, la coppa venne destinata ad altri impieghi, e il galateo si è adeguato. Le cene di gala non propongono quasi più il primo piatto brodoso e talvolta tollerano persino un graditissimo assaggio di formaggio… modificando così alcune le regole perché queste non sono monoliti, e quando si rivelano tali, vanno levigate come sa fare il fiume, modellate e se ciò non bastasse, spazzate via. 

Pertanto il galateo deve misurarsi anche con la cogenza della sostenibilità. Prendiamo la scarpetta… considerata la presunta ineleganza, c’è sempre stato chi, cercando di “nobilitarla”, infilzava il pezzo di pane con la forchetta, rendendo in realtà la procedura parodistica. Negli anni novanta una certa posateria, come il salsa-coltello, aveva permesso di eliminare la scarpetta senza rinunciare a recuperare la salsa. Ora invece la scarpetta è tornata d’attualità.

Il galateo va modificato se la razionalità, o altri valori culturali, lo richiede; nel dar spazio alla sostenibilità, non si tratta di eliminare i congiuntivi, non si tratta di una volgarizzazione del galateo, ma semmai di una sua sublimazione. Oggi in epoca di cucina compatibile, di recupero degli avanzi, di risparmio energetico, di compostaggio, è auspicabile pulire il piatto con un pezzo di pane non solo perché la salsa rimasta non si sprechi, ma anche perché non si utilizzi una quantità superiore di detersivo per doverlo lavare, perché non si debba utilizzare più acqua per sciacquarlo e perché l’acqua che si scarica sia meno inquinante. Oggi, in una logica di galateo sostenibile, sarebbe inadeguato, semmai, lasciare il piatto “sporco”. Per cui nobilitiamo la scarpetta; purché senza forchetta. Ma il ragù Barilla che cosa c’entra? vedi lo spot.

 

Immagine fonte:  http://www.spotandweb.it Spot Barilla

I più letti del mese
FORTULLA ROSSO DI TOSCANA IGT - CABERNET SAUVIGNON FRANC 2010
Nel 1994 nasce Agrilandia in zona Castiglioncello, provincia di Livorno, per ripopolare una landa abbandonata mettendo a dimora vigneti, oliveti e macchia mediterranea che si popolò di sette ettari vitati, dei quali cinq... Leggi di più
CULTURA DEL BERE: L’ALLEANZA TRA EATALY E LE DONNE DEL VINO
Sarà un settembre in rosa quello nei punti vendita italiani di Eataly, Torino, Milano, Trieste, Bari e Roma con le etichette di ben 15 cantine delle Donne del Vino incontri, degustazioni e carta dei vini nei ristoranti o... Leggi di più
Tagliatelle di zucchine con crema di mandorle e spinaci (vegan)
I VINI CIÙ CIÙ PROTAGONISTI AL WHITE | FOR MARCHE – FOOD FOR GOOD
I vini biologici dell’azienda di Offida hanno sposato il progetto For Marche – Food for Good a sostegno delle aziende con sede nelle aree terremotate del centro Italia.                                                   ... Leggi di più
PARMA 24 LUGLIO: LA NOTTE DEI MAESTRI DEL LIEVITO MADRE
Il 24 luglio dalle ore 20.30 l’appuntamento è a Parma per chi ama i prodotti lievitati artigianali e vuole incontrare i più grandi Maestri pasticceri d’Italia: torna la terza edizione della Notte dei Maestri ... Leggi di più
DA OGGI STOP AI VEICOLI EURO 0 BENZINA E DA EURO 0 A 3 DIESEL
Da oggi sabato 4 febbraio entrano in vigore le misure di secondo livello del Protocollo Aria con conseguente. Stop ai veicoli Euro 0 benzina e da Euro 0 a 3 diesel, tutti i giorni dalle ore 7:30 alle ore 19:30. Dopo se... Leggi di più
Cominciamo da un caffè Gaggia
Cominciare la giornata con un buon caffè è impagabile, e la tazzina durante il giorno è sempre un piacevole incontro. Riprodurre a casa il caffè come al bar, e talvolta meglio che al bar, è il sogno dei cultori di questa... Leggi di più
LA CITTÀ DELLA PIZZA: ECCO LA SQUADRA DEI PIZZAIOLI PRESENTI A ROMA
La Città della Pizza: ecco la squadra dei pizzaioli presenti a Roma 31 marzo, 1 e 2 aprile 2017, a Roma, presso Guido Reni District. Un dream team per raccontare il prodotto Made in Italy più amato al mondo   Per tre ... Leggi di più
DIECI CHAMPAGNE SOTTO L’ALBERO DI NATALE… O PER CAPODANNO
Lo Champagne è il vino più conosciuto al mondo, forse il più leggendario. Regalare una bottiglia di Champagne… non si sbaglia mai. Però le etichette non sono tutti uguali. Vi sono Champagne freschi e immediati, e altri ... Leggi di più
LA SCOMPARSA DELL'OMBELICO. DIARIO DI UNA GRAVIDANZA  
«Da 255 giorni ormai, tu cresci e io ingrasso. Ti porto dentro di me. All’inizio non eri pesante, non abbastanza. Era difficile capire come vestire il tuo corpo da granello di sabbia. Se nasci oggi, non ti manchera... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new