Enjoy the City / Eventi / Una città tutta nuova, nella guida scritta dal “turista”
3
March
Una città tutta nuova, nella guida scritta dal “turista”

Una città tutta nuova, nella guida scritta dal “turista”

(Leisure)

Si può riscoprire la città in cui si vive grazie ad una guida “speciale”? E’ la scommessa che Lonely Planet fa con gli autori stranieri che raccontano le città italiane nelle loro guide per turisti!

Ogni città racconta una storia! E’ il claim con cui LonelyPlanet promuove le sue guide per le città italiane. E l’idea innovativa è quella di far scrivere le guide a degli autori stranieri, come nel caso di Duncan Garwood, che dopo la sua guida su  Roma, probabilmente lavorerà anche ad una guida su Milano.

Ducan ha occhi ed orecchie abituate a trovare location ed eventi interessanti anche nelle grandi città. E sarà forse questo il successo dei suoi lavori, “una guida scritta da una sorta di turista speciale”, la rende interessante anche per quanti vogliano guardare con occhi diversi la città in cui vivono!

Ducan ha detto di scrivere le sue guide per i turisti, ma gli piace l’idea che possano essere utilizzate anche da quanti in città ci vivono, e vogliono scoprirla come se la visitassero per la prima volta.

Nel caso di Roma, per sottolineare l’idea che la città possa essere scoperta in modo speciale a seconda dei punti di vista, alla presentazione hanno partecipato  Giuseppe Cederna, attore di Napoli, Doris Zaccone, speaker di Radio Capital, da Maranello ed il giornalista Luca Bianchini da Torino.

Ciascuno di loro ha dato la sua personale intepretazione della città, raccontando delle splendide passeggiate notturne “forzate” a causa dello sciopero dei taxi, oppure della città che si ferma quando c’è il derby.

Queste sono cose che non si trovano nella guida, ma servono per prepararsi alla confusa atmosfera romana!

E poi ci si può anche concedere “l’abbracio di una pasta e ceci”, come dice  Duncan nella guida.

Alberto Fiorillo, l’unico romano presente al tavolo, portavoce di Legambiente, ha chiesto a Duncan cosa ne pensasse dell’idea di chiudere al traffico l’area del Colosseo.

“Sarebbe una bella idea, ma la prima volta che lo vedi, il Colosseo, non riesci a vedere altro, incluse le macchine. E’ una delle più belle prime volte della vita” ha risposto Ducan.